LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UDINE-Restauro statue piazza Libert: marted 11 luglio visite guidate gratuite
http://www.udinetoday.it/eventi/restauro-statue-piazza-liberta-martedi-11-luglio-visite-guidate-pren

Osservare da vicino le opere tornate all'antico splendore, con il dettaglio degli interventi spiegato ''in diretta'' dagli stessi restauratori: lo potranno fare i cittadini udinesi nel corso delle visite guidate gratuite che l'amministrazione comunale ha programmato nell'intera giornata marted 11 luglio 2017, in occasione della conclusione dei lavori di restauro finanziati dalla Danieli & C. Officine Meccaniche Spa di Buttrio dei monumenti di piazza Libert.

IL RESTAURO Il cantiere per il restauro delle quattro installazioni in pietra presenti sul terrapieno, ovvero il Monumento alla Pace di Campoformido, le sculture raffiguranti Ercole e Caco, la colonna con il leone marciano e la fontana di Giovanni Carrara, stato possibile grazie al mecenatismo della Danieli. Il contributo di 72.000 euro della Danieli stato utilizzato ricorrendo all'Art Bonus, l'agevolazione fiscale voluta dal Governo e riconosciuta a tutti coloro che effettuano unerogazione liberale a sostegno della cultura. Iniziato lo scorso marzo, l'intervento era stato affidato all'impresa L.A.A.R. s.r.l. di Udine. Ora, a conclusione dei lavori, i i cittadini di Udine potranno osservare da vicino il rinnovato aspetto delle statue e della fontana.

La giornata si articoler in quattro visite guidate gratuite. La prima in programma alle 10.00. Seguir una seconda visita alle 11.30. Dopo la pausa di met mattina le visite riprenderanno alle 17.00, con i saluti delle autorit, e alle 18.30. Sar possibile prendervi parte solo su prenotazione, visti i posti limitati. Per prenotare, baster telefonare a Casa Cavazzini (tel. 0432 127 3772 da marted a domenica 10.30 19.00) indicando l'orario desiderato. Ogni turno vedr una relazione da parte di un esperto sull'importanza artistica e storica della piazza, a cui seguir la relazione sui lavori di restauro da parte dei curatori del cantiere.

Monumento alla Pace di Campoformido

La statua in pietra d'Istria opera dello scultore piemontese Giovanni Battista Comolli , ed stata realizzata per ricordare il trattato di Pace del 1797 tra Napoleone Bonaparte e il Regno Austro-Ungarico. La scultura fu portata a Campoformido nel 1813, da l trasferita a Udine nel 1819 e quindi collocata nell'attuale ubicazione. Il basamento cilindrico in pietra d'Istria opera dell'udinese Michele Zuliani, detto il Lessano, e poggia su uno zoccolo ottagonale incluso dalle scale semicircolari che conducono dal piano della piazza alla salita al Castello congiungendosi a muretti intonacati incorniciati da pietra. Sia lo zoccolo che i muretti sono stati entrambi inclusi nell'intervento. L'ultimo restauro risale al 2000, e ha visto lavori di pulitura, consolidamento, stuccatura e stesura di consolidante su tutte le parti lapidee.

Le sculture raffiguranti Ercole e Caco

Le statue seicentesche di Ercole e Caco - per gli udinesi Florean e Venturin - sono state realizzate in pietra d'Aurisina da Angelo de Putti. In origine erano collocare in piazza XX settembre, nel Palazzo Della Torre, che nel 1717 il Consiglio dei Dieci ordin di distruggere. Le statue vennero salvate e trasferite nella Piazza Contarena, ora Piazza Libert. Le due statue sono gi state oggetto di restauro nel lontano 2007 a causa della pietra resa porosa dal dilavamento delle acque meteoriche.

La colonna con leone Marciano

La colonna venne eretta il 15 novembre 1539, ma il sovrastante Leone di San Marco fu distrutto nel 1797 sotto il dominio francese. Riscolpito da Domenico Mondini, su disegno di Giuseppe Masutti, il 7 agosto 1883 fu collocato sul fusto in pietra grigia di Timau. I quattro gradini del basamento, anch'essi oggetto dell'intervento, sono in pietra piasentina. Qui l'ultimo restauro risale al 1997 quando un intervento venne eseguito con una pulitura delle superfici, il consolidamento di parti ammalorate, il fissaggio di frammenti, la stuccatura di fessure e fratture e un trattamento superficiale con prodotto protettivo.

La fontana di Giovanni Carrara

La fontana di Piazza Libert, realizzata su disegno da sempre attribuito a Giovanni da Udine come anche la fontana in piazza San Giacomo, progetto documentato (1542) dell'ingegnere bergamasco Giovanni Carrara. La fonte cinquecentesca si eleva con uno zoccolo a tre gradini sopra il quale si sviluppa una vasca circolare con specchiature rettangolari. L'elemento verticale costituito da un candelabro che regge due bacili sovrapposti (di dimensioni maggiori e bombato quello inferiore, pi piccolo quello superiore).

L'acqua sgorga all'apice del candelabro nella coppa superiore, di qui defluisce per tracimazione nella vasca maggiore, dalla quale poi fuoriesce attraverso tre gocciolatoi in bronzo di forma leonina. A protezione della vasca posta una ringhiera in ferro, certamente non originale, ma documentata gi nelle incisioni settecentesche della piazza. Forse gi a quell'epoca sono riferibili anche le fodere in piombo, con funzione antigelo posti all'interno delle vasche e all'estremit del candelabro. Un'ulteriore aggiunta alla fontana cinquecentesca la parte sottostante, con i tre gradini d'accesso che portano al basamento nel quale, tramite altri sei gradini che conducono al piano stradale, sono presenti tre mascheroni che sputano l'acqua in piccole vasche sottostanti. Tutto il complesso compreso tra il piano stradale e il piano di calpestio della piazza sar oggetto dell'intervento. Il Comune di Udine gi nel 1993 aveva presentato alla Soprintendenza una relazione sullo stato di conservazione, e aveva chiesto il nulla osta per un progetto di restauro.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news