LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Assalto all'ambiente, tremila reati in un anno
GIUSI SPICA
04 luglio 2017 LA REPUBBLICA



IL DOSSIER / IL RAPPORTO "ECOMAFIA" DI LEGAMBIENTE COLLOCA LA SICILIA AL SECONDO POSTO NELLA CLASSIFICA DEGLI SCEMPI SCOPERTI



In Sicilia, nel 2016, sono stati commessi pi di otto reati al giorno contro l'ambiente, compresi domeniche e festivi. I dati dell'ultimo dossier di Legambiente confermano l'Isola seconda solo alla Campania nella classifica delle regioni ostaggio delle ecomafie, con 3.084 crimini accertati. E Palermo si piazza al quinto posto tra le province italiane pi colpite, con 811 illeciti. Un rapporto con luci e ombre che mostra l'aumento delle denunce e delle sanzioni, grazie all'inserimento dei delitti ambientali nel codice penale, ma accende i riflettori sul grande business degli incendi boschivi, in aumento rispetto allo scorso anno.

Su questo fronte il 2016 stato l'anno in cui pi si infittita l'attivit investigativa: con 735 reati (il 15 per cento in pi), 14 denunce e due sequestri, l'Isola al terzo posto in Italia dopo Calabria e Campania. Per questo dice il presidente regionale dell'associazione, Gianfranco Zanna stiamo pensando di proporre alle procure di applicare ai piromani l'aggravante del reato di ecomafia.

Crimini contro l'ambiente che spesso coinvolgono colletti bianchi e imprenditori: la Sicilia quarta nel numero di inchieste per corruzione in campo ambientale. Nel 2016 finito nei guai il funzionario regionale Salvatore Rando, pizzicato a intascare una tangente per oleare la pratica di un imprenditore ragusano nel settore del fotovoltaico, mentre risale a maggio di quest'anno il sequestro di beni per il re dell'eolico di Trapani, Salvatore Angelo, che i magistrati ritengono in affari con il superlatitante Matteo Messina Denaro.

Tra i primati negativi anche il "mattone selvaggio": con settecento manufatti abusivi per chilometro quadrato la Sicilia in testa con la Puglia, nonostante le demolizioni (accompagnate da uno strascico di polemiche) che recentemente sono state imposte a Licata o nella Valle dei templi. Eppure il numero di infrazioni scoperte in diminuzione: con 211 contestazioni, 215 persone denunciate, 68 immobili cui le forze dell'ordine hanno apposto i sigilli, la Sicilia nona in Italia. Secondo Gianfranco Zanna, una soluzione c': Basterebbe archiviare l'assurda pratica delle sanatorie che periodicamente viene rispolverata e semplificare l'iter delle demolizioni.

L'Isola detiene poi il record di reati contro gli animali. Bracconaggio, commercio illegale di specie protette, abigeato, allevamenti illegali, macellazioni in nero, pesca di frodo, combattimenti clandestini e maltrattamenti: dei tremila crimini commessi in Italia, un terzo (1.062) si sono consumati in Sicilia.

Un altro capitolo del dossier "Ecomafia" presentato ieri a Roma riguarda il ciclo dei rifiuti: con 412 illeciti contestati, 628 persone denunciate e 173 sequestri, la regione si piazza al quinto posto dopo Campania, Puglia, Lazio e Calabria. Non conosce crisi anche il settore dell'archeomafia, che gestisce gli scavi clandestini e le razzie nei siti archeologici, per poi piazzare i pezzi sul mercato clandestino: sono 47 le opere d'arte e gli oggetti rubati. Numeri che regalano alla Sicilia il quinto posto in Italia, dopo Lazio, Toscana, Campania e Piemonte.




news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news