LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Assalto all'ambiente, tremila reati in un anno
GIUSI SPICA
04 luglio 2017 LA REPUBBLICA



IL DOSSIER / IL RAPPORTO "ECOMAFIA" DI LEGAMBIENTE COLLOCA LA SICILIA AL SECONDO POSTO NELLA CLASSIFICA DEGLI SCEMPI SCOPERTI



In Sicilia, nel 2016, sono stati commessi pi di otto reati al giorno contro l'ambiente, compresi domeniche e festivi. I dati dell'ultimo dossier di Legambiente confermano l'Isola seconda solo alla Campania nella classifica delle regioni ostaggio delle ecomafie, con 3.084 crimini accertati. E Palermo si piazza al quinto posto tra le province italiane pi colpite, con 811 illeciti. Un rapporto con luci e ombre che mostra l'aumento delle denunce e delle sanzioni, grazie all'inserimento dei delitti ambientali nel codice penale, ma accende i riflettori sul grande business degli incendi boschivi, in aumento rispetto allo scorso anno.

Su questo fronte il 2016 stato l'anno in cui pi si infittita l'attivit investigativa: con 735 reati (il 15 per cento in pi), 14 denunce e due sequestri, l'Isola al terzo posto in Italia dopo Calabria e Campania. Per questo dice il presidente regionale dell'associazione, Gianfranco Zanna stiamo pensando di proporre alle procure di applicare ai piromani l'aggravante del reato di ecomafia.

Crimini contro l'ambiente che spesso coinvolgono colletti bianchi e imprenditori: la Sicilia quarta nel numero di inchieste per corruzione in campo ambientale. Nel 2016 finito nei guai il funzionario regionale Salvatore Rando, pizzicato a intascare una tangente per oleare la pratica di un imprenditore ragusano nel settore del fotovoltaico, mentre risale a maggio di quest'anno il sequestro di beni per il re dell'eolico di Trapani, Salvatore Angelo, che i magistrati ritengono in affari con il superlatitante Matteo Messina Denaro.

Tra i primati negativi anche il "mattone selvaggio": con settecento manufatti abusivi per chilometro quadrato la Sicilia in testa con la Puglia, nonostante le demolizioni (accompagnate da uno strascico di polemiche) che recentemente sono state imposte a Licata o nella Valle dei templi. Eppure il numero di infrazioni scoperte in diminuzione: con 211 contestazioni, 215 persone denunciate, 68 immobili cui le forze dell'ordine hanno apposto i sigilli, la Sicilia nona in Italia. Secondo Gianfranco Zanna, una soluzione c': Basterebbe archiviare l'assurda pratica delle sanatorie che periodicamente viene rispolverata e semplificare l'iter delle demolizioni.

L'Isola detiene poi il record di reati contro gli animali. Bracconaggio, commercio illegale di specie protette, abigeato, allevamenti illegali, macellazioni in nero, pesca di frodo, combattimenti clandestini e maltrattamenti: dei tremila crimini commessi in Italia, un terzo (1.062) si sono consumati in Sicilia.

Un altro capitolo del dossier "Ecomafia" presentato ieri a Roma riguarda il ciclo dei rifiuti: con 412 illeciti contestati, 628 persone denunciate e 173 sequestri, la regione si piazza al quinto posto dopo Campania, Puglia, Lazio e Calabria. Non conosce crisi anche il settore dell'archeomafia, che gestisce gli scavi clandestini e le razzie nei siti archeologici, per poi piazzare i pezzi sul mercato clandestino: sono 47 le opere d'arte e gli oggetti rubati. Numeri che regalano alla Sicilia il quinto posto in Italia, dopo Lazio, Toscana, Campania e Piemonte.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news