LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA. Il ministro guida il dissenso "Idee diverse, io vado avanti"
Goffredo De Marchis
07 luglio 2017 LA REPUBBLICA





Nessuna apertura. Se lui dice che sbagliato parlare del tema delle alleanze, di quale apertura possiamo parlare?. Dario Franceschini incassa l'applauso pi lungo della direzione, ma non da Matteo Renzi. Che lo guarda corrucciato durante il suo intervento e scuote vigorosamente la testa quando il ministro della Cultura dice che il Pd da solo perde o pi esattamente che il Pd cos non vince ma insomma lo stesso. Franceschini continua a non capire l'ostinazione del segretario. Il sindaco si occupa del marciapiede e allo stesso tempo della tenuta della sua coalizione. Questo non significa essere politicanti. Semmai pensare alla politica e ad amministrare bene i propri cittadini.

E quindi il duello rimane. Ieri in direzione si giocato tutto proprio sul binomio tra la politica politicante, quella che si occupa degli alleati e non dei problemi, e la politica dei contenuti, quella dei programmi, del veto sul fiscal compact come ha sintetizzato Renzi. Naturalmente, un'accusa che non va gi al ministro della Cultura e nemmeno ad Andrea Orlando. In fondo il concetto chiaro: se il Pd arriva secondo o terzo alle elezioni, dei vincoli europei, dell'immigrazione, del lavoro che c' e di quello che non c' si occuper qualcun altro. chiaro anche a me che in campagna elettorale non si dovr discutere di coalizioni insiste Franceschini . Ma occorre puntare a vincere per fare in modo che sia il Pd a occuparsi del marciapiede. Alla fine il ministro e i suoi fedelissimi votano la relazione del segretario. Eppure Franceschini non sfugge alla questione di fondo, ammette che il problema rimane. In un partito si discute, va bene cos. Abbiamo sostenuto idee diverse, per. Continuano a essere diverse. E io vado avanti.

Come, il titolare della Cultura lo decider nelle prossime ore. Ma si capito fin dall'inizio che non poteva fare un passo indietro, che il sasso lanciato dopo i ballottaggi non lo avrebbe rimesso in tasca. Ora Franceschini attende che maturino posizioni nuove dentro il cerchio dei renziani stretti. Per esempio il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomat, fan del segretario, ha parlato delle alleanze che servono per vincere al Sud: Come dice Veltroni, voglio un partito maggioritario, ma non autosufficiente . Sono piccole crepe significative? Non ancora detto.

Renzi ha messo in riga i dissensi, soprattutto quelli di Orlando, il leader della minoranza che ha invocato il dialogo con Pisapia. La storia delle coalizioni secondo me fa male alla politica. Io non voglio aiutare Pisapia voglio aiutare il Pd. Non siamo mica una confraternita religiosa che d una mano al prossimo. Sempre al Guardasigilli che rivendica il diritto al dibattito, ribatte: Voi non dovete cambiare le vostre idee ma nemmeno noi le nostre. Tanto pi se avete preso al congresso il 25 per cento e noi il 70. La vocazione minoritaria no, per favore. Parole pi che sufficienti per vedere gli orlandiani alzarsi e non partecipare al voto finale quando il ministro della Giustizia era gi andato via per volare a Tallin. Il discorso di Renzi non stato all'altezza di un progetto - dice il coordinatore dell'area Orlando, Andrea Martella - e delle alleanze nella societ che servono a portarlo avanti .

Franceschini rimane seduto invece. Da solo, in mezzo alla sala, telefonino in mano e maniche di camicia. A lui Renzi si rivolge in maniera indiretta, ma contesta quasi punto per punto la sua analisi dei ballottaggi. inutile fare paragoni tra le comunali di oggi e quelle del passato. L'elettore ha altre logiche e ha bisogno di messaggi chiari dalla politica . Poi, lo avverte: Dario ha detto cose giuste qui. Altrove meno. Per esempio, su Repubblica.

Ma le discussioni si fanno nel partito, a meno che Repubblica non sia un altro partito. Attacca il ministro per il giudizio sui ballottaggi: Nel 2013 abbiamo preso il 26 per cento, nel 2008 il 33 e nel 2014 il 40,8. Questi sono dati paragonabili, quelli con lo stesso simbolo. Le comunali non c'entrano niente. Come dire che la partita per le politiche sar diversa. Ironizza sulle unioni civili: Le abbiamo fatte noi. Ma voi, con le alleanze, mi proponete alcune unioni incivili....

Dunque, la tregua non c'. Esiste invece un'asse Franceschini- Orlando, tutto da consolidare magari intorno a una proposta di legge elettorale, e la linea di Renzi che prepara la campagna elettorale guardando da tutt'altra parte. Anche senza streaming, il confronto viene a galla lo stesso.





news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news