LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La collezione Cerruti al Castello di Rivoli
Stefano Bucci
Corriere della Sera 8/7/2017

RIVOLI (TO). Un Don Bosco dellarte: questo era, secondo i suoi (rarissimi) amici, Francesco Federico Cerruti (1922-2015), lo schivo ragioniere torinese (genovese per per nascita e radici familiari) che solo per amore della bellezza e senza nessuno desiderio di ostentazione, ha messo insieme in settantanni di collezionismo un tesoro stimato (da Artnet) oltre 570 milioni di dollari. Un tesoro privato che, in base allaccordo tra il Castello di Rivoli e la Fondazione Francesco Federico Cerruti per lArte, ora ufficialmente passato sotto la cura, lo studio, la valorizzazione e la gestione del primo museo dArte contemporanea dItalia (il Castello di Rivoli, appunto, inaugurato nel 1984). Un progetto ambizioso, come lo ha definito ieri la direttrice di Rivoli Carolyn Christov-Bagargiev, che offre una prospettiva opposta a quella attualmente seguita da grandi istituzioni museali come il Met, il Louvre o lHermitage impegnate a storicizzare il contemporaneo: qui a Rivoli, invece il passato a diventare contemporaneo.

Un vita discreta, riservata, quella di Cerruti, imprenditore di umili origini che il padre, dipendente di una legatoria, obbligava a passare le ore del doposcuola rilegando, assieme alla sorella Andreina, i libri sul tavolo di cucina. Ma che, una volta entrato nellazienda di famiglia (la Lit) ne avrebbe fatto la fortuna grazie alla perfect binding , una tecnica made in Usa, che permetteva quella rilegatura senza cuciture che Cerruti avrebbe felicemente sfruttato per libri darte e guide telefoniche.

Lo schivo ragioniere riveler per, ancora giovanissimo, un grande amore per larte che coltiver aiutato da antiquari-collezionisti come Pietro Accorsi e che lo spinger a comprare tutto quello che gli piaceva: il primo tesoro sar un Kandinsky; lultimo la Jeune Fille aux roses di Renoir.

Quasi trecento tra dipinti e sculture dal Medioevo al contemporaneo; quasi duecento libri rari e antichi; oltre trecento tra mobili e arredi (come la scrivania con scansia del Piffetti): questi alcuni dei punti fermi di un vero e proprio viaggio nella storia dellarte che spazia dal Sassetta (suo il SantAgostino che Cerruti teneva in camera da letto) al Pontormo ( Ritratto di giovane uomo con libri ), da de Chirico ( Autoritratto metafisico ) a Bacon ( Studio per ritratto IX ), da Man Ray ( Ritatto di Henry Melville ) a Giulio Paolini( Ebla ).

Linaugurazione annunciata per gennaio 2019, al termine dei lavori di sistemazione e messa in sicurezza. Nel frattempo la collezione riposa in un caveau, lontana dalla piccola villa in stile provenzale, a un passo dal Castello di Rivoli, dove il Don Bosco dellarte avrebbe dormito una sola notte, colpito dalla (inevitabile) Sindrome di Stendhal.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news