LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, l'Unesco e il fare "ammuina" del Comune
di FRANCO MIRACCO
09 luglio 2017 LA NUOVA VENEZIA


Cos come l'Europa, o meglio l'Unione Europea, interpreta con folle rigore la comune volont "di tutti gli altri" nel lasciare sola l'Italia di fronte alla drammatica complessit della migrazione globale, anche l'Unesco, nel caso di Venezia, si mostra indifferente e insensata nel suo continuare a negare il superamento della soglia minima di ci che s'intende per stato comatoso di una citt, di una comunit, di un "ambiente", e questo sia in senso materiale che immateriale. Un grottesco e penoso de profundis stato appena ufficializzato dall'Unesco con il prorogare (ma va?) la decisione se Venezia possa o meno restare tra i Siti patrimonio dell'Umanit.Il grottesco-Unesco viene dalla profonda incapacit di cogliere una nozione su cui scrive da anni Salvatore Settis: la salvezza possibile se nel tessuto vivente della citt e del paesaggio ridivengono un luogo di coscienza di s del cittadino e un centro generatore di energia per l'intera polis, o il suo destino perire. Forse che Venezia citt e paesaggio diventata un luogo di coscienza di s per ogni cittadino e un centro generatore di energia per l'intera polis, compresa Mestre e soprattutto Porto Marghera? E grottesco si aggiunge a grottesco se si pensa che l'imbarazzante non decidere dell'Unesco cade nei mesi della lunga stagione in cui Venezia conosce i momenti peggiori della sua crisi, quando cio al turismo che non vogliamo, quello che causa degrado civile e ogni genere di rischi per il patrimonio materiale e immateriale, nulla viene opposto o proposto.Il lato penoso dell'Unesco mondiale e locale dato invece da quel fingere di credere alle buone intenzioni del Comune di Venezia e del Ministero nelle responsabilit di Dario Franceschini. Se il ministro Franceschini cocciutamente estraneo all'essenza stessa di una autentica politica costituzionale per il patrimonio storico e artistico, essendo la sua politica culturale sottomessa, come ancella servente, agli interessi di uno sviluppo economico, che, come inteso da chi ministro anche per il turismo, solo distruttore di cultura e paesaggio; al contempo il Comune di Venezia borbonicamente geniale nel "fare ammuina". Cos come faceva la marina dei Borboni, il nostro Comune finge di prepararsi al combattimento solo spostando rumorosamente sulla tolda della nave l'equipaggio. Per esempio, "fare ammuina" a Venezia significa immaginare di non far transitare pi le grandi navi in bacino col dire di volerle spostare verso le prode di Porto Marghera. Ma intanto le navi medio-grandi potrebbero restare in centro storico, ossia nella Stazione Marittima. "Fare ammuina" significa mettersi con dei sensori a contare i transitanti sul ponte votivo la notte del Redentore, pur sapendo che il Comune non ostacoler in nulla e per nulla i milioni e milioni di turisti vaganti durante ogni mese dell'anno. "Fare ammuina" significa fingere di bloccare i cambi d'uso turistici mentre nel frattempo enti e istituzioni pubbliche dismettono le loro propriet immobiliari favorendo pesantemente la cacciata degli ultimi residenti, anche perch i posti letto sono saliti a 48 mila e ovunque mal si sopporta la volont a restare espressa dai residui cittadini veneziani.A Mestre stanno per essere poste sul mercato turistico pi di 1500 stanze, in attesa dei nuovi alberghi che si apriranno tra Mestre e piazzale Roma e Marittima e Santa Marta, tra la citt antica e il Lido e le isole e gli isolotti lagunari. Ovviamente proprio su Mestre, mai escludendo l'intero territorio veneto, che si punter per ampliare al massimo l'offerta alberghiera, non dimenticando che molti palazzi storici veneziani o sono gi diventati alberghi o lo diventeranno fra pochi mesi e nei prossimi anni.Dunque, a Venezia 50 mila i residenti mentre nessuno dice a che numero arriveranno i posti letti turistici diffusi tra appartamenti, alberghi, campeggi, ostelli, B&B e altre strutture ricettive sia legali che abusive. Naturalmente, il problema Venezia non si limita allo stravolgimento economico e sociale del suo centro storico e della sua terraferma imposto dalla rapacit turistica, che purtroppo, quasi sempre, variante maggioritaria di quel fenomeno.Comunque, evidente che un'ottima via di fuga per chi "finge" di allontanarsi da Venezia alla ricerca di altre possibilit speculative rappresentata dall'intero territorio metropolitano, di cui sindaco proprio il bertoldesco Brugnaro. Eppure l'Unesco non "vede" nulla di tutto ci, non si accorge dei "flussi" (termine che ha del sanitario) insopportabili nel loro bloccare ogni forma di vita normale, ignora il disastro dei negozi con merci abominevoli diffusi ovunque a iniziare da Piazza San Marco e dalle Mercerie, non si offende nel constatare la vergogna di bancarelle umilianti attorno alla Basilica e lungo le rive marciane, non si spaventa dinanzi all'amaro conteggio delle chiese vuote o aperte per poche ore soltanto o definitivamente chiuse. Per non dire che l'Unesco sembra assai disinteressata di fronte al deprimente stato di una "citt" utilizzata per favorire un diluvio di cosiddetti eventi culturali o di vario passatempo, il cui effetto quello di soffocare ancora di pi la citt.Il filosofo Wittgenstein ha scritto: L'essenza del modo di vedere artistico vedere il mondo con occhio felice? Seria la vita, allegra l'arte. Nell'ignorare se il filosofo credesse veramente e perch in questo suo pensiero, noi di sicuro sappiamo che la vita a Venezia si fatta serissima, ma ci nonostante l'arte qui non vive allegre stagioni.A tal proposito sarebbe gravissimo se l'Unesco vedesse il mondo veneziano con occhio felice, il filosofo ne sarebbe sconcertato anche perch l'allegria, a volte, molto pi inquietante e cadaverica della seriet.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news