LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Street art, chi l'ha vista? Nove mesi di frenate il punto critico: gli spazi
ERNESTO FERRARA
08 luglio 2017 LA REPUBBLICA



STREET art, il salto nel futuro rimasto lettera morta. Era l'inizio dell'autunno, ottobre 2016, che il Consiglio comunale approvava quello che era sembrato essere persino ai writers pi in vista in citt un regolamento rivoluzionario, avanzatissimo: la fine del proibizionismo in voga dall'era Cioni e il lancio di un sistema nuovo, 30 spazi liberi per i murales e i graffiti e anche spazi d'arte, dove il Comune con bandi ad hoc avrebbe permesso di realizzare grandi opere sul modello di quelle di Blu, Banksy, Keith Haring. Nove mesi e una cinquantina di riunioni dopo il tentativo di dare una cornice di legalit e decoro all'arte di strada si riscopre in stato di lento, lentissimo avanzamento.

Le cinque o sei direzioni comunali coinvolte insieme ai vigili e ai 5 Quartieri nella fase esecutiva dell'operazione, da ottobre scorso si parlano e si scontrano, ipotizzano e poi frenano. Si ormai perso il conto dei richiami e delle spinte arrivate agli uffici per concludere l'iter dall'assessore alle politiche giovanili Andrea Vannucci. E solo ora il primo traguardo sembra essere in vista: Entro luglio dovremmo tornare in giunta con una nuova delibera per dare attuazione al regolamento, spiegano dagli uffici di Vannucci. Indecisione e litigi sull'elenco degli spazi e dubbi normativi rallentano le bombolette. E chiss se per la street art "bella dimenticata" ora davvero arrivata l'ora della riscossa.

Ambiziosa l'idea contenuta nel regolamento. Primo perch ha introdotto il riconoscimento culturale della street art. Poi perch ha individuato una procedura: "spazi liberi", pubblici o privati (previa autorizzazione), che potrebbero essere segnalati da appositi cartelli. Lavagne a cielo aperto che potrebbero essere ospitate su bandoni, recinzioni e muri che l'amministrazione comunale o i proprietari si impegnerebbero a rimbiancare. Ma ci saranno, dice pure il testo, anche "spazi d'arte": 3-4, aree dove l'esercizio della street art non sar libero ma disciplinato da bandi. Gli artisti si dovranno candidare, mandare il bozzetto, poi sar una commissione a valutare. E in questo caso murales o graffiti saranno fissi, segno di arte urbana.

Come mai in nove mesi a questi bei principi Palazzo Vecchio non riuscito a dare attuazione? In principio la difficolt di individuare le aree, processo non ancora concluso e da cui per il momento stata tolta l'area Unesco. Sono poi saltate fuori complicazioni legali: in caso di aree pubbliche da mettere a bando occorre rispettare le regole di sicurezza sui cantieri, prevedere sgravi per il suolo pubblico. Procedure non banali dal punto di vista burocratico. Una certa resistenza alle innovazioni e un p di timore recondito da parte dei quartieri dell'effetto boomerang sull'opinione pubblica (Cosa diranno i residenti dei graffitari?) hanno fatto il resto.

Ora Vannucci chiede uno sprint finale, al lavoro sul tema c' pure il consigliere Pd per le politiche giovanili Cosimo Guccione. La delibera che potrebbe essere approvata in giunta prima dell'estate preveder un tavolo misto tra 6-7 direzioni comunali per gestire la fase dei bandi e dei permessi, che potrebbe permettere il debutto dei primi graffiti liberi in autunno. Ma solo una previsione ipotetica. Quali saranno i luoghi? Un elenco finale non c', solo bozze. Per l'arte libera: pannelli ad hoc alle Cascine, i sottopassi Cure, San Salvi e Alberti, un muro della Coop di piazza Leopoldo, una parete del Viper alle Piagge, i piloni del viadotto Marco Polo, scuole ancora top secret (gli uffici del Patrimonio non hanno dato l'ok). Tra i luoghi d'arte: la biblioteca di via delle Carra, un muro su lungarno Ferrucci, le pareti dell'Anconella.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news