LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palmanova, appello per i fondi: Servono almeno 60 milioni
di Monica Del Mondo
12 luglio 2017 IL MESSAGGERO VENETO



Il sindaco Martines: partiamo dallo stanziamento di cinque, ma ne servono molti altri per tutte le fortificazioni. Tra i primi obiettivi dellamministrazione, la nomina di un commissario per accelerare liter dei lavori


PALMANOVA. LUnesco ha riconosciuto Patrimonio dellUmanit la citt fortezza di Palmanova e chiede alla comunit di conservare e valorizzare tale patrimonio. Da qui una serie di azioni che il Comune ha gi avviato in passato e che puntano proprio a tale scopo. Ma servono fondi.

Conservare il patrimonio richiede denaro esordisce il sindaco Francesco Martines e i soldi non piovono dal cielo. Ma non partiamo da zero. Partiamo da un protocollo firmato dal Ministro ai beni culturali Franceschini, dalla presidente della Regione Serracchiani e da me, nel marzo 2016, che ha portato gi lo Stato a stanziare 3 milioni di euro e la Regione a metterne altri 2. Le opere fortificate della citt tuttavia richiedono cifre ben maggiori, si parla di circa 50-60 milioni di euro. E infatti il protocollo evidenzia la necessit di un piano pluriennale di interventi, data proprio lampiezza del patrimonio da conservare.

Il primo obiettivo. Lobiettivo arrivare a degli stanziamenti che si susseguano, anno dopo anno, in modo da riuscire, nellarco di un decennio, a intervenire su tutte le opere di fortificazione. I soldi poi prosegue il sindaco non si possono spendere dalla sera alla mattina, con i tempi della burocrazia in Italia e con quelli necessari per le progettazioni... Per questo abbiamo gi chiesto che si individui la figura di un commissario che si dedichi nello specifico a questobiettivo e riesca ad accelerare le procedure.

Martines prosegue evidenziando che proprio per i tempi con cui si passa dallo stanziamento dei fondi al loro impiego concreto, necessario che vi sia un programma pluriennale di finanziamenti in modo da poter avviare un percorso che, tra progettazioni e avvio dei lavori, affronti anno dopo anno tutte le problematiche di conservazione e di valorizzazione, presenti nella citt stellata. I cinque milioni di euro gi stanziati saranno spesi, in accordo con la Soprintendenza, sul tetto della caserma Filzi, sulla polveriera Barbaro, su lunette, poterne, gallerie e, in genere, sulle mura.

Il protocollo prosegue inoltre Martines prevede gi il coinvolgimento, oltre che dello Stato e della Regione, anche della comunit europea. Ora, ancor pi forti grazie al riconoscimento ottenuto, cercheremo anche in quella sede i canali appropriati. Ma continueremo a lavorare sulla scia lungo la quale ci stiamo muovendo da tempo. Non che ci siamo montati la testa per linserimento della World Heritage List: stiamo proseguendo su una strada tracciata che ci auguriamo, con il riconoscimento ottenuto, si spiani ulteriormente e ci porti alla meta.

Gli interventi. Dove dovrebbero essere impiegati i 60 milioni di euro cui fa riferimento il sindaco? Il conto presto fatto. Si parte dalla cinta muraria e bastionata che, da sola, richiederebbe un investimento di 30 milioni di euro. Per la caserma napoleonica Filzi ne servirebbero circa 4, per la sua gemella Gamerra altri 3, per la polveriera napoleonica di contrada Barbaro mezzo milione circa, per la caserma Piave 4 milioni, per porta Udine 1,5 milioni. Sarebbero poi urgenti interventi sulle lunette napoleoniche (sei quelle su cui si deve agire per circa 3 milioni di euro), sui rivellini, sulle logge (altri 3 milioni), sulle gallerie (3 milioni), su porta Aquileia (un altro milione e mezzo), sullArsenale di borgo Aquileia, vale a dire la parte storica della caserma Montezemolo (circa 6 milioni di euro). Il totale di circa 60 milioni di euro cos raggiunto.

I numeri. Daltronde Palmanova una fortezza, con numeri da capogiro. La prima cinta fortificata costituita da 9 baluardi collegati dalle cortine, una struttura muraria lunga 5500 metri e alta mediamente 10 metri, e da un fossato di 4 km. Aldil del fossato si trova il muro di controscarpa per una superficie complessiva di 16.000 mq. La seconda cerchia muraria, risalente sempre al periodo veneto, conta 9 rivellini con altezza variabile dai 4 agli 8 metri per una superficie complessiva di 15.000 mq. La terza cerchia muraria (di inizi 1800) comprende le lunette napoleoniche, costruzioni con uno sviluppo lineare
di circa 330 metri e una superficie di 20.800 mq.

Considerando anche la spianata, la superficie complessiva di circa 1,5 milioni di mq. A questo patrimonio si aggiungono le gallerie per una lunghezza di oltre 4 km.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news