LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE-Per Nardella i turisti diventano una maledizione: “Acqua sul sagrato del Duomo”. Che però col caldo evapora…
Carlo Giorni
Fatto Quotidiano, 14/07/2017

Due baldi giovani ubriachi dall’accento americano si fanno un selfie mentre nudi urinano sul ponte alle Grazie di fronte al Ponte Vecchio. “Urrà, urrà!”, sembrano gridare i due manigoldi. La foto, scattata da un cronista del Corriere Fiorentino, fa il giro del mondo. E’ l’ennesimo sfregio a Firenze, il cui degrado per overdose da turisti è lamentato quotidianamente dalle cronache locali. Il sindaco Dario Nardella ha promesso il pugno di ferro. E ha indossato le vesti dello sceriffo: vuole che i due giovani siano scoperti. Ha dato ordine ai vigili di cercarli. Ha fatto anche un appello in video, in lingua italiana e inglese da far girare sui sociali: “Qualcuno di voi li riconosce dalla foto?”, chiede. Tra sberleffi oltraggiosi e gaffes da fare impazzire i social non è proprio un gran bel momento per il sindaco-violinista, successore e spalla di Matteo Renzi.

I due giovani nudi che orinano festosi sono solo la punta dell’iceberg di una situazione degradata. Troppi i casi di gente sorpresa a far pipì agli angoli della Firenze storica, ma anche episodi di coppie che “si divertono” in piazza. Troppi i turisti che prima la giunta Renzi e poi quella di Nardella non hanno contenuto. A tal punto che per la festa del patrono, il 24 giugno, è sceso in campo l’arcivescovo Giuseppe Betori a tuonare contro il turismo selvaggio, mordi e fuggi. “Occorre ridefinire il volto di una città – ha spiegato il prelato – che non può accettare di ridursi a uno spazio per turisti frettolosi, un centro disancorato dalle proprie periferie, abbandonate alla loro insignificanza”.

Nardella è corso ai ripari ordinando di bagnare con idranti i gradini del Duomo, le scalinate e le altre zone lussuose del centro storico in modo da impedire i bivacchi dei turisti. Ma sfortuna ha voluto che gli idranti siano entrati in funzione nei giorni più caldi dell’estate e l’acqua si sia subito evaporata. In breve: tutti hanno capito che gli idranti non sono una grande soluzione, ma ormai la frittata era fatta. Sui social network le ironie si sono sprecate. Così quando un gruppo di trenta suore si sono fatte sorprendere mentre sostavano in piazza Duomo davanti al negozio di Prada mangiando mele e bevendo acqua, sui social c’è chi ha irriso il sindaco: “Ma Nardella con gli idranti dov’è?”. E lui non ha potuto far altro che buttarla in battuta: “Non ho l’acqua santa”.

L’ex delfino di Renzi non è nuovo a gaffe e uscite sbilenche. Una di queste, all’inizio di giugno, ha mandato in bestia i fiorentini. Doveva essere una giornata positiva: si inaugurava il sottopasso Strozzi-Strozzi alla Fortezza da Basso, punto strategico del traffico fiorentino. Ma mentre girava la foto del sindaco che con le altre autorità civili, religiose e militari brindavano e assaggiavano pasticcini, i fiorentini erano costretti a code interminabili. E costringono Palazzo Vecchio a chiedere scusa e a promettere che non succederà più.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news