LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA- Hanno razziato Venezia E Orsoni ha fatto il Pilato
Sabrina Toml
www.eddyburg.it, 14/07/2017

Ieri l'arringa delle parti civili: chiesti 6,4 milioni di danni, ma la somma aumenter. L'avvocato del Comune, Ravagnan: "La citt la vera grande vittima della ruberia".La Nuova Venezia, 14 luglio 2017, con postilla



Il grido di dolore di Venezia, di una citt oltraggiata nella sua immagine e depredata delle sue ricchezze, si levato forte ieri, nell'udienza del processo per le tangenti del Mose dedicata alla richiesta delle parti civili. Sei milioni 430 mila euro la somma complessiva sollecitata da Comune, Citt Metropolitana, Regione e Consorzio Venezia Nuova agli otto imputati accusati a vario titolo di corruzione e finanziamento illecito. Si tratta di un conteggio provvisorio visto che sono stati chiesti per lo pi i danni non patrimoniali (da immagine e disservizio), mentre si rinviato al giudice civile per il calcolo di quelli patrimoniali. Ai 6 milioni, inoltre, vanno aggiunti gli 8 (uno ad imputato) contestati nella precedente udienza dall'Avvocatura dello Stato.

Predoni e api operaie. La somma destinata pertanto ad aumentare anche se sar difficile dare ristoro a un danno gigantesco, incomparabile, forse non misurabile, ha detto ieri l'avvocato Luigi Ravagnan, legale del Comune di Venezia, in un'appassionata arringa con la quale ha ricostruito la sofferenza di una citt violata. In 37 anni di professione non ho mai visto una ruberia di queste proporzioni, ha affermato, Venezia la vera grande offesa, la vera grande vittima di questi fatti criminali. Chi ha lucrato illegalmente sulle somme destinate al Mose, ha rubato i soldi alla citt. Ruberie, anzi razzie: l'avvocato ha usato il termine di "raiders", razziatori appunto, per l'ex ministro all'Ambiente e alle Infrastrutture Altero Matteoli e per l'imprenditore romano Erasmo Cinque
suo amico.

Risorse sono state rapinate a Venezia a cui il ministro ha fatto un'offesa diretta: soldi sottratti alla citt per interessi personali. Il legale si poi soffermato sugli imprenditori del Mose, quelli delle sovrafatturazioni, definendoli le api operaie della corruzione. Quanto all'ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni: Lui non un raider, ma si lavato le mani come Pilato, ha affermato Ravagnan secondo cui bene aveva fatto bene a chiedere il patteggiamento, Sono certo che non ha trattenuto un euro, ma ha una cattedra di diritto e non poteva non sapere che il Cvn non poteva finanziare la campagna elettorale. Bisognava e si poteva dire di no, il professor Orsoni non ha avuto la forza di farlo.
Il Comune ha chiesto un risarcimento di 2,3 milioni di euro in solido perch tutti hanno tolto risorse a Venezia, a Orsoni, Matteoli, Cinque, all'ex Magistrato alle Acque Maria Giovanna Piva e all'imprenditore Nicola Falconi; 9 euro di ristoro per ciascun veneziano.Danno con estensione planetaria. Due euro per abitante della provincia di Venezia, per un totale di 1,2 milioni, li ha chiesti invece la Citt Metropolitana con l'avvocato Giuseppe Chiaia che ha parlato dello scandalo Mose come di un evento con estensione planetaria. Il legale ha calcolato in 100 milioni il costo per il territorio dell'affidamento dei lavori al Cvn senza gara. La nostra 'ndrangheta. Lo scandalo Mose la nostra 'ndrangheta, ha detto l' avvocato della Regione Dario Bolognesi chiedendo 2,5 milioni di euro (500 mila a testa per Falconi, Piva, Turato, Matteoli e Cinque) .Gli intrecci Matteoli-Piva. L'immagine del Cvn ha subito un devastante degrado, stato indicato come un ricettacolo di malaffare e spreco pubblico, percepito dall'uomo della strada come un covo di farabutti. Cos l'avvocato del Cvn Paola Bosio presentando la richiesta risarcitorie di 430 mila euro a titolo di provvisionale (10 mila all'ex europarlamentare Lia Sartori, 10 ad Orsoni e 10 a Falconi pi 100 mila a Piva, Falconi, Matteoli e Cinque).

Il legale ha ricostruito in una dettagliatissima arringa di tre ore tutti i meccanismi dello scandalo Mose, soffermandosi in particolare sulle responsabilit di Matteoli: lui ha autorizzato (pur non avendone titolo) lo sblocco dei lavori su Porto Marghera con assegnazione al concessionario unico Cvn; lui ha influito sulla nomina di Patrizio Cuccioletta a presidente Mav; lui ha imposto al Consorzio la societ Socostramo di Cinque. L'avvocato Bosio ha parlato delle mazzette che avrebbe intascato sia da Mazzacurati per la campagna elettorale, sia da Piergiorgio Baita (550 mila euro). Un extrastipendio e collaudi importanti, invece, il compenso al presidente del Mav, Piva, per non controllare. L'avvocato Bosio ha sottolineato la confusione di ruoli tra le parti, con gli atti redatti dal Consorzio e il Mav inerte. Il Cvn avrebbe scritto addirittura la relazione di risposta del Magistrato alle contestazioni della Corte dei Conti nel 2007.

postilla

Un processo davvero singolare. Tutti i protagonisti del pi grande scempio perpetrato sulla Laguna e la pi efferata rapina ai danni del contribuente di oggi e di domani da parte dello Stato, la Regione le banche e loro fondazioni,le Universit e loro dirigenti, e soprattutto il Consorzio Venezia Nuova si trasformano, da colpevoli, ad accusatori di quanti si sono appropriati di pingui briciole del comune banchetto.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news