LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il debutto di Venezia con il numero chiuso
Gloria Bertasi
Corriere della Sera 16/7/2017

La festa del Redentore di questanno a Venezia passer alla storia per essere la prima a numero chiuso. Un esperimento, ma che rappresenta la prova generale per qualsiasi altro grande evento. E non solo. Ieri tra le calli del centro storico sarebbero dovuti arrivare 100 mila persone ad assistere ai fuochi artificiali, come ogni anno. Ma ne sono state accolte solo 60 mila.

VENEZIA. La prima volta di Venezia a numero chiuso, non di tutta la citt ma di una sua parte, e anche consistente: le rive, accessibili a un massimo di 60 mila persone tra San Marco, Zattere e isola della Giudecca.

Ieri sera, la laguna ha festeggiato il suo primo Redentore blindato con transenne a creare corridoi per gli interventi demergenza, conta persone e accessi limitati in alcune aree della citt. Ogni riva era protetta da decine di parapetti e cartelli in pvc affissi allimbocco di campi e calli con la scritta Exit indicavano le vie di deflusso e, eventualmente, di fuga. Ma non solo. Lo spazio sulle rive stato appunto calmierato per permettere ai soccorsi di avere agibilit daccesso e in campo cerano oltre 200 agenti tra polizia, carabinieri e Guardia di finanza senza contare i vigili e i volontari della Protezione civile.

Il Redentore la festa pi sentita a Venezia: istituita nel 1577 per celebrare la fine della peste, ancora oggi si svolge secondo lo stesso schema di quasi cinquecento anni fa. Un ponte votivo unisce lisola della Giudecca alle Zattere e alle 19 il passaggio del patriarca e delle autorit cittadine d il l alla notte famosissima, un mix di laico e religioso.

Ogni anno arrivano oltre 100 mila persone in citt ed da sempre una serata un po anarchica, con i veneziani che imbandiscono tavolate allaperto o attrezzano le barche per una serata nel bacino di San Marco e nel canale della Giudecca in attesa dei fuochi dartificio che illuminano a giorno la laguna e i suoi palazzi alle 23.30.

Quanto accaduto in piazza San Carlo a Torino nella notte della finale della Champions (con una vittima e molte centinaia di feriti) e gli attentati terroristici che hanno colpito le capitali europee hanno per imposto una stretta per garantire la sicurezza del Redentore (sotto lattento controllo di vigili e forze dellordine). E cos, questanno, scattato un piano di sicurezza che ha imposto di limitare a 60 mila il numero di persone sulle rive, di organizzare vie di fuga, centrali operative e controlli a tappeto agli accessi della citt dacqua e delle zone dove tutti ammirano i foghi . stato anche vietato, dalle 20, luso del vetro: bar e ristoranti hanno rispettato lindicazione, tra il popolo della festa per qualche bottiglia e bicchiere si intravedeva. Loperazione messa in campo stata un primo test di gestione dei flussi turistici. Con 29 milioni di visitatori lanno e lUnesco che minaccia di inserire Venezia nella black list dei siti a rischio, di recente il Comune ha approvato un piano di gestione per calmierare gli arrivi e sperimentare la prenotazione obbligatoria a San Marco.

Ieri, cerano steward con il contapersone e sono state monitorate le celle dei cellulari per capire gli afflussi in citt. Questo mastodontico piano, per, non ha disincentivato gli arrivi: i parcheggi di piazzale Roma erano pieni, alle 19 il ponte della Libert che collega terraferma e centro storico stato chiuso ai veicoli privati e tutte le calli erano invase da un lungo serpentone di giovani e famiglie. In tutto 100 mila persone erano in citt.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news