LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stop al villaggio sul lago Maggiore. Il ministero vincola la polveriera
Roberto Rotondo
Corriere della Sera - Milano 16/7/2017

Il sindaco di Taino: grave danno, sar difficile investire in zona

Varese. Una collina affacciata sul Lago Maggiore da quarantanni nasconde nel bosco una gigantesca polveriera di 600 mila metri quadri: sono ottanta edifici divisi tra magazzini, depositi e piazzole, che un tempo ospitavano bombe e dinamite, o ancora casematte con alti muraglioni per le esplosioni controllate. Il Comune di Taino, 4 mila abitanti, nel 2002 la acquist dalla Montedison, ultima proprietaria, per trasformarla in un centro turistico con un panorama mozzafiato: il lago, le isole, lintera catena delle Alpi occidentali. Sembrava fatta, lanno scorso, quando Taino aveva aperto un gruppo di lavoro con la Regione Lombardia per avviare liter e poi andare alla ricerca del miglior investitore.

Ma la divisione regionale del ministero dei Beni culturali ha posto un vincolo pressoch totale sullarea, con il risultato che chiunque voglia investire e trasformare i magazzini delle bombe in centri benessere, villette o campi da tennis, dovr prima chiedere il permesso ai tecnici della Sovrintendenza. Nulla di strano, in teoria, vi sono edifici con pi di 70 anni, e lo prescrive la legge, ma ci che ha stupito il sindaco Stefano Ghiringhelli che il vincolo sia stato posto allintera area presa in considerazione dal comune: Anche ad alcuni ruderi coperti dalle sterpaglie e semidistrutti, o persino alle casematte. Ci aspettavamo qualche vincolo ma solo sui caseggiati di pregio continua il sindaco avevamo preparato delle schede precise per ognuno degli ottanta edifici che ritenevamo di interesse, ma in questo modo ogni investimento sar scoraggiato, perch i tempi si allungheranno e le possibilit progettuali saranno limitate. Il risultato che il comune rischia di ritrovarsi sul groppone la manutenzione dellarea, per tantissimi anni. La polveriera fu pagata 850 mila euro e ha un mutuo che peser fino al 2035 sulle casse pubbliche. Per il municipio il decreto di vincolo appare sproporzionato nella sua impostazione, rispetto alla condizione dello stato dei luoghi e finirebbe per limitare qualsiasi progettualit. Quello che non si capisce perch mai un comune dovrebbe conservare una polveriera semidiroccata come un bene artistico e culturale.

La polveriera fu costruita nel 1914 da una ditta francese che si chiamava Davey Bickford Smith. Produsse nella sua storia micce, munizioni e proiettili di vario tipo. Attirava lavoratori e dirigenti da tutta Italia, che resero culturalmente progredito il paese. Chiuse nel 1972 e in quel luogo c anche parte della memoria storica del paese. Nel 1935 un terribile scoppio uccise 35 persone. Vi lavorarono fino a 2mila persone, tutto il paese in pratica. La gente a quella collina, chiamata Il Campaccio, affezionata e larea oggi una giungla dal fascino sinistro. Il Comune ha gi fatto ricorso al ministero dei Beni culturali, chiede che ci sia una revisione del vincolo e che sia limitato solo agli edifici conservati meglio e con un valore culturale.



news

22-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 OTTOBRE 2017

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

Archivio news