LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stop al villaggio sul lago Maggiore. Il ministero vincola la polveriera
Roberto Rotondo
Corriere della Sera - Milano 16/7/2017

Il sindaco di Taino: grave danno, sar difficile investire in zona

Varese. Una collina affacciata sul Lago Maggiore da quarantanni nasconde nel bosco una gigantesca polveriera di 600 mila metri quadri: sono ottanta edifici divisi tra magazzini, depositi e piazzole, che un tempo ospitavano bombe e dinamite, o ancora casematte con alti muraglioni per le esplosioni controllate. Il Comune di Taino, 4 mila abitanti, nel 2002 la acquist dalla Montedison, ultima proprietaria, per trasformarla in un centro turistico con un panorama mozzafiato: il lago, le isole, lintera catena delle Alpi occidentali. Sembrava fatta, lanno scorso, quando Taino aveva aperto un gruppo di lavoro con la Regione Lombardia per avviare liter e poi andare alla ricerca del miglior investitore.

Ma la divisione regionale del ministero dei Beni culturali ha posto un vincolo pressoch totale sullarea, con il risultato che chiunque voglia investire e trasformare i magazzini delle bombe in centri benessere, villette o campi da tennis, dovr prima chiedere il permesso ai tecnici della Sovrintendenza. Nulla di strano, in teoria, vi sono edifici con pi di 70 anni, e lo prescrive la legge, ma ci che ha stupito il sindaco Stefano Ghiringhelli che il vincolo sia stato posto allintera area presa in considerazione dal comune: Anche ad alcuni ruderi coperti dalle sterpaglie e semidistrutti, o persino alle casematte. Ci aspettavamo qualche vincolo ma solo sui caseggiati di pregio continua il sindaco avevamo preparato delle schede precise per ognuno degli ottanta edifici che ritenevamo di interesse, ma in questo modo ogni investimento sar scoraggiato, perch i tempi si allungheranno e le possibilit progettuali saranno limitate. Il risultato che il comune rischia di ritrovarsi sul groppone la manutenzione dellarea, per tantissimi anni. La polveriera fu pagata 850 mila euro e ha un mutuo che peser fino al 2035 sulle casse pubbliche. Per il municipio il decreto di vincolo appare sproporzionato nella sua impostazione, rispetto alla condizione dello stato dei luoghi e finirebbe per limitare qualsiasi progettualit. Quello che non si capisce perch mai un comune dovrebbe conservare una polveriera semidiroccata come un bene artistico e culturale.

La polveriera fu costruita nel 1914 da una ditta francese che si chiamava Davey Bickford Smith. Produsse nella sua storia micce, munizioni e proiettili di vario tipo. Attirava lavoratori e dirigenti da tutta Italia, che resero culturalmente progredito il paese. Chiuse nel 1972 e in quel luogo c anche parte della memoria storica del paese. Nel 1935 un terribile scoppio uccise 35 persone. Vi lavorarono fino a 2mila persone, tutto il paese in pratica. La gente a quella collina, chiamata Il Campaccio, affezionata e larea oggi una giungla dal fascino sinistro. Il Comune ha gi fatto ricorso al ministero dei Beni culturali, chiede che ci sia una revisione del vincolo e che sia limitato solo agli edifici conservati meglio e con un valore culturale.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news