LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUnesco e lautogol referendum
Paolo Costa
Corriere del Veneto 16/7/2017

Si chiusa il 12 luglio a Cracovia la 41 sessione del Comitato Unesco per il Patrimonio Mondiale che, a Venezia, verr ricordata per liscrizione nella lista dei siti di interesse globale dei sistemi di difesa veneziani costruiti tra il XV e il XVII secolo a Bergamo, Peschiera, Palmanova e Cattaro (oggi in Montenegro). Ma a Cracovia il Comitato Unesco avrebbe dovuto decidere anche - e soprattutto - sulla iscrizione, o meno, di Venezia nella lista dei siti patrimonio dellumanit oggi in pericolo. Iscrizione richiesta dallo stesso Comitato nella sessione di Doha del 2014 sulla base di una istruttoria alla quale, incredibilmente, lItalia non aveva contribuito con le sue deduzioni per aver fornito la maggior parte delle informazioni relative alle nuove costruzioni e agli sviluppi infrastrutturali in Italiano e non in una delle lingue di lavoro dellUnesco. In quella sessione si era deciso di rinviare la decisione a Istanbul nel 2016, che a sua volta lha rinviata a quella di Cracovia. A Cracovia il Comitato ha continuato sulla stessa linea, rinviando la decisione alla sua 43ma sessione che si terr nel 2019.
Apparentemente un nulla di fatto. In realt un passo in avanti; che il Comune di Venezia, questa volta convintamente assistito dal Ministero dei beni Culturali, si guadagnato mostrando di voler affrontare il problema dellimpatto dei flussi turistici sul centro storico e di star lavorando per evitare alle grandi navi passeggeri il passaggio davanti san Marco, ma contemporaneamente facendo prendere atto allUnesco che Venezia caratterizzata da una economia complessa che si basa sulla importanza strategica del porto di Venezia e del correlato hub industriale di Porto Marghera. Il risultato che si guadagnato del tempo: lItalia dovr presentare un nuovo rapporto entro il 1 dicembre 2018 per preparare la decisione finale del Comitato per il Patrimonio mondiale nel 2019. Un rapporto nel quale occorrer parlare alla suocera, Unesco, perch le nuore, Venezia e Italia, intendano, per ridefinire obiettivi e strategie della conservazione nel lungo periodo del bene culturale Venezia. Un compito tuttaltro che facile perch comporta la necessit di affrontare e rimuovere false convinzioni fondate, per dirla alla moda, su fake analisys diffuse da fake news, come quelle che stanno disgraziatamente portando allassursit del quinto referendum sulla separazione tra Venezia e Mestre. Il punto di partenza, decisivo, sta nel convincere lUnesco a tornare allapproccio olistico del suo Rapporto su Venezia del 1969. Non si pu discutere di eccesso di turismo, morfologia lagunare, calo di residenti, sviluppi portuali offshore o dentro la laguna, etc come tanti problemi separati, senza valutarne le connessioni sistemiche.

In un approccio olistico dovrebbe apparire immediatamente chiaro che il destino del bene culturale Venezia, dellurbs storica lasciataci dalla Serenissima, , prima di tutto, nelle mani della civitas veneziana, una comunit che vive oggi nella grande Venezia metropolitana (la prima fake analysis, falsa credenza, da rimuovere che esistano due comunit veneziane una lagunare ed una di terraferma separabili senza danni); che la comunit della grande Venezia pu contare su una base economica di respiro globale ( porto, manifattura costiera, aeroporto, formazione superiore, ricerca, esposizioni darte, etc); che pu permetterle di non dipendere dal solo turismo, il cui eccesso che tanto preoccupa lUnesco-- sta uccidendo lanima della citt storica; che dal punto di vista quantitativo il blocco porto-logistica-quasi manifattura-manifattura quello che pu generare pi redditi da destinare anche al mantenimento dellurbs storica; che lo sviluppo portuale, quello commerciale da privilegiare rispetto a quello passeggeri, ridisegnato tra sviluppi intralagunari e sviluppi offshore necessario per cogliere le occasioni di sviluppo industriale portocentrico e di inserimento nelle strategie di trasporto globali come la Via della Seta cineseabbisogna di interventi in laguna (s di interventi, perch che la laguna tenda ad un equilibrio naturale da difendere rispettandone lintangibilit la pi disastrosa fake analysis che tormenta Venezia) non solo compatibili con la sua preservazione ma addirittura migliorativi del suo assetto morfologico. E questa una traccia di ragionamento che non dovrebbe essere difficile far comprendere allUnesco. Ma a due condizioni. Che il ragionamento sia fatto proprio da tutte le istituzioni veneziane ed italiane interessate, e che i veneziani non siano ancora una volta distratti da un referendum sulla separazione Venezia-Mestre che, se avesse successo, distruggerebbe quella unit politico-amministrativa che dovr solo allargarsi per gestire le strategie della grande Venezia: comprese quelle del mantenimento del suo bene culturale pi prezioso, lurbs storica vero oggetto della protezione culturale mondiale.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news