LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parchi marini, la ricchezza negata "Spese e nessun piano di sviluppo"
17 luglio 2017 LA REPUBBLICA



RACCHIUDONO gli angoli pi esclusivi della costa, sono ricchissimi di flora e fauna, e alcuni sono impreziositi anche da notevoli siti archeologici, ma non riescono a generare economia. I parchi costieri del Lazio hanno da anni un obiettivo rimasto solo sulla carta, quello di favorire lo sviluppo socio-economico compatibile. E continuano a gravare sulle spalle dello Stato. Per centinaia di migliaia di euro ogni anno. Arrivando addirittura a non riuscire neppure a spendere il denaro che ottengono per la loro crescita e quella del territorio, incapaci di portare a termine progetti gi finanziati. Una piaga che neppure i richiami della Corte dei Conti sono riusciti a sanare.

Il Parco Nazionale del Circeo, che ingloba 22 chilometri di costa tra Latina e Sabaudia e anche l'isola di Zannone, nel bilancio di previsione 2017 ha cos inserito tra le entrate oltre 1,6 milioni di euro di contributi statali e appena 4.500 euro propri, derivanti dalle sole sanzioni. Un quadro gi delineato due anni fa dai magistrati contabili, che criticarono uno "squilibrio strutturale" dell'ente, per cui venne indicata come necessaria "l'acquisizione di ulteriori fonti di entrata". Ma poco sembra essere cambiato. Non va meglio nel Parco regionale Riviera d'Ulisse, istituito nel 2003 per gestire le aree del litorale protette tra Sperlonga e Minturno. Il rendiconto generale 2016 approvato ad aprile mostra che su 339.790 euro di entrate ben 330.300 euro sono contributi regionali e che tra vendite e proventi per i servizi svolti la struttura riuscita a raccogliere appena 1.700 euro. Senza contare che nello stesso bilancio viene sottolineato che il personale del Parco in sovrannumero, che costa quasi 122mila euro, che vi sono carenze nella stessa vigilanza sull'area protetta e che la struttura gravata da un debito di ben 1,8 milioni. Passando poi alle oasi sostenute dallo stesso ministero dell'Ambiente, si scopre che la riserva statale di Ventotene e Santo Stefano, tappa fissa per i sub, per il 2016 ha gi ottenuto 470mila euro di fondi ministeriali e tra tasse di sbarco e attivit svolte ha racimolato circa 19.500 euro. Situazioni analoghe infine anche per la riserva del litorale romano e l'area marina protetta delle secche di Tor Paterno, tra Ostia e Torvaianica.

Qualcosa per si potrebbe fare per rendere i parchi produttori di ricchezza e non solo un peso per le casse pubbliche. A dichiararlo lo stesso direttore del Parco del Circeo, Paolo Cassola: Una volta fissate le norme di salvaguardia deve essere messo a punto anche un piano strategico di sviluppo socio-economico .

(clemente pistilli)




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news