LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il monastero fra le ciminiere l'oracolo silente di Taranto
MAURIZIO TRIGGIANI
18 luglio 2017 LA REPUBBLICA

LA statale Jonica che porta da Taranto a Reggio Calabria attraversa quella fetta di area industriale ubicata tra il porto mercantile, da un lato, e le imponenti sagome circolari delle cisterne dell'Enichem e della Cementir dall'altro.

La strada sembra condurre in un girone infernale, si viene assaliti da un forte odore che sa di benzina. Quando il vento spira verso il mare l'aria diventa acre, malata, difficile anche respirare. Il paesaggio popolato da mostri d'acciaio, quelli che presidiano le strutture portuali e quegli altri arroccati intorno agli stabilimenti. L'impressione che la storia di quei luoghi non possa che avere l'odore della benzina e l'aspetto poco salubre del polo industriale. Ma non cos. Chi percorre quella strada di solito fa fatica ad accorgersi di un piccolo polmone verde, affogato tra gli impianti e le ciminiere che scorre rapido sul fianco della statale. Circondato dai cipressi e da una vegetazione piantumata di recente, sorge l'antico monastero di Santa Maria della Giustizia; assomiglia ad un oracolo che ripete una storia che ha il sapore del medioevo. Un luogo di passaggio tra la via Appia e il mare, che sorge a due passi dal fiume Tara, uno di quei corsi d'acqua che segnano il territorio di Taranto e gli donano preziose risorse idriche, oggi purtroppo contaminate dalle industrie.

Santa Maria della Giustizia fece un tempo tesoro di quella posizione geografica. I monaci benedettini, che fondarono il primo insediamento, chiamato Santa Maria a Mare, sfruttarono proprio le risorse del territorio: la pesca, le acque per l'irrigazione dei campi, l'agricoltura, il pascolo. E poi c'era il mare e la via Appia, i viaggiatori e i pellegrini che, secondo la tradizione, qui sostavano trovando riparo tra le mura dell'ospedale medievale. Il monastero divenne convento quando vi si stabilirono gli Olivetani, alla fine del 400, i quali finirono per costruire ulteriori strutture conventuali, chiostri e orti dedicati alla coltivazione di piante officinali.

Di tutto questo oggi rimangono importanti testimonianze: la chiesa, con le sue forme semplici e le decorazioni scultoree dei portali che rimandano ad una tradizione angioina e a una lingua dalle inflessioni gotiche, le strutture dell'ospedale e quelle del convento, l'orto all'interno, le mura che proteggono l'intero impianto. Grazie ad un finanziamento di oltre due milioni di euro relativo ai programmi Poin (Programma operativo interregionale 2007/2013) l'intero monastero stato oggetto di interventi di restauro seguiti direttamente dalla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Brindisi, Lecce e Taranto e dall'architetto Augusto Ressa. I lavori si sono conclusi di recente e sono stati mirati non soltanto al recupero della maggior parte delle strutture, ma anche alla valorizzazione degli ambienti, attrezzati per diventare sale per convegni e spazi per attivit culturali. Un'operazione che sarebbe da indicare come esemplare e che in altri casi avrebbe di certo rivitalizzato in modo significativo un impianto cos ricco di storia e di cultura.

Nel caso di Santa Maria della Giustizia, per, occorre fare i conti non soltanto con quanto sta intorno al monastero, ma con l'aria che ci gira sopra. I tecnici della Soprintendenza, che al momento garantiscono la fruibilit del sito, sono attenti a non esporre i visitatori a permanenze prolungate all'aperto, concentrando preferibilmente l'attenzione sui locali chiusi del monastero. Visitare cos Santa Maria della Giustizia costituisce un'esperienza singolare che tuttavia lascia l'amaro in bocca, in tutti i sensi. L'impressione che si ha quella di aver osservato un luogo in parte derubato della propria storia e soprattutto decontestualizzato. Quelle attivit dei monaci, legate alla pesca, all'agricoltura, alle coltivazioni delle erbe medicinali, sono difficili da immaginare. Quando ci si affaccia dalle terrazze dell'attuale convento e si guarda verso la costa, la vista ostacolata dalle cisterne delle raffinerie, il mare si fa fatica a vederlo, allo stesso modo quando si rivolge lo sguardo verso terra, cercando di individuare il percorso della via Appia, che pure segnata nelle carte stradali come parallela alla statale Jonica, l'orizzonte dominato dalle ciminiere della Cementir e dell'Eni.

Il nome di S. Maria della Giustizia, inoltre, ricorre nel controverso progetto Tempa Rossa, un'imponente operazione di estrazione petrolifera che, dai giacimenti lucani della Valle del Sauro dovrebbe portare gli idrocarburi sino al porto di Taranto, grazie a un monumentale sistema di canalizzazione (oleodotto Viggiano-Taranto), che passerebbe poco distante proprio dal monastero. Un'operazione che al momento giace tra le polemiche e l'opposizione della Regione Puglia e sembra non dover essere realizzata in tempi brevi, ma il pericolo che questo ennesimo attentato al paesaggio sia soltanto rimandato. D'altra parte le vicende contemporanee che hanno riguardato la citt di Taranto hanno inciso profondamente sulle testimonianze del passato antico, medievale e moderno della citt. Soprattutto hanno alterato quell'equilibrio tra ambiente e insediamenti religiosi, economici e sociali che ne giustificava la stessa esistenza. Cos Santa Maria della Giustizia somiglia sempre pi ad un'isola del passato che, nonostante gli sforzi di alcuni, fa fatica a mostrarsi, nascosta com' dai cipressi e dagli interessi degli uomini.

Per visitare il Monastero di S. Maria della Giustizia rivolgersi alla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto - Ufficio Taranto in via Duomo 33; info 099.471.35.11; e-mail sabaple.urp@beniculturali.it.




news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news