LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Tosina sito neolitico con pi reperti in Italia. Ma restano i misteri
di Francesco Romani
18 luglio 2017 IL MESSAGGERO VENETO

Su oltre 100mila pezzi solo due denti umani e nessuna traccia di case. Terreni passati al microscopio. E in Provenza trovati villaggi gemelli


MONZAMBANO. Si chiude questa settimana al sito archeologico della Tosina la campagna di scavi 2017, la sesta che dalla casuale scoperta nel 2003 ha indagato questarea archeologica abitata nel Neolitico, 6mila anni fa. Ma se sempre pi chiara per gli studiosi la straordinaria importanza di questarea, che sta fornendo il maggior numero di reperti in Italia, 100mila solo dal 2% del sito ampio 5 ettari, nondimeno altrettanto vero che stanno emergendo, man mano che avanza la conoscenza dellarea, misteri irrisolti.

Monzambano
Si chiude questa settimana al sito archeologico della Tosina la campagna di scavi 2017, la sesta che dalla casuale scoperta nel 2003 ha indagato questarea archeologica abitata nel Neolitico, 6mila anni fa. Ma se sempre pi chiara per gli studiosi la straordinaria importanza di questarea, che sta fornendo il maggior numero di reperti in Italia, 100mila solo dal 2% del sito ampio 5 ettari, nondimeno altrettanto vero che stanno emergendo, man mano che avanza la conoscenza dellarea, misteri irrisolti.

Intanto la mancanza quasi assoluta di reperti umani. Abbiamo migliaia di tracce che ci dicono che il luogo era abitato attorno a 4mila anni fa spiega la direttrice dello scavo, lex Soprintendente lombarda Raffella Poggiani Keller . Ma non abbiamo mai trovato ossa, scheletri o crani umani. Solo in questa campagna abbiamo trovato due denti, uno di un adulto e un secondo da latte. Evidentemente dispersi casualmente perch, se c una necropoli, sinora non labbiamo trovata. Altrettanto dicasi per le abitazioni del villaggio, costituito si pensa da case fatte con pali in legno e canniccio, poi intonacate con argilla cotta per sigillarle. C qualche buca di palo, forse un pavimento con tracce di bruciatura, ma in realt conferma la direttrice non sappiamo ancora dove questi uomini neolitici vivessero.



Unipotesi ha guidato questa sesta campagna: aprire uno scavo sul fianco sud-est della collinetta, nella presunzione che labitato potesse sorgere, come per altri siti della stessa epoca, alla base della collinetta circondata dallacqua e nel punto pi riparato.

Gli scavi, sinora condotti dalla Soprintendenza, per il biennio 2017-2018 sono stati concessi dal ministero per i Beni culturali al Museo ed istituto fiorentino di preistoria Paolo Graziosi, diretto da Domenico Lo Vetro. E proprio il professor Lo Vetro ha fatto una scoperta che potrebbe cambiare lidea della storia in quellepoca. I reperti in selce lavorata e non solo della Tosina spiega ancora la Poggiani Keller sono praticamente identici a quelli trovai in Provenza. E su questo partir uno studio specifico. Il mistero da sciogliere capire, in base alle cronologie dei reperti, se le tecniche furono importate alla Tosina dalla Francia, o al contrario. Oppure, e lipotesi la pi suggestive, se a spostarsi non fossero gli artigiani specialisti della lavorazione della pietra. La Tosina ricorda ancora la direttrice era un luogo dove la pietra grezza proveniente dalle cave della Lessinia veniva lavorata dagli artigiani e poi esportata.

Una sorta di emporio artigianale di 6mila anni fa per conoscere il quale ci si affidati ad una quipe multidisciplinare composta da archeologi, ma anche da paleobotanici, paleontologi, come Fabio Bona, scopritore del cane Fango gi diventato mascotte degli scavi, e geoarcheologi, come Nicola Cappellozza, che spiega la nuova tecnica di indagine adottata nello scavo: Si tratta delle cosiddette sezioni sottili. Si preleva un campione di terreno in profondit, poi lo si indurisce con delle resine e se ne fa una sezione sottilissima, un vetrino da studiare al microscopio. Cos facendo si scoprono cose che a occhio nudo non si vedono: pollini, microfauna, piccoli componenti che aiutano a capire clima e ambiente naturale allepoca. Perch qui, zona morenica dove troviamo i sassi venuti dalle montagne Trentine, la geologia decisiva.

Uno sforzo di ricostruzione dellambiente del sito, straordinariamente rimasto intatto, che forse lesito maggiore di queste campagne, sulle quali in 10 anni si sono investiti grazie a Regione Lombardia, Fondazione Comunit Mantovana, Fondazione Bam, 250mila euro. Ed oggi il responsabile organizzativo, Emilio Crosato, vero padre scopritore della Tosina sar a Roma al ministero per chiedere finanziamenti che consentano di proseguire scavi e studi per il sito Neolitico pi ricco in Italia.



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news