LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mestre. «Metà museo realizzato ma senza idee chiare il suo futuro è incerto»
Claudia Fornasier
Corriere del Veneto 19/7/2017

L’addio di Fortunati. «Il problema è dove va Fondazione»

MESTRE. L’accesso al futuro Museo del Novecento M9 è diventato una porta girevole, si entra, si esce. Si esce soprattutto. Tra dimissioni, mancate riconferme, uscite di scena, cambi di ruolo, in un anno e mezzo l’assetto organizzativo degli organismi che si occupano della sua realizzazione continua a cambiare. Prima l’ad di Polymnia Plinio Danieli, poi il delegato Marino Folin, dopo ancora la Fondazione M9 stessa, esautorata di compiti operativi da parte della Fondazione di Venezia, di cui tutto il resto è emanazione. L’ultimo è il presidente (ex ormai) Gianpaolo Fortunati dimessosi dalla sera alla mattina, dopo oltre quindici anni di attività dentro la Fondazione come consigliere generale, consigliere di amministrazione, vicepresidente, segretario generale e altro ancora. «Sì,ma per piacere, basta far credere che sono beghe interne, stiamo parlando di un pezzo importante di città»

Presidente Fortunati perché se n’è andato?

«Per dignità personale, per le palesi e continue ingerenze da parte di terzi nell’attività della società Polymnia, che fanno venire meno la responsabilità dell’azione».

Si riferisce al Comitato di coordinamento nominato dalla Fondazione di Venezia come trait d’union con Polymnia per M9?

«Mi riferisco al fatto che una società di capitali ha regole, responsabilità e un’organizzazione. Se il cda e l’amministratore delegato non vanno bene, il socio unico li caccia. Non cambia architettura istituzionale di continuo, referenti ogni 20 giorni, assetto ogni due mesi, con scossoni che non fanno certo bene al progetto».

Il presidente Brunello dice che lei era d’accordo con il Comitato di coordinamento.

«E’ vero, quando doveva essere formato dai tre presidenti, di Fondazione, di Fondazione M9 e Polymnia, con ruolo di raccordo. Così si dichiara una cosa e si fa l’esatto opposto».

Secondo lei a cosa serve?

«Il presidente Brunello spiega tutte le ultime decisioni con la necessità di accelerare e semplificare la filiera decisionale. Io ero presidente e amministratore delegato, in base al nuovo progetto dovrebbero esserci un presidente, due amministratori delegati, poi un Comitato di coordinamento. Semplificare per me significa fare un amministratore unico che si rapporta con il cda della Fondazione».

Il presidente Brunello dalla sua nomina ha fatto molti cambiamenti, non è che lei appartiene al «passato», all’era Segre per capirci?

«Nessuno mi ha cacciato, mi sono dimesso io e Brunello mi ha chiesto in tutti i modi di restare».

Allora qual è il problema?

«Il vero problema, prima ancora di M9, è il futuro della Fondazione di Venezia, che progetto ha per i prossimi 5-10 anni, cosa vuole diventare, su cosa vuole investire. E’ un problema che riguarda tutta la comunità. In passato abbiamo lavorato su molti progetti sull’intelligenza artificiale, i giovani a teatro, la scuola di teatro, oggi c’è molto poco a parte M9 niente. Ma questa involuzione non è dovuta alla crisi finanziaria, ma a una crisi di idee, di capacità innovativa».

Il Museo M9 in questa situazione finirà mai?

«Io spero di sì, ma è chiaro che così tutto si complica. Se Polymnia dopo uno studio di un esperto dell’Expo ha deciso che il biglietto intelligente è meglio non farlo, che sul piano costi-benefici non vale la pena, perché all’ordine del giorno di questo nuovo Comitato di coordinamento c’è il biglietto intelligente? Si riparte ogni volta da zero».

Lei mi pare pessimista

«E’ vero. M9 è molto avanti, ma non è autonomo, dipende dalle decisioni della Fondazione di Venezia. Abbiamo realizzato 16 milioni di lavori e dobbiamo arrivare a 30, manca ancora il 50 per cento dei finanziamenti. Io spero che dopo di me arrivi gente capace. Ma spero soprattutto che ci siano idee chiare sul futuro».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news