LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lopera ferita dalla mafia esce dagli Uffizi
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino 19/7/2017

Ventiquattro anni dopo la strage di via dei Georgofili, I giocatori di carte di Bartolomeo Manfredi ieri mattina ha lasciato i depositi degli Uffizi. la prima tappa di un viaggio che porter lopera a nuova vita nel 2018, venticinque anni dopo lattentato mafioso. Unemozione vedere linizio di unimpresa che sembrava impossibile.

Dopo 24 anni per la prima volta il ferito ha lasciato i depositi degli Uffizi, dove era esposto e dove londa durto ed i vetri scagliati dallesplosione di via dei Georgofili lo colpirono il 27 maggio 1993, facendo pensare che fosse distrutto per sempre. Ieri mattina I giocatori di carte di Bartolomeo Manfredi ha fatto la prima tappa di un lungo viaggio che lo porter a nuova vita nel 2018, grazie alla raccolta fondi di Gallerie degli Uffizi, Corriere Fiorentino e Banca Federico del Vecchio (Gruppo Ubi Banca).

Il quadro seicentesco, sotto gli occhi della restauratrice Daniela Lippi che tre anni fa ha ideato il progetto di recupero del quadro e del materiale pittorico strappato dalla bomba e da allora conservato con cura da Maria Matilde Simari, responsabile dei depositi delle Gallerie degli Uffizi, e degli addetti ai depositi stato tolto dal muro dove si trovava e portato nel laboratorio di Lippi. Unoperazione apparentemente semplice, affidata alla ditta specializzata in movimentazione di opere darte Arternativa, vissuta per con emozione e con il fiato sospeso. Assieme alla tela, con quello che resta del dipinto protetto da carta velina speciale applicata subito dopo lo scoppio, hanno lasciato gli Uffizi anche i frammenti raccolti ed inventariati con la speranza di vederli tornare al loro posto. Con calma e attenzione le scatole con i frammenti de I giocatori sono state imballate con materiale speciale e poi stata la volta del grande quadro, anzi della tela dato che la cornice stata da tempo restaurata e sistemata in un altro spazio dei depositi che accolgono circa 2.000 opere, compresi tutti gli autoritratti non esposti nel Vasariano. Gli uomini di Arternativa hanno staccato il quadro, lo hanno portato su per le scale, appoggiato su un tavolo della prima sala dei deposti, quella della accoglienza e partenza delle opere, incartato con cura, ricoperto con un materiale protettivo, infine preparato per il tragitto dal primo piano della Galleria fino al Loggiato e infine sistemato sul camion che lo ha portato nel suo provvisorio ospedale. davvero emozionante vederlo uscire per la prima volta dalla mattina della bomba per unimpresa che sembrava impossibile come il suo restauro dice Maria Matilde Simari Dopo la strage tutti pensammo e dicemmo che tre quadri erano persi per sempre, I giocatori di carte e il Con certo del caravaggesco Manfredi e lAdorazione di Gherardo delle Notti, come in italia era stato battezzato il pittore olandese Gerrit van Honthorst. Il Concerto e lAdorazione sono stati restaurati ed bello che adesso tocchi a lui. Certo la superficie pittorica alla fine non sar pi del 35-40%, rimarranno larghe parti di tela, ma sarebbe un falso ridipingere ci che andato perduto. Non sarebbe n corretto, n giusto. I giocatori di carte ha un grande valore aggiunge Simari sia simbolico perch lultimo quadro ancora non recuperato, sia storico perch ha sempre fatto parte delle collezioni medicee, sia materiale tanto che assicurato per una cifra importante. I giocatori di carte ha una storia affascinante e tormentata, pi del suo gemello, il Con certo . I due quadri di Manfredi, che raffigurano non scene sacre ma momenti di svago, furono donati dal Granduca Ferdinando II de Medici alla mamma, Maria Maddalena dAustria, in occasione del Capodanno 1626 e nel 1695 sono negli inventari del Poggio Imperiale come dipinti di mano del Caravaggio anche se non certo in quale villa medicea si trovassero. De I giocatori si perdono poi le tracce fino al 1969, quando il quadro fu ritrovato nei sotterranei di Palazzo Pitti, mentre il Concerto era stato inventariato nel 1890. Il dipinto fu restaurato per la grande mostra su Caravaggio ed i caravaggeschi del 1970 e dal 1973 esposto allinizio del Vasariano, proprio davanti ad una grande finestra dove fu quasi distrutto dallattentato mafioso. Adesso inizia il suo recupero spiega Daniela Lippi con un percorso che da qui a settembre seguir due strade parallele. Al computer studieremo il puzzle dei resti ancora su tela e di quelli raccolti, come raccordarli e dove posizionarli, mentre prepareremo lintervento sugli strappi della tela, la tela su cui poi appoggiare il dipinto, il fissaggio dei frammenti, il restauro complessivo e la manutenzione della cornice. Poi tra due mesi lintervento inizier. Con limpegno di tutti di concluderlo entro il 27 maggio 2018, 25 anni dopo la strage.



news

15-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news