LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Terme di Baia. Il sipario si apre (pure) sugli scavi
Stefano de Stefano
Corriere del Mezzogiorno 20/7/2017

Il grande teatro torna dopo 10 anni. In scena I sette contro Tebe con la regia di Baliani: Martone mi port qui

Ci son voluti dieci anni per riaprire i cancelli delle Terme di Baia ad eventi spettacolari che ne consentissero anche la fruizione notturna. E oggi loccasione offerta dal festival del Dramma Antico alle Terme di Baia davvero imperdibile per chi voglia coniugare linteresse per un allestimento classico alla seduzione di un sito ben conservato e scenicamente complementare per messe in scena teatrali di origine greco-romana. Come I sette contro Tebe di Eschilo diretto da Marco Baliani, in programma stasera e domani alle 21 fra le rovine romane di via Sella di Baia, che sar preceduto da una visita guidata agli scavi con inizio alle 20. bastato infatti che il Mibact (cui competono gli scavi), la Fondazione Campania dei Festival (che ha curato lallestimento del sito finalizzato agli spettacoli) e lIstituto Nazionale del Dramma Antico (che ha messo a disposizione le pice che transitano cos tra le aree di maggiore interesse della Magna Grecia, Sicilia e Campania), mettessero insieme le proprie forze per rilanciare le quotazioni di un luogo non conosciutissimo ma che per estensione e conservazione secondo solo al centro antico di Roma. Una meraviglia, resa ancor pi affascinante dalla recente illuminazione notturna colorata e dai tavolini della buvette sistemati nel grande prato centrale, da cui ammirare gli scavi iniziati nel 1941, segno della presenza di ville e complessi termali, compresi fra la tarda et repubblicana e quelle augustea, adrianea e severa. Tra le testimonianze che saltano subito agli occhi le cupole del grande Tempio di Diana, il Tempio di Mercurio, dove si apre anche una suggestiva vasca dacqua, e quello di Venere, strutture cos denominate ma in realt sedi termali non adibite al culto. Sono stato qui ricorda Baliani appena giunto a Baia per le prove negli anni 90. Mi aveva portato Mario Martone quando costruivamo a Napoli proprio I sette contro Tebe compresi nel film Teatro di guerra . Stesso titolo ma allestimento diverso. S, credo addirittura diverso dalla precedente messa in scena dello stesso spettacolo fatto nella cavea greca di Siracusa, dove abbiamo accentuato il gesto e lenfasi della recitazione. Qui invece, visto il contesto fra mura pi urbane, credo che sposteremo lasse su di una lettura pi psicologica. Ma qual il centro di questa tragedia? Credo che sia la paura, quella pi autentica che precede la guerra. Lazione infatti allinterno della citt prima e durante gli scontri fratricidi che porteranno poi allo scontro letale fra Eteocle e Polinice. I fratricidi figli di Edipo la cui morte incrociata e successiva sepoltura da parte della pietosa sorella dar vita allAntigone sofoclea. Personaggio che io sottraggo al coro, portandola in scena sin dallinizio, quasi a voler costruire un ponte fra le due tragedie. E cambiando progressivamente i costumi da arcaici a contemporanei, proprio per sottolineare la modernit di questo conflitto, paragonabile a quello di Sarajevo o di Aleppo, ma anche a quelli presenti nel nostro Paese, partoriti spesso pi dalle parole che da fatti reali. Ragione in pi per sviluppare molto laspetto sonoro, veicolo di quel terrore annunciato che a volte spaventa pi della guerra vera e propria. In scena, infine, Gianni Salvo, Marco Foschi, Aldo Ottobrino, Anna Della Rosa, i danzatori Massimo Frasc, Liber Dorizzi e il coro formato dagli allievi Accademia darte del Dramma Antico. Per chi volesse a disposizione una navetta con partenza da via San Carlo a Napoli con ripartenza da Baia al termine dello spettacolo. Prenotazione obbligatoria ai numeri della biglietteria 344-0456788 e 344-0450849 e fino ad esaurimento posti.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news