LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Carmine. Prima dei piani bisogna capire le esigenze di chi l ci vive
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 20/7/2017

Perplessit, come architetti, ne abbiamo sempre avute sul progetto del Comune su piazza del Carmine. Alcune simili a quelle esposte da Gianni Biagi e Simone Siliani sul Corriere Fiorentino . Ma ormai siamo pessimisti. Pare si voglia sempre andare avanti per una strada gi decisa. Lo abbiamo visto su piazza del Carmine, temiamo anche per piazza dei Ciompi e piazza Brunelleschi. Roberto Masini presidente uscente dellOrdine degli architetti (fa ancora parte del direttivo) ed ha seguito tutto liter delle scelte di Palazzo Vecchio su piazza del Carmine.

Masini, Biagi e Siliani scrivono: prima dellestetica, pensiamo alla vita della piazza. Non basta un boschetto...

Bisogna anche per dire che Carmine non ha mai brillato nella storia. Negli anni 20 era ancora sterrata e cerano tigli ai lati della piazza. Le alberature non sono una novit: ma Carmine non ha mai goduto di una organizzazione ed arredo, come invece successo a piazza Indipendenza, che da grande impianto vuoto si poi strutturato come giardino. Per il Carmine, questa poteva essere la bellissima occasione per ridisegnare uno spazio urbano. Ma ormai, quando si fanno queste operazioni, la cittadinanza viene ascoltata solo per dare forza a idee gi presenti in seno allamministrazione, per giustificare progetti gi alla fase esecutiva.

Cera stata anche una controproposta, che aveva coinvolto residenti e universit.

Luniversit ha fatto un processo di partecipazione, coinvolgendo alcuni cittadini. LOltrarno ha visto sempre i cittadini partecipare. Lamministrazione non ascolta, non gli interessa avere un dialogo con i cittadini in generale. Ha una sua idea, o vuole vestire di un bellabito un luogo, senza conoscere le attese vere di chi vive la citt. Quella per piazza del Carmine una soluzioni che pu piacere ad un turista che viene mezza giornata per vedere la cappella Brancacci. Una piazza deve servire prima di tutto ai residenti: questa doveva essere la partenza.

Non vi piaciuto quindi il modo di coinvolgere i cittadini?

Hanno usato un escamotage a posteriori, proponendo e facendo vedere solo i colori e le materie da utilizzare a cantieri aperti. Questa non partecipazione, comunicazione. Non si tratta di arredare un salotto. Una piazza cos grande, in un quartiere cos fiorentino, meritava un percorso diverso.

Vi convinceva pi la proposta delluniversit?

La proposta delluniversit ragionava sulla sistemazione della piazza con linserimento del verde su alcuni coni ottici verso la facciata della chiesa, con una piazza con pi spazio possibile a disposizione. Era una sorta di piazza del Campo con allinterno nuovi elementi di arredo urbano senza alterare le percezioni di chi arriva dalle varie vie sulla piazza. Vede, per questo noi proponiamo sempre di usare la formula del concorso, dopo il percorso partecipativo. Prima si raccolgono le istanze della cittadinanza, indicando le funzioni, le attenzioni per la vita sociale, lLe attese, le speranze, la voglia di vivere quel luogo. Ingredienti che entrano dentro ad un bando di concorso, poi il progettista interviene su queste linee. Si fa in tutta Europa. A Firenze si ostina a escludere questo modello. Senza un percorso condiviso, le soluzioni saranno sempre criticate. E se si continua a non farlo, si ripeter lo stesso errore. Quella piazza di tutto il mondo, i fiorentini hanno una responsabilit enorme quando intervengono su queste piazze.

Ma molte piazze hanno problemi, come quelli di convivenza tra comunit straniere, degrado e vivibilit di piazza Indipendenza. Una piazza politica, aperta, poi diventata un giardino. Bisognerebbe intervenire anche l?

Assolutamente s, sempre con questo modello, anche quando non si fanno interventi pesanti. Losservazione dei fenomeni sociali alla base di qualunque intervento. Piazza Indipendenza simmetrica, nasce da una geometria di fine 800-primi del 900. Chi attraversa la piazza ha segnato con dei viottoli delle direttrici che collegano funzioni, togliendo lerba. Ci sono gi tracciati spontanei: qualcuno li ha visti? Piazza Indipendenza attrattiva nelle due parti in cui divisa per comunit diverse. Qualcuno si interrogato su questa presenza, sul perch nata questa presenza? Solo cos si pu capire la gestione di uno spazio pubblico, per le potenzialit degli sviluppi futuri delluso della piazza. Sono i caratteri distribuitivi di un luogo, che vanno a consigliare il modo giusto di pensare il futuro. In piazza Indipendenza si fronteggiano i residenti e alcune comunit che la vivono, questultimi non sempre con il rispetto dovuto ai luoghi ed alle persone. Non giusto che i residenti sopportino certe derive di chi la occupa in modo improprio. La domanda : come permettere a tutti, in modo democratico, la vivibilit della piazza? Come governare questo fenomeno? Lurbanistica disegna e ridisegna capendo i fenomeni.

E magari curando il follow up: dopo un intervento, curare eventi, attivit, la vita delle piazze... E ora stato deciso di far traslocare definitivamente il mercatino delle Pulci da piazza dei Ciompi in Largo Annigoni.

Se il progetto mal realizzato, e se poi il luogo viene abbandonato, rischia di non funzionare o creare situazioni peggiorative. Alcune piazza sono uscite dalloblio, in Europa, o altre che hanno subito fenomeni opposti, da piene di vita hanno perso identit. il rischio che vediamo per il Carmine ma ora anche per piazza dei Ciompi. Purtroppo, piazza del Carmine lho dato persa un anno fa, quando ho capito che lamministrazione non voleva ascoltare la popolazione. Per i Ciompi, temo saremo costretti a cambiarle nome: da piazza a Giardino dei Ciompi, se tolgono il mercatino delle Pulci e realizzano un giardino ottocentesco. Stravolgendo identit e futuro di quel luogo.



news

18-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news