LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. sempre Maggio, con museo
Valeria Ronzani
Corriere Fiorentino 20/7/2017

Un applauso scrosciante ha accolto lannuncio del sovrintendente Cristiano Chiarot: il Maggio torner a chiamarsi Maggio Musicale Fiorentino. Non solo per il festival, ma per tutta la stagione. Lannuncio stato dato nel corso di unaffollata presentazione della stagione 2017-2018 e della ottantunesima edizione del festival. Appuntamento a settembre per conoscere gli ultimi mesi della programmazione 2018 (inclusa la sfida di una trilogia popolare da fare in un solo giorno: la mattina Traviata , il pomeriggio Rigoletto , la sera Trovatore , Luisi disponibile, si tratta coi sindacati). Va in soffitta lacronimo OF (Opera di Firenze). Dopo laddio di Francesco Bianchi si cambiano marcia e atmosfera. Si sta addirittura lavorando al progetto per creare il Museo del Maggio allinterno del teatro. Per dare finalmente degna valorizzazione a quellincredibile patrimonio di disegni, bozzetti, figurini, modelli che hanno caratterizzato dalle origini il legame con le correnti artistiche del Paese, spettacoli che hanno cambiato per sempre la storia del teatro musicale. Si tratta di una ferma volont del sovrintendente, garantiscono dal teatro, un museo aperto e visitabile anche quando non c spettacolo, che narri la storia della musica secondo levoluzione dello stesso festival. A breve partiranno anche i lavori per lauditorium, ma Chiarot su questo non si sbilancia. Ai primi di settembre ci sar il nuovo book shop e sempre a settembre saranno presentati i progetti per la Citt Metropolitana (da cui arrivato un finanziamento di 1,7 milioni di euro) e per la Regione, in collaborazione con lassessorato alla cultura (era presente lassessore e vicepresidente Monica Barni). Si sta accelerando per riallacciare la storica tradizione che ha fatto grande nel mondo questo teatro. Il sindaco Dario Nardella ne fa quasi un annuncio programmatico: Abbiamo il dovere di continuare ci che i grandi uomini politici di ottanta anni hanno fatto. Si punta sui giovani: tre progetti con Venti Lucenti, conferenze e guide allascolto. Sempre pi strette le alleanze con le istituzioni musicali, culturali e museali della citt. Dal bilancio al disamore del pubblico: parla di ferite ancora aperte Chiarot, che annuncia per di voler mettere i conti in sicurezza entro un anno e si appella ai fiorentini e a tutti gli appassionati perch tornino in teatro. Sono ben ventuno le formule di abbonamento studiate per venire incontro a ogni esigenza. Dalle famiglie, agli under 40, a chi viene da fuori, a chi vuole solo concerti, a chi ama solo lopera, e chi pi ne ha pi ne metta. Nellorario di biglietteria, dal 20 luglio, si potr parcheggiare nel piazzale Gui per andare a comprare labbonamento (o i biglietti).

Tante novit sul fronte artistico. Ieri era la prima conferenza del nuovo direttore musicale Fabio Luisi, che si dichiara felicemente stupito dal vedere schierate tutte le istituzioni musicali cittadine: Non mi era mai capitato. Per me un onore e un privilegio. Questo un lavoro di squadra, e la mia impressione di avere una squadra da scudetto. La nostra immagine viene definita dalla proposta artistica che faremo. Sono fiero del Prigioniero di Dallapiccola diretto da Mehta (dal 19 giugno, insieme ai 4 pezzi sacri di Verdi, regia e coreografia di Virgilio Sieni) e sono contento che Mehta abbia condiviso la scelta di unidentit sempre pi ficcante del festival. Vedo un futuro non roseo, ma addirittura gargiante. Mehta ha mandato un messaggio e un arrivederci ad aprile, salutando Chiarot e Luisi. Conferma che porter il Maggio in tourne, a Catanzaro, a Barcellona e forse in una terza sede. Il cartellone ricchissimo, trentasei concerti da ottobre 2017 a giugno 2018, sei titoli dopera per il festival, con un clamoroso ritorno, Riccardo Muti (11-13 luglio), a dirigere il Macbeth di Verdi in forma di concerto (orchestra e coro del Maggio protagonista Luca Salsi), per poi portarli tutti al Ravenna Festival. Si torna a Boboli con Ercole in Tebe di Jacopo Melani, prima rappresentazione in tempi moderni diretta da Federico Maria Sardelli, mentre la nuova commissione di unopera contemporanea Tenebra di luce , di Adriano Guarnieri, che si avvarr di altre eccellenze cittadine, Giancarlo Cauteruccio alla regia e una collaborazione con lAccademia di belle arti per lallestimento. Linaugurazione del Festival fissata al 5 maggio con Cardillac , di Hindemith, Fabio Luisi sul podio, ma ci sar pure un Verdi poco conosciuto come quello della Batta glia di Legnano (dal 25 maggio) con la regia di un cineasta del calibro di Marco Tullio Giordana (dirige Renato Palumbo). La stagione lirica invernale invece inaugurer il 17 ottobre con La rondine di Puccini, mai rappresentata prima al Maggio (sul podio un figlio del Pucciniano come il giovane Valerio Galli). Ci saranno poi La sonnambula , Carmen (destinata a entrare fra i titoli in repertorio, allestiti abitualmente dal Maggio) La favorite di Donizetti diretta da Luisi, lAlceste di Gluck con la bacchetta di Sardelli. Inoltre torner il balletto. So che la chiusura di MaggioDanza una ferita non rimarginata riflette Chiarot per cicatrizzarla ci vorr del tempo. Ma sul territorio esistono anche altre eccellenze. Come lo Junior Ballet di Toscana, erede (a proposito di ferite) del mitico Balletto di Toscana fatto morire nella pi grande indifferenza. Dal 7 dicembre si danzer La bella addormentata nel bosco . E non sar lunica sorpresa.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news