LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Settis-La citt come teatro della democrazia
Giacomo Russo Spena
http://temi.repubblica.it/micromega-online/la-citta-come-teatro-della-democrazia/?refresh_ce

Se lo spazio urbano sempre pi terreno di speculazioni e politiche di marginalizzazione sociale, il libro "Architettura e democrazia" di Salvatore Settis ci ricorda come invece dovrebbe essere: "Il diritto alla citt include, riassume e rilancia un orizzonte dei diritti civili che ci riguarda da vicino, perch interroga la nostra concezione della societ". E l'architetto in questo ha un ruolo fondamentale come garante della Costituzione che nell'art. 9 tutela il paesaggio e il patrimonio storico-artistico della Nazione.


un errore comune: considerare il "paesaggio" semplicemente come un territorio da ammirare per la bellezza. Cos pensare che l'architetto abbia solo il dovere di migliorare uno spazio rispettando determinati standard edonistici. Non cos. Nell'era delle speculazioni fondiarie, delle rendite e delle cementificazioni selvagge, l'architetto nella societ d'oggi ha un'altra funzione. Di tipo sociale. E lo stesso paesaggio assume un'altra valenza, oltre a quella estetica, diventando o, meglio, bisogna lavorare affinch diventi il teatro della democrazia perch capace di incarnare valori collettivi. Da vivere e non solo da vedere.

Ce lo spiega bene Salvatore Settis, illustre storico dell'arte e archeologo, nel libro Architettura e democrazia (Einaudi, 164pp, 12 euro). Un saggio importante, e in controtendenza, che giunge mentre gli spazi urbani sono sempre pi terreno fertile per le scorribande dell'establishment e i poteri forti, dove si persa l'idea di citt intesa come bene comune e coacervo di diritti di cittadinanza. Oggi, infatti, le citt sono obiettivo prioritario degli investimenti finanziari di carattere speculativo, che generano dinamiche di gentrificazione molto difficili da contenere per i poteri dei governi locali.

Pensiamo a Roma e al recente scandalo di Mafia Capitale, alle periferie abbandonate a se stesse, ai quartieri dormitorio senza servizi, ai palazzinari e ai furbetti del quartierino che hanno costruito in deroga ai piani regolatori in nome del profitto. Con una classe dirigente compromessa e assente si cementificato ovunque, senza alcun vincolo e logica. Scrive a tal proposito il critico dell'arte Tomaso Montanari: "La citt (non solo Roma) si disfatta, diventata invivibile, a tratti mostruosa, perch si smesso di pensarla e di disegnarla. Si rotto il legame tra la comunit degli uomini e la citt materiale: la prima ha cessato di immaginare e modellare la seconda".

Il taglio delle finanze locali, lo stritolamento dettato dal vincolo del Patto di Stabilit, l'ignoranza e la corruzione delle classi dirigenti hanno delegato a pochi grumi di interesse privato (palazzinari e banche, in sostanza) lo sviluppo delle citt, secondo questa logica perversa: le amministrazioni permettono agli speculatori di prendersi ampi spazi pubblici, in cambio di servizi e di risoluzione delle problematiche sociali. il caso dell'housing sociale o della politica nefasta dei residence per sopperire, ad esempio, all'emergenza abitativa. Si delega al privato, che ovviamente come prima cosa cura i propri affari, quel che la politica non riesce pi a garantire ai cittadini.

la fine dell'urbanistica ragionata e, dunque, la fine dello spazio pubblico: centri vetrina, spesso militarizzati e solo per ricchi e turisti, e periferie per poveri e ceti meno abbienti. Il centro storico sta diventando cos una riserva indiana, un'area residuale, un luogo di conflitti la cui sorte dipende dagli sviluppi o dal ristagnare della speculazione edilizia. Nel libro, Settis illustra proprio come la citt si espande divorando il paesaggio, e al tempo stesso si frammenta esprimendo dal suo seno due formazioni opposte e complementari: "La favela e la gated community, le mura della citt diventano mura nella citt".

Si evidenzia un fenomeno di marginalizzazione sociale e urbanistica, due elementi come stiamo vedendo strettamente connessi. Si rompe il legame tra la comunit degli uomini e la citt materiale. Le nostre citt diventano non/luoghi, eppure la cittadinanza il pieno dei vissuti, la condivisione del territorio.

Negli anni Sessanta Henri Lefebvre ha coniato il termine di diritto alla citt per esprimere il fatto che la citt debba tornare alla gente nonostante la sua trasformazione in spazio di speculazione finanziaria e di generazione di profitti. Lefebvre propugna che siano i cittadini i protagonisti di una citt che loro stessi hanno costruito. In questo senso il diritto alla citt implica ripristinarne il significato, fornendo a tutti la possibilit di una vita dignitosa e rendendo la citt lo scenario di incontro per la costruzione della vita collettiva.

Allora ecco il bisogno di ridisegnare le periferie urbane creando condizioni indispensabili di inclusione sociale, intervenendo sul verde, sui servizi e sulla vivibilit. Le citt intese come elemento di rottura e discontinuit, possono sperimentare con nuovi strumenti di co-partecipazione e co-gestione anche nuove forme di accoglienza per i migranti. Agor dove il cittadino parte attiva e non singolarit passiva di fronte a scelte calate dall'alto. L'errore pi grande sarebbe quello di considerare il territorio urbano come un semplice distretto elettorale e non come il motore del cambiamento.

Il diritto alla citt include, riassume e rilancia un orizzonte dei diritti civili che ci riguarda da vicino, perch interroga la nostra concezione della societ: "Perci scrive Settis protestare in citt vuol dire intenderla non come spazio neutro ma come teatro della democrazia. E, se citt e paesaggio sono le due facce di una stessa medaglia, non pu esservi diritto alla citt senza diritto al paesaggio". Citt, paesaggio, opere d'arte, ambiente sarebbero beni e nozioni da legare ai diritti di cittadinanza, perch in essi fiorirebbe la possibilit di una comunit che non sia dominata dai particolarismi e dall'illegalit, ma dalla lungimiranza e dalla democrazia.

Contro privatizzazione e vendita della citt, in nome delle speculazioni e del profitto, diritto alla citt esprime l'aspirazione delle comunit a condividere quella ricchezza collettiva che fatta di edifici, monumenti e attivit lavorative. Quel che Settis definisce, giustamente, "capitale civico".

Alcuni architetti europei nel 2014 hanno lanciato un manifesto dal titolo How to Build a Fairer city che propone un mutamento radicale di prospettiva: incidere culturalmente e politicamente sia sull'immaginario collettivo sia sulle pratiche di governo per abbandonare il tema dominante della competitivit tra citt: "Il successo di una citt si legge nel manifesto non dovrebbe misurarsi dalla sua grandezza n dalla sua capacit di competere con altre citt di egual dimensione, ma piuttosto dalla sua capacit di distribuire al proprio interno beni e servizi che possano garantire la vita civile del pi gran numero possibile dei suoi cittadini". La citt diventa spazio aperto, dinamico, del conflitto sociale, della partecipazione e della resistenza all'establishment.

Nuove ricerche di sociologi, psicologi, antropologi definiscono lo spazio in cui viviamo come un formidabile capitale cognitivo, che fornisce coordinate di vita, di comportamento e di memoria, costruisce l'identit individuale e quella collettiva.
In antitesi, la frammentazione territoriale, la violenta e veloce modificazione dei paesaggi, il dilagare di periferie abbandonate a se stesse e prive di centro innesca patologie individuali e sociali: secondo una ricerca del 2006 il 30 per cento della varianza nell'incidenza della schizofrenia spiegato dall'urbanizzazione.

Il discorso pubblico sulla citt e quello sul paesaggio devono impegnare il mestiere dell'architetto. Come Borromini aveva ben capito, l'architetto non opera in un empireo dominato dalla sola ragione estetica n dalle sole esigenze del committente, ma dall'etica e dalla deontologia del proprio mestiere. Un mestiere che ha un forte e capillare impatto sulla vita di tutti perch incide sull'ambiente urbano e sui paesaggi modificando le dinamiche della societ civile. Nel libro Settis ricorda l'insegnamento di Lina Bo Bardi, una delle architette che meglio ha saputo insistere sul tema dell'etica e dell'impegno politico. Per lei, l'architetto moderno dovrebbe essere un "combattente attivo nel campo della giustizia sociale" e "alimentare in s il dubbio morale, la coscienza dell'ingiustizia umana, un sentimento acuto di responsabilit collettiva".

Anche in questo caso, basterebbe leggere la nostra Costituzione, una delle pi avanzate al mondo e troppo spesso inapplicata. L'art 9 della Carta recita: "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione". Siamo alla costituzionalizzazione della tutela del paesaggio, inteso come bene comune.

Settis chiude il libro nel migliore dei modi, legando proprio la cittadinanza e l'etica dell'architetto: "In un paesaggio, anche urbano, la forte responsabilit dell'architetto potr contribuire al pieno esercizio dei diritti civili. Diritto alla citt, diritto alla natura, diritto alla cultura meritano questa scommessa sul nostro futuro". Come non essere d'accordo.

(Micro Mega, 20 luglio 2017)



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news