LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Due Carrare. Il Catajo assediato dal mega emporio. Denunce e insulti. E la Regione si sfila
Angela Tisbe Ciociola
Corriere del Veneto 22/7/2017

Due Carrare, nuovo attacco di Sgarbi: Opera sbagliata, il sindaco si scusi in ginocchio. E lui lo querela

DUE CARRARE (Padova). Sembra essere una battaglia epica tra bene e male, quella che si sta svolgendo da settimane allombra dei Colli Euganei: da una parte i difensori di un eden incontaminato, dallaltra i sostenitori del progresso, sotto forma di un nuovo mostro commerciale che ha i contorni di una ciminiera fumosa e maleodorante in stile Dickens. Eppure la lotta tra i due schieramenti, che giorno dopo giorno si arricchisce di un partecipante, ha confini molto pi sfumati. Tutto nasce intorno a unarea di circa 160mila metri quadrati nel Comune di Due Carrare, poco lontano dalluscita del casello autostradale dellA13 e, soprattutto, dal castello del Catajo, dove dovrebbe sorgere il pi grande centro commerciale della provincia.

Un progetto di cui si discute da 23 anni ma che, dopo lopposizione degli scorsi anni della Soprintendenza, si ripresentato nelle ultime settimane, quando la Deda Srl, societ proprietaria dellarea, ha presentato nel Municipio di Due Carrare un nuovo progetto, diverso da quello che circolava otto anni fa, ideato dallo studio L35 di Barcellona, lo stesso che ha ristrutturato lo stadio Santiago Bernabeu di Madrid. Una struttura a due piani, per un totale calpestabile di circa 64mila metri quadrati. Il primo a scendere in campo stato il proprietario del Catajo, Sergio Cervellin, imprenditore famoso per aver brevettato il Mocio Vileda che, dopo aver rimesso a nuovo il castelletto sui colli di Battaglia Terme, lo ha aperto al pubblico. Lidea di avere un centro commerciale a due passi dai suoi affreschi seicenteschi, dalle terrazze con vista sui Colli e dai labirinti del giardino allitaliana lo ha fatto inorridire. Se apre il centro, io chiudo il Catajo, aveva promesso.

Accanto a lui si sono schierati i rappresentanti delle associazioni di categoria, dallAscom a Confesercenti, che luned sera sfileranno con i comitati pro-Catajo in una fiaccolata, preoccupati per limpatto che un agglomerato di negozi, appartenenti per lo pi a catene, potrebbe avere sulla gi provata economia locale . Schiacciati dagli sconti e dallattrattiva della novit offerta dal nuovo centro, il progetto avrebbe portato alla morte non solo i negozianti dei Colli, ma anche quelli di gran parte della provincia di Padova. Il sindaco di Due Carrare, Davide Moro, assalito da pi fronti, aveva cercato di spiegare di non poter fare molto per bloccare un progetto gi avviato, eppure si era dimostrato aperto alla possibilit di fare un passo indietro nel caso in cui si fosse trovato un escamotage per evitare che penali pesanti ricadessero sul suo Comune in caso di un blocco del progetto. A gettare ulteriore benzina sul fuoco ci ha pensato nei giorni scorsi Vittorio Sgarbi. Il critico darte, famoso per i suoi modi quantomeno rudi, si scagliato in un video pubblicato su Facebook contro il sindaco Moro. Solo menti malate e perverse possono pensare di contaminare un luogo sublime con un centro commerciale da 32mila metri quadrati aveva tuonato . Vergognati sindaco, vuoi far diventare il tuo paese Las Vegas. Lintervento di fuoco di Sgarbi non stato per accolto bene dal sindaco di Due Carrare che, anzi, ha annunciato una querela nei confronti dellesperto di arte. Nonostante questo, ieri Sgarbi ha continuato ad accendere la polemica con un nuovo video, alimentando ancora una corrispondenza di poco amorosi sensi. Perch non sei ancora venuto in ginocchio a dirmi che hai sbagliato? ha chiesto ancora una volta a Moro Mi costringerai a fare il sindaco di Due Carrare. Nonostante tutti ti stiano dicendo che hai sbagliato e che sei come mafia capitale (che poi si scoprir che mafia non ma che fare gli interessi di un privato pur essendo amministratore pubblico), ancora non sei venuto in ginocchio da me. Sgarbi, poi ha annunciato di aver informato sia la Soprintendenza sia Luca Zaia della vicenda, chiedendo loro di intervenire in difesa del Catajo. Eppure la Regione potr fare poco in proposito. il Comune lelemento determinante ha chiarito Roberto Marcato, assessore allo sviluppo economico . Una volta che il Municipio decide, la palla passa alla Commissione impatto ambientale provinciale e, solo infine, in Regione. Ma se la procedura in ordine, le carte sono a posto, non possiamo noi dirci contrari solo per motivi filosofici. Ci sarebbe, piuttosto, da fare una riflessione a monte sul senso oggi dei grandi centri commerciali .



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news