LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bagnoli, perch ora piace il piano che blocc tutto?
Francesco Marone
Corriere del Mezzogiorno 23/7/2017

La firma dellaccordo per far ripartire i lavori per la riqualificazione dellarea di Bagnoli non pu che essere accolta come una notizia positiva. Dopo molti anni dincertezza, e poi di blocco totale, si restituisce alla citt la speranza di poter trasformare il proprio territorio.

Tutte le principali metropoli del mondo cambiano di continuo il proprio volto, senza particolari travagli. A Napoli, dopo le speculazioni degli anni 50 e 60 del ventesimo secolo non si mosso pi nulla, lassetto urbanistico dellintera area urbana rimasto sostanzialmente immutato rispetto al disegno del laurismo. Paradossalmente, dopo le mani sulla citt nessuno ha pi messo mano alla citt.

Bagnoli rappresenta, da oltre ventanni, una grande occasione per iniziare nuovamente a pensare lo spazio urbano e il suo sviluppo. Purtroppo quelloccasione rimasta solo una speranza, frustrante come tutte le speranze che durano troppo a lungo. La svolta impressa dallaccordo siglato marted , quindi, senza dubbio da salutare come un elemento positivo, sia perch restituisce slancio a un progetto che sembrava irrimediabilmente compromesso dalle indagini giudiziarie e dal fallimento della societ di trasformazione urbana, sia perch, per la prima volta da molto tempo, le istituzioni territoriali e il governo hanno trovato unintesa, attraverso un modus approntato da Claudio De Vincenti che c da augurarsi diventi il benchmark del dialogo anche in futuro.

Detto questo, ci sono un paio di considerazioni che vale comunque la pena fare.

Sul piano progettuale, devo confessare di non aver capito cosa si far dietro la spiaggia e soprattutto in quali tempi e con quali risorse. La bonifica dovrebbe avere la copertura finanziaria ed essere effettuata in tempi certi. Il resto delle opere non chiaro quali siano, se siano private o pubbliche, quando e come verranno realizzate. E ci non senza dire che nessuno spiega chi e con quali mezzi dovr gestire e sorvegliare un parco di 120 ettari.

Anche le dichiarazioni del ministro Delrio sul prolungamento della metropolitana restituiscono la sensazione di un quadro progettuale ancora in via di definizione. Se non ancora chiaro quale linea della metro arriver a Bagnoli, se la 6, la 2 o addirittura una nuova, le stazioni alle quali fa riferimento il progetto approvato che cosa sono? Viene da pensare che il commissario e il ministro, organi dello stesso governo, non si siano confrontati durante la redazione del piano di sviluppo della nuova Bagnoli se dopo la firma si inizia a discutere di come ci si dovr arrivare e, soprattutto, con quali risorse si pagheranno i nuovi binari.

Il rendering diffuso dalla stampa molto bello e c da sperare che si possa davvero specificare e poi realizzare e gestire tutto quello che si detto; ma, allo stato, sembra che lunica cosa sicura sia la bonifica che, a meno che la magistratura non accerti il contrario nel giudizio in corso, gi stata fatta qualche anno fa. Il punto su cui si era bloccata la vecchia societ di trasformazione era lo sviluppo dellarea, non la sua bonifica. Sotto questo aspetto, non chiaro quale sia lelemento nuovo che dovrebbe sbloccare i progetti, soprattutto quelli finanziati dai privati. Ha forse ragione Marco Demarco quando dice che si tratta dello stesso progetto, e con gli stessi problemi, di Vezio De Lucia, il quale infatti soddisfatto.

Se cos, per, necessaria una riflessione sul significato politico di quanto accaduto. Il giudizio dei diversi commenti di questi giorni , in estrema sintesi, che si tratta di un successo del governo, e del ministro del Mezzogiorno in particolare, e di una mezza sconfitta del sindaco che avrebbe ottenuto alcune modifiche. Tuttavia, dopo tre anni di braccio di ferro tra il Comune e i commissari, non si capisce bene quali fossero i punti di disaccordo sul progetto. Quello presentato alla stampa, per quanto generico, sembra molto simile a quello che la vecchia societ di trasformazione urbana stava attuando quando stata fatta fallire, per cui andrebbe spiegato ai cittadini quali sono state le divergenze principali e se davvero erano cos importanti da perdere altri tre anni per superarle. Se tutto si riduce al solo arretramento di Citt della Scienza, che peraltro credo fosse gi previsto sin dai primi progetti, sembra davvero di essere di fronte a un falso movimento, al riavvolgimento di un nastro lungo venticinque anni, senza che nessuno si sia dato cura di spiegare perch i commissari del governo dovrebbero riuscire dove le istituzioni locali hanno fallito.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news