LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano, macerie e dopoguerra. Storia della rinascita
Pierluigi Panza
Corriere della Sera - Milano 23/7/2017

In un volume il censimento e le mappe degli edifici. Operazione pazzesca. Poi il via alla ricostruzione

Comera veramente Milano nellimmediato Dopoguerra, prima della ricostruzione? Un volumone (Milano 1946. Alle origini della ricostruzione, Silvana editoriale, pp. 446) ricostruisce il Censimento urbanistico del 1946, che fu unoperazione titanica condotta in tre mesi (da settembre 1946), casa per casa, e che ha dato luogo alla compilazione di oltre 3.000 schede, una per ogni isolato, cadute nel dimenticatoio ma riscoperte qualche anno fa dagli autori della pubblicazione, gli architetti Gianfranco Pertot e Roberta Ramella (con il contributo di Ludovica Barassi, Paolo Bossi e Renzo Riboldazzi).
Mappe, commissioni ed esclusioni eccellenti

Questo censimento (come il piano urbanistico del 1948, per il quale il censimento doveva servire da base conoscitiva) fu realizzato da una quarantina dei migliori architetti e ingegneri della citt del tempo, esclusi quelli che si ritenevano compromessi con il regime: rimasero fuori in pochi, tra i quali le vecchie cariatidi Piero Portaluppi e Gio Ponti... Con loro lavorarono anche molti tecnici comunali. Tra i nomi ingaggiati figurano quelli di Albini, dei BBPR, di Minoletti, Figini, Pollini, Gardella e tanti altri. Fu costituita allora una Commissione centrale e delle Commissioni di quartiere per censire gli edifici isolato per isolato compilando una mappa a colori e una scheda dello stato di fatto. Le mappe di ogni isolato appaiono oggi pasticciatissime, con scritte e colori che individuano destinazioni duso e lo stato di conservazione: edifici distrutti, demoliti, sinistrati o passibili di recupero .

La collazione delle mappe da noi effettuata racconta Gianfranco Pertot , ha composto un atlante della Milano del 1946, limmagine di un grande corpo urbano ferito, con lindicazione di tutti gli edifici danneggiati o distrutti dalla guerra. Una Milano fatta poi a pezzi dalla ricostruzione. In effetti un revisionismo anche nella storia dellUrbanistica potrebbe partire dai dati raccolti in questo volumone che consentono di mostrare ampie cancellazioni di brani urbani attuate dalla ricostruzione. Non che si dovesse conservare una citt in rovina come testimonianza; tuttavia curioso notare che oggi si propongano ricostruzioni di alcuni di questi brani e di alcuni modelli edilizi allora rimossi o vituperati.
Il bilancio finale e la possibile ricerca

Ciascun cittadino se abita in zone relativamente centrali e in edifici Vecchia Milano pu andare su questa mappa, cercare casa sua e vedere in che stato si trovava nel 46 (evitiamo di incominciare a dire che si potrebbe digitalizzare ecc. ecc; per chi vuole c questo volume).

Fu unoperazione pazzesca, racconta Alessandro Tutino, ultimo sopravvissuto tra coloro che realizzarono il censimento. Tutino era uno studente che lavorava per Albini... Andavamo in bicicletta Era difficile compilare le schede. Dovevamo entrare in ogni edificio, superando a fatica lo sbarramento delle portinerie e dei custodi E si doveva soprattutto superare la reticenza, le assenze, i timori che venivano espressi dagli abitanti degli stabili e dai titolari di attivit produttive che temevano di essere a breve costretti a spostarsi in zone pi periferiche.

Poi i compilatori si trovavano ogni settimana per confrontare le schedature e dibattere. Compilarono lelenco di tutti gli edifici distrutti e degli edifici danneggiati (in appendice al volume), bilancio definitivo del danno bellico.
Il riordino urbano guidato dai modernisti

La ricostruzione divenne unopportunit di riordino della citt cariata, con lallontanamento delle aziende dai fumi molesti, la ricerca di sicurezza e la costruzione di un nuovo ordine urbano improntato a quella Architettura civile introdotta da Francesco Milizia nel dibattito architettonico italiano.

Norme di igiene, distanze, allineamenti prevalsero sulla cultura della stratificazione del palinsesto urbano. Fu unesperienza unica per alcuni protagonisti dellarchitettura, unoccasione irripetibile per dare un volto radicalmente nuovo alla citt, con i modernisti in prima linea nella stanza dei bottoni. Ma fu anche, come indica Pertot, una occasione buttata per manifesta incapacit culturale di una generazione intera di rapportarsi con la storia e con il multiforme spessore della compagine cittadina.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news