LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA. "Mappe mai aggiornate cos si pu aggirare la legge anti-speculatori"
18 luglio 2017 LA REPUBBLICA




Dalla criminalit organizzata che ha interessi a speculare sulle aree protette agli appalti non rinnovati per lo spegnimento degli incendi. Dall'avvertimento degli stagionali decisi ad essere reclutati nei mesi estivi col preciso compito di domare i roghi nelle terre pi a rischio a raid di stampo razzista per fare, letteralmente, terra bruciata attorno agli insediamenti abusivi di stranieri nei boschi. La rosa delle motivazioni che spingono a distruggere i polmoni verdi variegata. Ma c' sempre una regia, da Nord a Sud, perch nulla brucia per caso. Ne convinto Gianfranco Amendola, magistrato di lungo corso che si sempre occupato di reati ambientali, oggi consulente della Commissione parlamentare Ecomafie. Per esperienza personale, posso dire che nel 90 per cento dei casi gli incendi, in qualsiasi luogo, sono dolosi. L'autocombusione un fenomeno raro. E gli interessi che ci sono dietro a un fuoco acceso sono quasi infiniti.

Il magistrato convinto che, dietro a un cerino acceso, ci sia sempre un progetto da portare a dama: ai disastri accidentali ci credo poco. Sul rogo della pineta di Castel Fusano a Ostia, che ieri,

puntuale come ogni anno, ha bruciato pini e sterpaglie non si sente di fare ipotesi. Ci sono un arrestato e un'indagine in corso. Ma l'apocalisse di fuoco che il 4 luglio del 2000 ridusse 350 ettari di verde in cenere la ricorda ancora: Si ipotizz allora che a mettere in atto lo scempio potessero essere stati i membri di una qualche associazione a tutela del verde cui non era stato rinnovato il contratto, e che volessero dimostrare che era stato un errore rinunciare alla loro presenza.

La terra brucia sotto dettatura, dunque. Incendiata da pastori e agricoltori perch pensano che le fiamme rendano i terreni pi fertili, dalla malavita perch vuole appropriarsene, dai piromani seriali per lucida follia, e negli ultimi tempi c' chi ha fatto anche l'ipotesi del rogo doloso legato a motivi razziali, per le aree come Castel Fusano scelte da rom i migranti per i loro insediamenti abusivi. Infine, le piste del riciclaggio e dello smaltimento rifiuti, roghi da cui si ricavano materiali da reimmettere sul mercato. Un genere, questo dei roghi legati alle ecomafie, che per interessa impianti di stoccaggio e smistamento rifiuti, non le aree verdi.

Per arginare la speculazione edilizia sulle terre distrutte dal fuoco c' una legge, la 353 del 2000: legge-quadro in materia di incendi boschivi, che consente di determinare l'inedificabilit delle aree percorse dal fuoco per i successivi dieci anni. Tuttavia, spiega Amendola, la blindatura pi fragile di quanto si possa pensare. La legge ben poco applicata argomenta l'ex procuratore e spesso rimane sulla carta. Le mappature delle terre su cui mettere il divieto di edificare, in molte Regioni non sono aggiornate . Ad esempio, proprio nel Lazio cos. A confermarlo il direttore regionale all'Ambiente Vito Consoli, che la settimana scorsa, in una riunione, ha sollecitato i suoi collaboratori a farsi inviare dai Comuni le mappe aggiornate dei luoghi in cui interdire le nuove costruzioni ferme ad anni fa.

Seppure sulla pineta di Castel Fusano esiste un vincolo paesaggistici spiega Angelo Bonelli, leader dei Verdi non dimentichiamo che nelle aree prospicienti e limitrofe all'area verde vi da sempre un interesse speculativo . Gi. Nel 2012, fu lo stesso sindaco di Roma, Gianni Alemanno, a mettere gli occhi su un'area adiacente alla pineta di Ostia. La giunta propose la costruzione di una pista da sci tra il verde e il mare, con un investimento da 1,6 milioni di euro. Un'idea infelice che infatti fu bocciata.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news