LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il tempio e la domus i tesori di Monte Iato svelati dagli scavi
LAURA NOBILE
19 luglio 2017 LA REPUBBLICA



Un piccolo tempio, databile al 500 avanti Cristo, che doveva essere uno dei pi importanti della citt, anche se la divinit a cui era dedicato ancora sconosciuta. E poi la monumentale casa a peristilio, ancora scrigno di nuove sorprese, come la grande pittura parietale in primo stile pompeiano, e il ritrovamento di elementi e ambienti architettonici, databili in et romana, che testimoniano l'attivit edilizia di questo sito.

Sono le ultime scoperte archeologiche della missione svizzera in questa cittadella che da duemila anni sopravvive nella vallata di Monte Iato, e le cui sorti si sono intrecciate passo dopo passo con le vicende pi importanti della Sicilia occidentale: un insediamento che ha mantenuto contatti con altre zone de Mediterraneo, come la Grecia e altre regioni da cui attingeva materiali pregiati per abbelire le domus patrizie. Dal primo millennio avanti Cristo, e fino alla distruzione voluta da Federico II nel 1246 dopo Cristo, questo insediamento che domina la valle del fiume omonimo (la cima 852 metri sul livello del fiume) fu il rifugio estremo dei musulmani di Sicilia. La Regione ha affidato fin dal 1971 le campagne di scavi in concessione all'Universit di Zurigo, condotte prima dal professor Bloesch, poi dal professor Han Peter Isler e recentemente da Christoph Reusser.

La campagna appena conclusa era la 47esima- racconta Reusser, che ha la- vorato con l'ausilio di 13 operai specializzati e 18 membri del suo Istituto di Archeologia tra studenti, un architetto, un fotografo, una disegnatrice e una restauratrice- realizzata come sempre in stretta collaborazione con la Soprintendenza e la direzione del Parco archeologico, guidato da Lucina Gandolfo. Gli scavi di quest'anno si sono concentrati soprattutto su alcuni santuari presenti in situ, sull'agor e su alcune case private. Dal nostro punto di vista- continua Reusser - i risultati pi interessanti sono un piccolo tempio di 7 metri per 12, che aveva probabilmente due colonne e capitelli dorici in calcare di tipo greco sul fronte: questo dimostra i notevoli influssi dell'architettura greca sacra sugli insediamenti indigeni preesistenti nell'entroterra siciliano .

Ma a chi era dedicato il tempio? Purtroppo non lo sappiamo- risponde Reusser - ma sappiamo che stato ricostruito varie volte nella stessa posizione dal V secolo avanti Cristo fino all'et romana, e che sicuramente era uno dei pi importanti della citt, visto che si trova nell'agor, la piazza pubblica pi importante della cittadella.

Gli ambienti e gli elementi architettonici ritrovati risalgono all'et romana e si ricollegano alla presenza di Caio Verre in Sicilia. S, possiamo dire che la citt di Ietas era fiorente nelII e nel I secolo avanti Cristo fino alla distruzione parziale dovuta a un terremoto intorno al 50 dopo Cristo. I ritrovamenti di ceramica e metallo dimostrano invece i contatti con la madrepatria greca, da cui Ietas (Giato fu il nome poi in uso in epoca arabo-normanna) attingeva per i materiali pregiati, presenti in piccoli frammenti nelle case, e segno di commerci fiorenti anche con citt pi lontane. altrettanto interessante lo scavo di canali di scolo di edifici privati che si perdeva nel suolo pubblico e che attesta la penuria d'acqua sul Monte.

L'ex direttrice del parco archeologico dello Iato, Francesca Spatafora, ora alla guida del Museo Salinas, parla dello stato di salute dell'area e della sua possibile valorizzazione. Rispetto alla situazione di trenta anni fa sono stati fatti passi da gigante. stata infatti acquisita al demanio della Regione un'area vasta circa 200 ettari, a fronte di un'estensione di 40 ettari della citt antica. Questo per garantire la tutela e la conservazione dell'insediamento.



news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news