LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sulle cave il Tar ci d ragione: esulta Rossi
23 luglio 2017 il tirreno



MASSA-CARRARA La cave delle Apuane ora devono rispettare le regole regionali che noi abbiamo voluto. una vittoria per l'ambiente e per il lavoro. Il presidente Enrico Rossi commenta con soddisfazione la sentenza del Tar della Toscana depositata venerd con cui la prima sezione ha respinto il ricorso promosso da una societ di escavazione delle Apuane (la Barsi Marmi di Pietrasanta, assistita dagli avvocati Cristina Carcelli e Nicola Giallongo) contro il Pit-piano paesaggistico approvato dalla Regione d'intesa con il Mibac, riconoscendo la legittimit delle scelte operate dalla Regione con il Piano in riferimento all'attivit di cava. Il piano paesaggistico della Regione Toscana era stato impugnato dai cavatori - ricorda Rossi - La scorsa sera stata pubblicata la prima sentenza del Tar Toscana. I ricorsi sono respinti e il Pit piano paesaggistico legittimo nella disciplina dell'attivit estrattiva. Sono legittimi il divieto di non cavare sopra i 1. 200 metri, l'obbligo della valutazione di compatibilit paesaggistica, l'obbligo dei piani di bacino, la previsione dell'obiettivo della filiera corta. Insomma - conclude il presidente - un piano legittimo che i cavatori devono rispettare. stato un grande lavoro, che ora dobbiamo continuare. Positivo anche il commento di Vincenzo Ceccarelli, assessore a infrastrutture e governo del territorio (tra le sue competenze ha anche le cave): Questa sentenza la conferma della correttezza e legittimit dell'azione della Regione, che non vuole penalizzare le attivit di escavazione, ma con lungimiranza ha voluto introdurre nuove regole che comportano una lavorazione maggiormente compatibile e rispettosa di un ambiente unico e non riproducibile, cercando nel contempo di dare importanza al lavoro e di esaltare il valore aggiunto di una materia cos preziosa come il marmo, attraverso una maggiore lavorazione in loco, volta anche ad accrescere l'occupazione. A questo punto - aggiunge Ceccarelli - ci aspettiamo che tutti rispettino regole che sono semplicemente regole di civilt, oltre che di corretta operativit. Questi i punti pi significativi della sentenza del Tar. Il piano regionale legittimo perch risponde alle finalit previste dal decreto lgs n. 42/2004 di impedire o ridurre le trasformazioni irreversibili dei tratti naturalistici delle montagne Apuane; la previsione del piano di bacino legittima perch questo configurato come strumento attuativo del piano paesaggistico per entrare nel dettaglio del singolo bacino estrattivo e definire con la maggior precisione possibile le quantit sostenibili, le localizzazioni delle nuove attivit estrattive e gli interventi di riqualificazione paesaggistica, il tutto con una visione unitaria dell'intero bacino. E ancora: il piano non abroga l'attivit estrattiva ma la disciplina in relazione al forte impatto che essa assume nei confronti dei beni paesaggistici; legittimo l'obiettivo di raggiungere nel 2020 almeno il 50% delle lavorazioni in "filiera corta" , perch questo risponde alla finalit del perseguimento dello sviluppo sostenibile; legittima la previsione della compatibilit paesaggistica degli interventi; il divieto di attivit estrattiva sopra i 1.200 metri, valevole anche per le cave sotterranee, risponde alla finalit di tutelare un aspetto del paesaggio, e non rileva solo l'aspetto esteriore della montagna, ma anche l'integrit delle sue falde acquifere e la stabilit dei versanti.




news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news