LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - Vivai Testi, ok del ministero poi l'esproprio
22 luglio 2017 IL TIRRENO




di Gianni Parrini

LUCCA Ci sono le palme, ma non siamo a Miami. Ci troviamo all'interno dei Vivai Testi, a ridosso delle Mura di Lucca. Un fazzoletto di terra che col tempo divenuto un mix tra la giungla vietnamita dei film di guerra e un bosco popolato da spiriti maligni e in cui l'uomo sembra non aver mai messo piede. No trespassing. Da tempo il vivaio chiuso. Per non far morire le 5mila piante che lo popolavano il proprietario decise di toglierle dai vasi e piantarle per terra. Cos, col passare dei mesi, in quei tre ettari di pratino che rappresentano la parte selvaggia degli spalti, cresciuta una autentica foresta. Una fortezza naturale, buona anche come nascondiglio: pi di una volta gli autori dei furti alla vicina Esselunga si sono dati "alla macchia" proprio qua dentro. Non un bello spettacolo per una citt come Lucca, che punta sul turismo e si fa vanto della bellezza delle sue Mura storiche. La vicenda annosa: all'epoca della realizzazione della circonvallazione (negli anni '30) alcuni appezzamenti di terra appartenenti ai privati (oltre ai Testi vi sono altri 6-7 proprietari) rimasero sul lato delle Mura, tagliati fuori dal resto della citt. Una pecca che nel corso del tempo le diverse amministrazioni che si sono succedute alla guida di Lucca hanno cercato di risolvere. Ma senza mai riuscirvi. Spesso - spiegava Oreste Testi in un'intervista dello scorso anno - siamo stati visti come abusivi. E invece quei terreni ce li siamo sudati. Fra le poche eccezioni ricordo il sindaco Giovanni Martinelli (democristiano, in carica dal 1965 al 1972, ndr).Trattative difficili. Il dialogo con palazzo Orsetti non mai stato facile e questo non ha favorito il passaggio della propriet nelle mani del pubblico: qualcosa si mosse ai tempi di Favilla, ma la richiesta dei privati fu giudicata troppo alta e non se ne fece niente. In tempi recenti stato il sindaco Alessandro Tambellini a manifestare la volont di acquisire l'area per completare l'anello verde intorno alle Mura. Dette addirittura una scadenza: la 50 edizione dei Comics. Ma l'idea naufragata, sempre per lo stesso motivo: il mancato accordo sulla cifra da pagare. Esproprio culturale. Lo scorso anno il Comune ha cambiato strategia, cominciando a lavorare sull'ipotesi dell'esproprio. O per meglio dire su una particolare forma di esproprio: quella che ravvisa la "pubblica utilit" nell'acquisizione di un patrimonio storico-artistico. Per avviare la procedura serve una dichiarazione del Ministero dei beni culturali ed qui che entra in gioco la Soprintendenza. Per prima cosa l'ente di piazza della Magione ha riconosciuto il valore storico, artistico e monumentale dell'area delle Mura, il cui confine stato tracciato sul bordo esterno della circonvallazione. Spalti compresi, dunque. A quel punto il Comune ha chiesto al Mibac di esplicitare questo "riconoscimento di valore" mettendolo nero su bianco in una dichiarazione. Per l'area privata, invece, "l'avvio del procedimento" stata avanzato dalla Soprintendenza, ovviamente informando il proprietario dei terreni. La risposta del Ministero non ancora arrivata ( attesa nel giro di qualche settimana) ma la si d per scontata: impossibile che il dicastero scorpori gli spalti dal resto delle Mura, non riconoscendone il valore. Il placet del ministro non cambierebbe il valore del terreno, ma offrirebbe altri vantaggi: innanzi tutto permetterebbe di incanalare la procedura di esproprio in un iter prestabilito dalla legge. In pi rappresenterebbe una tutela sia per il pubblico che intenzionato a rilevare l'area, sia per il privato che la detiene. L'iter. In primo luogo questo tipo di esproprio culturale prevede una valutazione del bene da parte del soggetto che vuole acquisirlo. Se l'espropriando non d'accordo con la cifra proposta ricorre davanti a un giudice, che fa fare una valutazione terza per stabilire l'esatto valore del bene. In questo modo il pubblico tutelato di fronte all'accusa di aver offerto troppo (o troppo poco), mentre il privato garantito da una valutazione imparziale della sua propriet.




news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news