LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - Real Collegio, custode di un tesoro nascosto
di Alessandro Bientinesi
21 luglio 2017 IL TIRRENO

LUCCA - Ogni stanza ha una storia da raccontare. Ogni affresco sembra parlarci, anche se sottovoce. Ogni spazio del chiostro e dei saloni, con vista sulla chiesa di San Frediano e sulle Mura di Lucca, custodisce un'enorme quantit di tesori. Quasi tutti nascosti. L'impresa di raccontarli tutti praticamente impossibile. Centinaia di anni non posso stare nelle colonne di un articolo. A tenere insieme tutto in un solo racconto, per, c' una sola storia che parte nel VI secolo e arriva fino ai giorni nostri. Una storia per molti lucchesi nascosta che da quegli spazi enormi nel cuore della citt sta lentamente riemergendo. Tra opere nascoste in scantinati e magazzini, passaggi segreti, lunghi corridoi, affreschi, disegni ma anche storie di monaci e religiosi passando per quella dei profughi. Tutte rendono il Real Collegio di Lucca un luogo magico. Un luogo, per, da valorizzare e per il quale in cantiere da tempo un progetto ambizioso per realizzare un museo di arte sacra collegato ad una serie di botteghe artigiane. Se ne parla da tempo, ma questa volta l'obiettivo sembra meno lontano del previsto.Il progetto decolla. Pochi giorni fa abbiamo avuto una riunione insieme a Monsignor Michelangelo Giannotti e l'ingegner Francesco Cecati della Soprintendenza - spiega Paolo Marchini, presidente del Real Collegio -. L'idea di rendere visitabile il campanile di San Frediano, anche con un ascensore a misura di disabile e da l creare un percorso museale con chiesa e sagrestia collegate al Real Collegio. Dove, al piano superiore (fino agli anni Ottanta sede di alcune scuole cittadine ndr), vorremmo fare un vero e proprio Museo del tesoro di San Frediano. Non solo, collegando la parte non ancora ristrutturata con quella recuperata (era il 2011) nel secondo chiostro, utilizzata oggi per molti eventi pubblici e privati e unica fonte di finanziamento per il Real Collegio, verrebbe riaperto un passaggio "segreto". Si tratta di un corridoio lungo 100 metri, che collegherebbe la parte dell'edificio dal lato dell'ostello San Frediano fino alla parte opposta dell'edificio dal lato delle Mura. Da un lato ci sarebbe il museo di arte sacra, dall'altra, quella gi ristrutturata, verrebbe creata una sorta di piccola strada degli artigiani. Almeno una decina di mestieri antichi che troverebbero il loro spazio all'interno. Progetto ambizioso e che richiede finanziamenti importanti che possono arrivare fino ai 2 milioni di euro. Solo il Ministero (non a caso alla vicenda si interessanto anche il senatore Andrea Marcucci) e in parte la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, possono mettere solide basi a questo progetto che renderebbe il Real Collegio una struttura veramente al servizio della citt e dei turisti.Il chiostro antico e i profughi. Buona parte del progetto si basa, per, anche sulla riqualificazione del chiostro di Santa Caterina. Il pi antico dei tre presenti all'interno del Real Collegio e risalente al 1200. Nel nostro viaggio nella storia chiediamo aiuto a Maurizio Corrieri, un custode speciale dei tesori del Real Collegio. Qui ci sono affreschi molto antichi che si mescolano ad altri disegni fatti dai profughi istriani, fiumani e dalmati - racconta Corrieri mostrandoci delle immagini risalenti al 1200 dalle quali spuntano, improvvisamente, "soggetti" totalmente diversi come Pinocchio e Cappuccetto Rosso -. Qui a ridosso del secondo dopoguerra per alcuni anni arrivarono ad esserci fino a 1400 profughi. Perch fu scelto questo edificio? Con i suoi oltre 3mila metri quadrati era il posto pi spazioso della citt. Questo chiostro antico era uno spogliatoio a cielo aperto e per passare il tempo molti profughi iniziarono a disegnare sulle mura antiche. Da qui pass anche il pilota Mario Andretti, che nel 2016 ha ricevuto non a caso la cittadinanza ordinaria. Quello dei cambi di "destinazione d'uso" del Real Collegio una costante ciclica nella sua storia: convento, monastero, poi universit e sede di varie scuole cittadine. L'affresco torna alla luce. Proprio in tema di cambi e destinazioni d'uso nel mese di agosto vedr la luce un affresco del 1700 restaurato in un salone che si affaccia sul secondo chiostro da un lato e sul giardino dell'ostello San Frediano dall'altro. Il titolo dell'opera "Ges in casa Levi" i cui autori sono Giuseppe Antonio Luchi (1709-1774), detto il "Diecimino" per le figure e Bartolomeo De Santi (1701-1764) per le quadrature. Un affresco di otto metri per cinque che ha pi volte rischiato di andare perduto. Nel lavoro di recupero ho trovato nel muro quelli che probabilmente erano dei ganci utilizzati per appendere alcuni attrezzi - racconta Marco Cigolotti, restauratore lucchese che si occupato, con la collaborazione della collega Elisa Pasquini, del recupero dell'affresco utilizzando anche la consulenza di un luminare come il professor Guido Botticelli -. Attrezzi di quella che era divenuta una palestra per le scuole che vi erano all'interno. I lavori di recupero sono iniziati a marzo e non sono stati semplici. Spolveratura e pulizia preliminari. Poi ci siamo resi conto che i colori dell'affresco erano piuttosto sbiaditi, allora ho chiesto la consulenza del professor Botticelli - spiega Cigolotti -. Lui ha grande esperienza e ha consigliato il bario. Il suo utilizzo, per, ha richiesto un piccolo ritardo nei lavori. Da giugno ad agosto. Poi uno dei tesori del Real Collegio torner al suo antico splendore.Il monumento nascosto. Per un'opera del Settecento che avr una nuova vita, per, ne abbiamo scovata una pi recente nascosta. Quasi abbandonata in quello che, a tutti gli effetti, un magazzino. Tra tagliaerba, cartelli stradali, secchi di vernice e altri oggetti di poco valore si staglia, al centro di una delle stanze paradossalmente pi piccole del Real Collegio, una grande e pesante statua in gesso. Due uomini, forse due operai, ne sorreggono un altro posto al centro della "scena" con la testa riversa di lato e le braccia ormai abbandonate di lato. Quest'opera ha una storia curiosa - ci spiega Antonella Gioli, professoressa dell'Universit di Pisa -. Fu commissionata, tra la fine degli anni '50 e l'inizio degli anni '60 a Mario Carlesi, artista nato a Livorno nel 1890 ma cresciuto a Lucca. Noto per aver realizzato il Monumento ai Caduti, in piazza della Vittoria a Livorno, vinse il concorso per realizzare il monumento ai caduti e invalidi sul lavoro. Opera che, tuttavia, non fu mai realizzata. O meglio, il calco in gesso ora si trova, donato dalla famiglia alla sua morte avvenuta nel 1968, al Comune di Lucca che lo sistem nel Real Collegio. La scultura e le formelle che dovevano decorare la base sono a Lucca, ma il peso dell'opera rischia di rompere la base in legno e di finire ai piani inferiori - spiega Gioli -. Andrebbe recuperata, magari creando al posto del magazzino un piccolo museo.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news