LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Su il sipario su casa Zeffirelli
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 26/7/2017

Il disegno prende subito vita e sembra di vederli zampettare, Niccol III e gli altri papi simoniaci, con i corpi infilati allingi mentre le fiamme gli avvolgono le gambe, i piedi come fiammiferi appena accesi, e il fumo che si spande sul pavimento argentato. Chiudi gli occhi in un sottofondo di echi che ti avvolgono dal basso e dal soffitto salgono gemiti e lamenti di sofferenza, gli squittii delle gelide Arpie del settimo cerchio, echi metallici delle Erinni dalla citt di Dite color rame, lo sguardo truce di un Minosse regale. come essere avvolti in un cartone animato che procede a rallentatore. Ma non ci si limita a seguirlo con lo sguardo, o meglio a inseguirlo, sfuggente, nella sua lenta corsa tra i meandri dellInferno dantesco. un disegno da ascoltare. Lo spettatore che si guarda intorno tra schermi e dipinti, le luci sul soffitto, come si sentisse chiamare dalle anime perdute che animano la stanza.
Video e disegni

Per raccontare il neonato Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli partiamo da qui: dallultima sala del percorso museale appena disvelata in San Firenze. La pi attesa, la Sala Inferno, ricostruzione di quello che sarebbe stato il film di Zeffirelli sulla prima cantica del Sommo Poeta e che avrebbe dovuto avere come protagonista un trentatreenne Dustin Hoffman appena uscito da Il piccolo grande uomo . Quel film non vide mai la luce. Ma sono rimasti i meravigliosi bozzetti che il maestro disegn di suo pugno. Ora appesi in sequenza nella galleria, con questa suggestiva versione cartoon che si sviluppa sullo schermo principale.
Tra bozzetti e costumi

la principale attrazione della scuola-museo che si inaugura il 31 luglio con Andrea Bocelli, i suoi bambini di Haiti e Nicola Piovani ma si aspetta lultimo documento sul cambio di destinazione per aprire al pubblico e che racchiude leredit del regista oggi novantaquattrenne: primo piano del complesso di San Firenze, ala est, dopo la lunga serie di sale che mostrano bozzetti, costumi, dipinti di messe in scena, foto di attori, modellini. Dallabito della Carmen del quarto atto allArena Verona alle foto in bianco e nero allo Staatsoper di Vienna nel 1978 e poi del Metropolitan con Placido Domingo. Alla celebre Traviata del 1958 a Dallas con il bozzetto del primo atto e la fotografia di Maria Callas. E ancora la scenografia del Falstaff di Roman del 64 e il modellino che pare vivo del Pagliacci al Teatro Comunale di Firenze del 2009, tra le sue ultime meraviglie in scena. E ancora lintero lato sinistro della parte centrale del corridoio principale dedicato ai volti e alle istantanee dei suoi lavori cinematografici: come lo sguardo truce di Claudio Spadaro nei panni del Duce mentre ascolta dal maestro la presentazione della scena che sta per girare sul set di Un t con Mussolini o il celebre primo piano di Robert Powell, il Ges del film del 77. Poco prima di arrivare alla sala Inferno, dopo quella dedicata a La Traviata , possibile effettuare un piccolo pit-stop, sedersi sui divanetti, e osservare un breve filmato in loop che mostra il maestro a lavoro sulle scene e sul set.
Biblioteca, bar, aule

Ieri il rinnovato complesso dellex tribunale ha aperto per la prima volta le sue porte e svelato i suoi nuovi contenuti: i 70 anni di vita artistica del maestro Franco Zeffirelli. Con loratorio di San Filippo Neri trasformato in una sala musica da 200 posti e adornato dalle statue che Luchino Visconti regal mezzo secolo fa al maestro per linaugurazione della sua casa romana. Statue che fino a poche settimane fa facevano da sentinelle di guardia alla sua piscina. E ancora la caffetteria e il cortile interno con le piante di limone, anchesse provenienti da casa Zeffirelli. Superati i quali si accede alla grande biblioteca e allarchivio che contiene diecimila libri. In attesa di vedere compiuto anche laltro lato del piano terra dove, oltre il bar-caffetteria, dove vedranno la luce le aule didattiche che ospiteranno i corsi di alta formazione, il primo dei quali verter sulla scenografia e avr come docente Carlo Savi. E infine gli uffici, ubicati al primo piano lungo la facciata che d sulla piazza, dove ancora gli ultimi lavori non sono conclusi. A dicembre si terr il primo concerto in San Filippo Neri con la direzione artistica di Francesco Ermini Polacci che ieri ha illustrato il programma: si esibiranno i migliori allievi dellAccademia del Maggio.
Obiettivo raggiunto

Alla presentazione hanno preso parte tra gli altri il sindaco Dario Nardella, la vicesindaca Cristina Giachi, il figlio del regista Pippo, vicepresidente esecutivo della fondazione che gestisce il patrimonio e la scuola-museo, e lattore Franco Nero che per Zeffirelli interpret il padre di Arturo Toscanini ne Il giovane Toscanini dell88. Mancava solo lui, il Maestro Franco Zeffirelli, tenuto a casa per precauzione. Con Zeffirelli sono legato da unamicizia nata cinquanta anni fa a Los Angeles ha detto Nero quando ho partecipato alla realizzazione di uno spettacolo per Firenze e in quelloccasione Zeffirelli present il documentario Days of distraction , dedicato alla sua citt. Dopo dieci anni di lavori, progetti, cambi di destinazione, tutti hanno tirato un sospiro di sollievo: Se il Maestro oggi fosse qui con noi ha detto il figlio Pippo esprimerebbe un grande messaggio di felicit per la missione compiuta. Il suo obiettivo era riuscire a portare questo grande patrimonio nella sua citt, e ci riuscito. Abbiamo rischiato che Zeffirelli e il suo grande patrimonio culturale e teatrale andassero via dallItalia ha esordito il sindaco Nardella Oggi saremmo qui a versare lacrime di coccodrillo. Ha rivendicato invece il merito del Comune, della soprintendenza e soprattutto del maestro Zeffirelli nella buona riuscita della complessa e lunga operazione che ci ha portato a questa inaugurazione. Ricorda gli anni di tentativi e di ricerche per finalmente giungere qui nel cuore del poco conosciuto barocco fiorentino. Ma soprattutto ci tiene a sottolineare che non abbiamo portato un albergo o un negozio in questo luogo, ma la cultura e funzioni vive come da missione di Firenze, quella di essere sempre campione dintelligenza.
Citt non pi ingrata

Siamo riusciti a dimostrare a tutto il mondo ha concluso il sindaco che lItalia non solo il posto da dove i talenti scappano e che Firenze non la citt ingrata come fu con grandi uomini come Dante Alighieri. Anzi, questa una Firenze che illumina il mondo, come diceva La Pira. Ha portato il suo saluto anche la vice presidente del Senato, Rosa Maria Di Giorgi, che quando era assessore allistruzione del Comune di Firenze fu la prima a credere nel Centro Zeffirelli e a volere che fosse realizzato a Firenze: Un progetto ambizioso e coerente, frutto di un lavoro cominciato diversi anni fa, fatto di scambi, di confronto, di riflessioni condivise.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news