LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ozzero (MI). La scoperta degli storici: tra i campi si nasconde laltro Palazzo Marino
Olivia Manola
Corriere della Sera - Milano 27/7/2017

Per tutti palazzo Centurione, dal nome della famiglia che lo acquist nel 700. Ora uno studio rivela che lantico edificio cadente nei campi di Ozzero il fratello minore di Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. A farlo costruire fu infatti il banchiere Tommaso Marino.

Palazzo Marino ha un fratello minore nel Parco del Ticino, nascosto tra le risaie e i campi di Ozzero. Un segreto che il piccolo centro agricolo, distante anni luce dal prestigio di piazza della Scala, ha saputo celare con noncuranza.

Per oltre 500 anni ledificio stato conosciuto come palazzo Centurione, dal nome della famiglia che ne divenne proprietaria a met del Settecento. In realt, lo storico di Abbiategrasso Mario Comincini ha scoperto che fu proprio Tommaso Marino a farlo costruire a met del Cinquecento come dimora di campagna. Una versione rurale, quindi, del sontuoso palazzo milanese che rispecchia a pieno le manie di grandezza di Marino.

Lo spericolato banchiere genovese, allepoca, fu uno dei maggiori protagonisti del mondo finanziario europeo. Nel 1550 ottenne il monopolio della fornitura di sale proveniente da Venezia per Milano e Genova e, prima di essere travolto dai debiti, si intestard a voler edificare a Milano un palazzo che fosse il pi bello della citt: Palazzo Marino, appunto, per il quale fece arrivare da Perugia larchitetto Galeazzo Alessi. In effetti, anche quello di Ozzero, considerando il contesto in cui sorge, appare del tutto sproporzionato e segno della volont di lasciare un segno tangibile della propria ricchezza. Fasti ormai relegati ai libri di storia perch oggi il palazzo chiuso e abbandonato a se stesso.

Come in ogni cold case che si rispetti, lintuizione che ha portato alla ricostruzione della verit nata da un dettaglio. Comincini ha notato che ledificio di Ozzero ha ancora, al di sopra della porta dingresso, lo stemma con le onde del mare che contraddistingueva le propriet di Marino. Lo stesso blasone che un tempo faceva bella mostra di s sullingresso dellattuale municipio milanese. Il primo documento il monumento. Dallosservazione attenta del bene si pu ricostruire pezzo per pezzo la sua origine, sintetizza Comincini, 66 anni, che ha dedicato decine di saggi alla storia del territorio tra il Parco del Ticino e il Parco Agricolo Sud Milano. A quel punto iniziata la ricerca vera e propria. Lo storico ha passato al setaccio i documenti negli archivi, le minute scritte a mano dai notai dellepoca, ogni carta che potesse dimostrare il passaggio dei Marino nelle campagne della zona. E ha scoperto che il banchiere fece costruire il palazzo come base per gestire le propriet che aveva nella zona, compreso il patrimonio fondiario del monastero cistercense di Morimondo di cui fu affittuario generale per quasi ventanni. A Ozzero, per, Marino rimase meno di dieci anni. Il tracollo finanziario lo spinse ad affittare il palazzo per metterlo a reddito. Lo studio di Comincini, pubblicato nel saggio Morimondo a cura della Fondazione Morimondo, mette fine anche a una credenza popolare che narrava dellesistenza di un altro Palazzo Marino nelle campagne milanesi, non a Ozzero ma a Gaggiano. La leggenda racconta di una villa sul Naviglio in cui il banchiere avrebbe ucciso la moglie. Semplicemente, un falso storico.

Passato a met del Settecento alla famiglia Centurione, nel corso dei secoli il palazzo di Ozzero ha subito il degrado e lincuria del tempo. Oggi di propriet di un privato ma chiuso, le facciate sono circondate dalle erbacce. Allinterno, la grande sala in cui troneggia il camino sovrastato dallo stemma vuota, i muri sono imbrattati dalle scritte di qualche vandalo entrato solo per fare danni.



news

22-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news