LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vandali e spray. Imbrattati i simboli di Empoli
Viola Centi
Corriere Fiorentino 28/7/2017

La firma degli ultr (che si dissociano) sulla Collegiata e su un leone

Empoli. Piazza dei Leoni Desperados. Un altro sfregio: Empoli ieri mattina si svegliata con piazza Farinata degli Uberti piena di scritte nere sui suoi monumenti simbolo. Come una settimana fa, quando la lapide dei deportati empolesi nei campi di concentramento nazisti fu vergata con una svastica nera. Stavolta le scritte hanno imbrattato la facciata della Collegiata di SantAndrea, uno dei leoni della fontana centrale uno di quei leoni da cui prende il soprannome la piazza e un muro sotto le logge. Il commissariato di polizia e i vigili urbani hanno dato immediatamente il via alle indagini, cercando di individuare lautore o gli autori del gesto anche grazie alle immagine riprese dalle oltre 40 telecamere installate in cento. Da quanto si apprende, il vandalo sarebbe addirittura entrato in piazza con lauto. Empoli ha reagito con sdegno. Il sindaco Brenda Barnini, condannando il gesto, ha invitato i residenti allinaugurazione dellopera di Bill Viola a Palazzo Pretorio, a due passi della Collegiata: Non lasciatevi abbrutire, non regalate il vostro cervello al torpore, non scrivendo status e commenti che trasudano violenza che salverete la bellezza e la storia di Empoli ha scritto Barnini su Facebook Uscite di casa, venite a vedere lopera di Bill Viola, portate i vostri figli e nipoti e insegnate loro cosa vuol dire amare la nostra citt. Il gruppo ultras dei Desperados si dissociato dalle scritte, diffondendo sui social network questo messaggio: Non nostra intenzione rovinare i simboli e i reperti storici della nostra citt, chiunque frequenti il gruppo o la maratona pu capire perfettamente la nostra estraneit ai fatti.

La rimozione della vernice spray non sar semplice. Per quanto riguarda la Collegiata, la sovrintendenza ai beni culturali dovr fare un sopralluogo e stabilire a chi affidare lintervento. In questi casi per prima cosa si cerca di stabilire che vernice stata usata spiega Paola Lorenzi dellOpificio delle pietre dure di Firenze facendo piccolissimi prelievi e prove in laboratorio, per capire anche quanto a fondo pu essere penetrato; oppure sul posto con prove di pulitura. Il rischio infatti che, se non viene individuata la vernice precisa usata per la scritta, si faccia un danno ancor pi grosso. Il marmo bianco, poroso, potrebbe infatti assorbire i prodotti usati per cancellare la scritta, o espandere ancor di pi il nero, lasciando un alone sulla facciata. In questo caso il danno sarebbe irreversibile.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news