LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Carlo Rescigno: "A Pompei si scavato tanto ma c' ancora molto da esplorare. Avremo sorprese"
di ANTONIO FERRARA
26 luglio 2017 la repubblica



Parla il professore di archeologia classica all'universit della Campania Luigi Vanvitelli: "Il ritrovamento ci dice molto sulla vita dei romani. Ci si concentrati di pi sulla dimensione urbana ma bisogna lavorare sulla storia dei singoli edifici"


NAPOLI - " come se una voce sepolta sotto l'eruzione tornasse a parlarci. Capitava ai pompeiani che prima dell'eruzione del 79 dopo Cristo passavano davanti alla sua tomba, accade ora: quella lapide si rivolge a noi dopo duemila anni". Carlo Rescigno professore di archeologia classica all'universit della Campania Luigi Vanvitelli. A Pompei conduce le ricerche nel Tempio di Apollo, il curatore con il direttore Massimo Osanna della mostra "Pompei e i Greci", si occupa della colonia greca di Cuma, nei Campi Flegrei.

Professore, possibile che Pompei, a 269 anni dalla scoperta, riservi ancora sorprese?
"S. Ma in realt lo stesso avviene per il Partenone o per l'Anfiteatro campano. In pi a Pompei, scavata per lunghi decenni, ci si concentrati di pi sulla dimensione urbana, e resta molto da fare sulla storia dei singoli edifici: serve incrementare gli studi analitici, e il direttore Osanna in questo senso ha avviato un lavoro eccezionale".

Cosa resta da indagare?
"Pompei non smetter mai di fornire nuovi elementi. Penso alle aree ancora sepolte dal lapillo del 79 dopo Cristo, nelle Regio I, III, IV, V e IX, e al circuito esterno alle mura. Ma penso anche alla citt preromana che sotto le domus e le strade lastricate come le vediamo oggi, un campo di ricerca rilanciato da Osanna sulla scia del lavoro di Amedeo Maiuri. Sotto i piedi dei turisti, insomma, c' una citt da esplorare".

Che importanza ha la tomba scoperta a Porta Stabia?
"Ogni nuova iscrizione che viene da Pompei fornisce notizie sulla vita e sui comportamenti dei romani, altrimenti difficili da recuperare solo con i dati archeologici. Si entra direttamente negli aspetti istituzionali, e si comprende meglio la vita quotidiana degli antichi".

L'edifico San Paolino ospiter a piano terra una biblioteca: nel rifare le fondazioni venuta alla luce la tomba. Cosa altro resta da indagare a Porta Stabia?
"Tutto il sistema della viabilit che metteva in collegamento Pompei con il contado e con le citt limitrofe: da qui proviene un'iscrizione in lingua osca che ne parla. E lungo tali direttrici troviamo il santuario di Fondo Iozzino, dedicato forse a Demetra e attivo tra VI secolo avanti Cristo e l'eruzione pliniana, e quello dionisiaco in localit
Sant'Abbondio, di et medio-tarda ellenistica".

E l'indagine sui cimiteri dei pompeiani si ferma qui?
"No, le indagini potranno dare altri spunti. C' da scoprire tutta la necropoli italica e sannitica, quella prima dei romani, che gi Stefano De Caro ipotizzava collocata tra Porta Ercolano e Torre di Mercurio, dove sta scavando ora il professore Marco Fabbri dell'universit di Tor Vergata ".



news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news