LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COME VENDERE BENE IL PETROLIO DEL GOLFO
GIUSEPPE OSSORIO
01 agosto 2017 LA REPUBBLICA




"IL PETROLIO NEL GOLFO" stato il titolo di un programma televisivo della Rai che ha raccontato con intelligenza le ricchezze archeologiche e paesaggistiche del Golfo di Napoli, accompagnate dalle tante contraddizioni del nostro territorio. Una trasmissione che ha esplorato le ricchezze ma anche i contrasti di uno dei territori pi discussi d'Italia - nel bene e nel male: Napoli e la sua provincia. emersa bene la consapevolezza che dietro ci sono le scelte politiche delle istituzioni e insieme ad esse lo sviluppo dell'economia.

"Il Petrolio nel Golfo" un immenso giacimento culturale ben noto, raccontato questa volta nel suo complesso. un patrimonio monumentale, archeologico e artistico ben superiore alla capacit e alla possibilit di saperlo conservare e gestire. Esso va dagli scavi archeologici di Pompei a quelli di Ercolano, dalle Ville vesuviane del Miglio d'Oro alla Reggia di Portici, da Capo Miseno, con il porto della Flotta romana a Baia e le ville romane sommerse dal mare, fino ai Campi Flegrei e al Vesuvio. Un territorio eccezionale ma fragile, dove convivono la bellezza e la gracilit dell'ambiente.

Il giornalista che ha condotto la trasmissione, Duilio Giammaria, si posto due problemi di non poco conto. Converrebbe alle istituzioni coglierli ed affrontarli con consapevolezza e senza occasionalit. Egli si chiede se il patrimonio artistico pu essere l'antidoto alla criminalit camorristica. E se pu la consapevolezza della ricchezza di cui si dispone diventare salvezza contro il degrado e l'abusivismo. C' posto per un lavoro che richiede l'impegno di molti. Si richiede, innanzitutto, la presenza continua dello Stato per le sue competenze che sono ben superiori a quelle della Regione e dei Comuni interessati. Tre sono i ministeri chiave: innanzitutto, il ministero dell'Interno, per contrastare e tenere sotto controllo la delinquenza organizzata che infesta il territorio; il ministero dello Sviluppo economico, perch la valorizzazione turistica non alternativa alla valorizzazione industriale; e il ministero dei Beni culturali e del turismo, perch l'onda turistica degli ultimi anni anche effetto del cambiamento occupazionale per effetto del progresso tecnologico e dell'allungamento della vita e del tempo libero.

Ad un esame futuribile degli orizzonti della societ tecnologica e della rivoluzione informatica, gli occupati tendono a diminuire di numero, con uno spostamento nel settore dei servizi fra i quali il turismo. Il settore influenza una serie di consumi, specialmente quelli legati alle industrie alimentari e dei servi offerti dai pubblici esercizi. Ma non secondaria l'influenza dell'espansione del turismo sullo sviluppo di alcune industrie produttrici di mezzi di trasporto, come ad esempio quella aeronautica e quella automobilistica.

Bisogna, per, colmare alcune lacune della politica turistica come bene emerge nel programma televisivo: ci riferiamo alla difesa e all'uso del paesaggio, alla lotta all'abusivismo e allo sviluppo delle infrastrutture di viabilit turistica. Ma si deve vendere bene, sui mercati del turismo attivo e specialmente nei paesi ormai da lungo tempo economicamente "emersi", il nostro itinerario culturale, in grado di attingere un'alta quota di celebrit internazionale, alla maniera dei castelli della Loira.

Dobbiamo smantellare il pregiudizio antituristico che annette poco appeal, poco richiamo agli utili di impresa del capitale investito nel turismo. Nel settore dell'industria, l'impresa che ha svolto un ruolo trainante nel campo dell'iniziativa imprenditoriale, dell'offerta di occupazione come in quello della conquista dei mercati, stata quasi sempre la media e piccola impresa. Essa si affermata grazie ad una avveduta politica dei prezzi, con scarso aiuto dello Stato e con una viva concorrenza. Ebbene, quali sono gli ostacoli perch anche nel settore del turismo si dispieghi un approccio imprenditoriale simile?

In questa azione di sviluppo dell'economia legata al "Petrolio nel Golfo" deve essere coinvolta la societ civile che esercita un ruolo attivo in quella lunga fascia di territorio costiero, senza soluzione di continuit. Nella trasmissione televisiva abbiamo sentito l'intervista al direttore dell'Ente Ville Vesuviane, l'architetto Paolo Romanello. Ci ha colpito la sua competenza professionale e la passione con la quale parlava dei lavori di restauro di quei gioielli architettonici. Se le migliori energie saranno coinvolte in questa opera di manutenzione e di valorizzazione Il Petrolio nel Golfo dar utili superiori alle attese.




news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news