LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il grande edificio dei devoti di Hera A Paestum scavi e nuove scoperte
ANTONIO FERRARA
01 agosto 2017 LA REPUBBLICA



LA struttura imponente, realizzata con grandi blocchi in calcare. Sorgeva lungo la strada di VI secolo avanti Cristo che collegava la colonia magnogreca di Posidonia al santuario di Hera Argiva alla foce del Sele, a nove chilometri di distanza, lo stesso fondato secondo il mito da Giasone, eroe alla guida della nave Argo, da cui l'attributo "Argiva" dato alla divinit. Secondo le archeologhe dell'universit Federico II Giovanna Greco e Bianca Ferrara (quest'ultima ora conduce le ricerche) la grande costruzione a pianta quadrata lunga 20 metri appena scoperta a Paestum da mettere in relazione con uno dei luoghi di culto pi importanti della Magna Grecia. Saranno i nuovi scavi a chiarire funzione e natura delle strutture venute alla luce a seguito della campagna di scavo realizzata nella zona C del santuario di Hera - spiega il direttore del parco di Paestum, Gabriel Zuchtriegel - quello che suscita interesse la dimensione del manufatto architettonico, che rinvia a un edificio monumentale di fine VI secolo avanti Cristo distante 500 metri dall'Heraion . Paestum, dunque, continua a riservare sorprese anche fuori dalle mura della colonia e delle aree dei templi.

Sono state quattro settimane di lavoro che hanno visto impegnati gli studenti e i giovani archeologi laureati della Federico II - spiega Bianca Ferrara - negli ultimi anni le nostre campagne di scavo si sono concentrate nella zona ubicata nei pressi del cuore dell'area sacra dove sono presenti due edifici che si sovrappongono, anche se con un diverso orientamento. Il pi recente restituisce la planimetria di un'unit abitativa, di forma quasi quadrata, con ambienti disposti intorno a una corte centrale, databile tra la fine del III e l'inizio del II secolo avanti Cristo. Gli scavi si sono concentrati, in particolar modo, nel settore meridionale di questo edificio e ci hanno consentito di datare il momento dell'inizio della vita l'impianto ai primi decenni del II secolo avanti Cristo e il suo abbandono entro il II secolo dopo Cristo.

A cosa serviva la struttura? Che rapporto aveva con il santuario di Hera scoperto negli anni 30 alla foce del Sele da Paola Zancani Montuoro e Umberto Zanotti Bianco, in un'area paludosa, quasi una riserva naturale dell'antichit, non toccata da coltivazioni o da insediamenti coloniali? Zuchtriegel pensa che l'edificio di fine VI secolo appena scoperto possa essere in qualche modo legato al vicino culto di Hera o utilizzato in qualche modo, ad esempio, nell'ambito delle processioni che partivano da Posidonia e prim a di arrivare all'Heraion potevano fermarsi nel grandioso edificio.

I materiali emersi nel corso degli scavi sono in corso di studio e il direttore si dice pronto ad esporne alcuni nella sezione dedicata all'Heraion che nel Museo di Paestum, mentre gli architetti del Parco e di Invitalia stanno stanno lavorando alla verifica e alla validazione del progetto da 300mila euro per risistemare il Museo narrante di foce Sele: danneggiato da un'inondazione alcuni anni fa, il museo chiuso.

L'impianto elettrico sar completamente rifatto e spostato verso l'alto, in modo da prevenire eventuali nuovi danni dall'innalzamento degli acquitrini. In questo modo - dice Zuchtriegel - restituiremo un altro pezzo di paesaggio antico ai visitatori di Paestum.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news