LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Non soltanto i musei a Napoli tutto arretrato
FRANCESCO PACIFICO
IL MATTINO - 02 agosto 2017

Masucci a Bellenger. da noi il turismo ripartito dal basso

La riflessione Qui si d per scontato che il centro debba essere per forza degradato.

Prima della fine dell'anno vuole regalare a chi a bita intorno a via Francesco De Sanctis una piccola rete wifi gratuita. Eppoi sta studiando una comunicazione tarata appositamente sui social per trasferire al mondo intero le vicende del suo avo, Raimondo di Sangro, il principe alchimista di Sansevero, e la bellezza del Cristo velato. Tutto questo dopo aver adottato (e riqualificato) la via che costeggia la Cappella San severo, organizzato concerti, rappresentazioni teatrali e installazioni, creato laboratori per bambini. Fabrizio Masucci dirige in citt l'unico museo privato, la Cappella Sansevero, di successo. Con lui s'inizia a parlare della situazione museale in citt e si finisce per discutere di Napoli: Molto del risveglio turistico arrivato dal basso, perch in tanti ci siamo rimboccati le mani. Dall'alto non c' stato grande supporto. Da privato che cosa risponde a Sylvain Bellenger che ha detto che i musei napoletani sono trent'anni indietro? un discorso che va allargato a tutta l'Italia. Non mi piace quando qualcuno viene da fuori a Napoli e crede di poter risolvere facilmente i problemi. Ma non mi riferisco a Bellenger, che come gli altri nuovi direttori dei musei campani sta Facendo molto bene. Torniamo ai musei napoletani. Tendenzialmente s, purtroppo ha ragione Bellenger. Per si fatto molto sul marketing. All'Archeologico fino a qualche anno fa ti sorprendevi perch c'erano sale non illuminate, dove persino le didascalie non erano aggiornate. Mi ricordo che il sito nella home page aveva la storia del palazzo, mentre oggi, con il nuovo direttore, ne hanno fatto uno bellissimo, pieno di informazioni utili. Dico questo perch dobbiamo darci obiettivi sempre pi ambiziosi, garantire alla quantit di turisti che sta arrivando una qualit di servizi per farli ritornare. Ma su questo versante non siamo arretrati soltanto nei musei. A Napoli manca il wifi nei musei e lei parla di marketing? Questa domanda mi d l'occasione per ricordare che nelle panchine poste nelle stradina davanti al museo che abbiamo adottato stiamo predisponendo delle centraline wifi per dare internet gratuito ai nostri visitatori prima che entrino. Io sono laureato in filologia con una tesi su Platone, ma il nostro sito sempre stato bilingue. Apriamo qualche minuto prima del previsto e chiudiamo dopo l'orario ufficiale. Abbiamo adottato la strada fuori al museo perch passavano centinaia tra camionette e macchine e c'erano problemi di sicurezza. Dico questo perch l'accoglienza un concetto molto pi vasto e complesso di quello che si crede. Noi poi abbiamo delle cose normali, senza un euro pubblico, che per a Napoli nessuno aveva fatto prima di noi. Si guadagna con l'arte? Arricchirci sicuramente no, ma riusciamo a sostenere i costi (compresi quelli del personale, tutto in regola) e a registrare un piccolo utile. Nel 2006 salito a tre milioni, quest'anno il Financial Times ci ha inserito tra le migliori societ per fatturato nel periodo tra il 2012 e il 2015, quando cresciuto dell'86 per cento. Per accanto a questa ci sono gli investimenti, la manutenzione che secondo Bellenger a Napoli langue. Soltanto nell'ultimo anno con un consorzio di esperti abbiamo "pulito" tutta la cappella, tra settembre e novembre abbiamo restaurato l'intera area dell'altare, senza neppure chiudere un minuto, con un restauro a vista. Con Guzzini poi abbiamo creato un sistema di illuminazione a Led, capace anche di sagomare la scultura. Facile per voi che non avete a che fare con i dipendenti pubblici. S, non voglio scadere in luoghi comuni, ma molti direttori di musei mi dicono che il problema sussiste. Ne ho chiamato uno l'altro giorno e non mi ha risposto perch impegnato in una vertenza sindacale. No, da noi queste cose non esistono, e forse questa stata anche una chiave del nostro successo. I nostri custodi sono pi professionali perch siamo una realt piccola: pi facile avere da loro un contatto diretto. Invece in certe realt sarebbe necessario snellire le procedure e i rapporti burocratici. Perch i musei non fanno rete? Dopo gli ultimi stati generali del turismo si sta lavorando non dico per creare una rete, ma quanto meno per realizzare un coordinamento tra tutte le realt. Per non vorrei, e so di apparire antipatico, che rete sia solo la scusa di qualcuno di attaccarsi a chi pi dinamico. pi dinamico. Il Comune deve fare di pi? Erano anni che chiedevamo di poter lavorare sulla strada davanti al museo. Ci siamo riusciti soltanto con questa giunta. Detto questo noi operiamo in una zona, il centro storico che, dopo essere stata riqualificata, ha vissuto un periodo drammatico. Ora molto viva, almeno turisticamente. Bene, io non vorrei che dessimo per normale il fatto che la pavimentazione debba fare schifo e che i muri di via Mezzocannone siano per forza scrostati e imbrattati.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news