LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SPAGNA-Basta turismo di massa la battaglia dellestate che divide la Spagna
OMERO CIAI
Repubblica, 04/08/2017

Gruppi di anarchici assaltano hotel, pullman e ristoranti A Barcellona gli attacchi pesano sul voto per lindipendenza


IL LORO obiettivo il turismo di massa, non i turisti. Ma le azioni dimostrative di Arran, un gruppo giovanile catalano, indipendentista, anticapitalista, socialista e femminista, cominciano a preoccupare il governo regionale di Barcellona che teme una radicalizzazione violenta del processo secessionista. Basta andare su Twitter allaccount @arran_jovent per scoprire le ultime azioni del collettivo, che si denomina anche Paisos Catalans e agisce dalla Catalagna, a Palma di Maiorca, fino a Valencia. Pochi giorni fa, il 22 luglio, alcune decine di militanti di Arran sono entrati nel porto di Palma, hanno acceso e tirato fuochi dartificio contro un ristorante e lanciato confetti sui commensali, poi sono scesi sulla banchina e hanno preso dassalto alcune barche parcheggiate. Sugli striscioni che avevano portato cera scritto: Il turismo uccide Maiorca. Uno slogan simile utilizzano a Barcellona quando hanno assaltato gli autobus turistici: Il turismo uccide i quartieri. E, nelle ultime settimane, almeno una decina di alberghi hanno subito atti vandalici di protesta, ma dimostrazioni dello stesso tipo si sono svolte anche nei villaggi turistici della costa, soprattutto nellarea di Valencia.
I collettivi di Arran sono i Taliban del catalanismo nati nel 2012 intorno allestrema sinistra indipendentista. Si calcola che siano in tutto circa 500 militanti divisi in una sessantina di assemblee di zona fra Catalogna, la regione valenciana e le Baleari. Qualcuno li identifica - ma loro lo negano come la federazione giovanile della Cup, la formazione anticapitalista che ha ottenuto l8,2% dei voti e dieci seggi alle ultime elezioni regionali catalane nel 2015. La Cup, che vuol dire Candidatura di unit popolare, appoggia il governo regionale ed stata indispensabile per formare lultimo governo, quello di Carles Puigdemont, che ha il solo obiettivo di fare il referendum sullindipendenza il 1 ottobre. Ragione per la quale le azioni di Arran hanno rischiato di scatenare una crisi nel governo locale. Mentre Puigdemont le ha condannate senza reticenze, la presidente del gruppo parlamentare Cup, Mireia Boya, le ha difese. Per Mireia Boya il problema il modello turistico di Barcellona e Ada Colau, la sindaca, che ha rinunciato a esplorare alternative. Boya, la Cup e Arran contestano lespulsione dei cittadini dal centro della capitale dove ormai proliferano soprattutto le case per turisti.
Lo spettro delle azioni di Arran molto ampio. Hanno iniziato occupando una sede cittadina del Partito Popolare, poi nelle piazze hanno bruciato ritratti del re spagnolo, Felipe, perch sono repubblicani e anti monarchici. Come anticapitalisti si sono incatenati davanti alla Borsa valori di Barcellona. Il loro cocktail radicale ora preoccupa soprattutto per gli attacchi al turismo, che in tutta la Spagna una delle grandi risorse del Pil.



news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news