LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Project Arsenale, parte la guerra legale. Ricorso al Tar contro sindaco e dirigenti
Lillo Aldegheri
Corriere del Veneto - Verona 4/8/2017

VERONA. Ricorso al Tar contro il sindaco Federico Sboarina e due dirigenti comunali, gli ingegneri Adriano Martinelli e Giorgio Zanoni. Lo ha deposito il 27 luglio scorso a Venezia Italiana Costruzioni, lazienda che aveva presentato il project per la ristrutturazione dellex Arsenale austriaco di Borgo Trento. Come risaputo, la giunta Sboarina intenzionato a revocare la delibera che parla di interesse pubblico per la ristrutturazione e Italiana Costruzioni ha deciso di adire le vie legali, chiedendo i danni per quanto sta accadendo, parlando esplicitamente di turbativa dasta da parte del sindaco e di almeno due dirigenti comunali.

VERONA. Era prevedibile, e adesso ci siamo. La vicenda dellex Arsenale di Borgo Trento diventa ufficialmente una colossale guerra legale tra il Comune di Verona e limpresa Italiana Costruzioni, che aveva presentato il project financing per restaurare e riusare lintero compendio.

La giunta Sboarina, tenendo fede alle promesse fatte in campagna elettorale, quel progetto lo vuole cancellare dalla faccia della terra. Ma gi sin dora arriva la prima reazione dellimpresa milanese. Che ha presentato un durissimo ricorso al Tar, chiedendo i danni per quanto sta accadendo, parlando esplicitamente di turbativa dasta da parte del sindaco e di almeno due dirigenti comunali e annunciando che ce nest quun dbut, questo non che linizio.

Il ricorso al Tar di Italiana Costruzioni, depositato il 27 luglio scorso, punta il dito contro tre persone: il sindaco Federico Sboarina e due dirigenti comunali, gli ingegneri Adriano Martinelli e Giorgio Zanoni.

Limpresa riepiloga i fatti accaduti (naturalmente dal suo punto di vista): la presentazione del projec financing; lapprovazione del progetto da parte del Comune; il bando di gara emanato, mentre un gruppo di elettori, al malcelato scopo di ritardare la gara fino alle elezioni presentata un ricorso al Tar (si parla di Legambiente e Comitato Arsenale, ndr). Dopo le elezioni, prosegue il ricorso, il neoeletto sindaco faceva una serie di dichiarazioni dirette a mettere in discussione la procedura: senza atti concreti dice limpresa - ma con effetto sulla procedura stessa, resa incerta e instabile, col risultato di ingenerare un potenziale contenzioso che avr come unica conseguenza quella di ritardare la conclusione del procedimento e di far perdere i finanziamenti pubblici gi stanziati, con evidenti profili erariali.A quel punto, aggiunge Italiana Costruzioni, il Comune pubblicava un avviso sul suo sito internet per sospendere la procedura fino alla sentenza definitiva sul ricorso presentato da Legambiente e Comitato. Quellavviso era firmato da una persona che , sostiene Italiana Costruzioni, non aveva la minima competenza in materia, ovvero lingegner Martinelli.

Capito di aver fatto un errore, il Comune nominava allora un nuovo Rup (Responsabile Unico del Progetto) nella persona dellingegner Zanoni. Ma quella nomina dice il ricorso stata decisa dal sindaco, che non ne aveva la competenza, visto che il Rup va indicato dal responsabile dellunit organizzativa, che devessere di livello apicale. Quella nomina, insomma, sarebbe spettata (secondo il nuovo Codice degli appalti, articolo 31), ad un dirigente comunale di massimo livello, e non al sindaco. Ragion per cui, dice il ricorso, ogni altro atto compiuto da Zanoni in qualit di Rup (come un secondo avviso pubblicato su Internet, per correggere quello di Martinelli) invalido per incompetenza.

Dopo aver ripetuto che tutti questi comportamenti avrebbero gi provocato una profonda turbativa della gara, Italiana Costruzioni chiede un immediato risarcimento danni, chiarendo peraltro che la domanda limitata ai danni che conseguiranno direttamente dai provvedimenti citati, lasciando invece impregiudicate le ulteriori azioni per il risarcimento del danno che potranno essere proposte in conseguenza delle ulteriori eventuali decisioni ovvero inerzie del Comune dei suoi organi.

Sempre nel testo del suo ricorso al Tar, Italiana Costruzioni punta a rafforzare le proprie posizioni ricordando che lArsenale versa in uno stato di degrado, come segnalato nelle note con cui la sovrintendenza ha diffidato il Comune a porre in essere con urgenza gli opportuni interventi di conservazione, sollecitando nel contempo il Comune stesso a presentare una proposta organica di restauro del complesso monumentale.

Sempre secondo limpresa, lestensione e la dimensione degli spazi e dei volumi da restaurare , tuttavia, tale da rendere impossibile per lamministrazione comunale di poter provvedere nel medio-lungo periodo alla realizzazione di un intervento complessivo di recupero dellArsenale.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news