LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scavi di Ercolano cos Maiuri invent il museo a cielo aperto
ANTONIO FERRARA
05 agosto 2017 la Repubblica




IL REGIME fascista gli impose il silenzio. La ripresa degli scavi di Ercolano doveva essere annunciata direttamente da Benito Mussolini. "Si astenga ora in avanti dal dare interviste e altre pubbliche dichiarazioni" scrive in un telegramma del 17 gennaio 1927 da Roma il direttore generale delle antichit ad Amedeo Maiuri, il soprintendente che novant'anni fa realizz una delle imprese archeologiche pi significative della storia: ampliare gli scavi ottocenteschi di Ercolano rendendo cos la seconda citt sepolta dall'eruzione

Idel Vesuvio del 79 dopo Cristo una nuova, straordinaria attrazione per il pubblico.

A questa opera dedicato un pregevole volume appena uscito nella rinnovata serie degli Studi e ricerche del parco archeologico di Pompei: "Ercolano: 1927-1961. L'impresa archeologica di Amedeo Maiuri e l'esperimento della citt museo" (L'Erma di Bretschneider 2017, 364 pagine, 132 euro). A curarlo gli archeologi Domenico Camardo e Mario Notomista che da anni lavorano nel sito vesuviano con il progetto Herculaneum Conservation Project sostenuto da 15 anni dal Packard Humanities Institute, che si realizza d'intesa con il ministero dei beni culturali.

Il grande sogno di riportare in luce l' antica citt romana - scrivono gli autori - fu realizzato creando un'efficiente organizzazione di cantiere che permetteva di affrontare tutte le fasi dell' intervento, dallo scavo al restauro, fino all' esposizione nel sito dei pi importanti ritrovamenti.

Ed proprio su questo ultimo aspetto, quella della valorizzazione che trasform Ercolano in museo a cielo aperto, che il volume propone una nuova lettura dei fatti. A partire dalla pubblicazione di uno straordinario repertorio di oltre 130 immagini, in buona parte inedite, che permettono di ricostruire diversi aspetti dell' avventura archeologica di Amedeo Maiuri ad Ercolano. Molto prezioso stato il lavoro condotto sia presso l'Archivo centrale dello Stato che tra i fascicoli, i disegni e le foto conservate negli archivi della Soprintendenza Pompei e a Ercolano stesso. Ne venuta fuori una storia avvincente, nata con la nomina di Maiuri a soprintendente alle Antichit della Campania nel 1924. L'archeologo, con lungimirante lucidit, scrisse della necessit di riprendere lo scavo a Ercolano perch "l'abitato di Resina tende inesorabilmente a espandersi sui terreni a valle della citt". I resti messi in luce nell'Ottocento erano schiacciati tra vicoli e case: ci fu anche un progetto per costruire residenze per i dipendenti delle ferrovie che non fu mai realizzato, ma la pressione sul sito era notevole. Di qui, la scelta di Maiuri di riavviare le esplorazioni. Quello che colpisce di questa impresa ("uno scavo difficile che procedeva parallelamente con il restauro e la messa in sicurezza" scrive Massimno Osanna nell'introduzione) la modernit dell'approccio: si mettavano il luce gli ambienti, si comunicavano i risultati (Maiuri fece realizzare manifesti pubblicitari, mentre l'Istituto Luce spesso documentava le attivit), e allo stesso tempo si restauravano gli ambienti, che venivano aperti al pubblico e riarredati con oggetti e decorazioni ritrovati nello scavo stesso.

"Ercolano va consideratta come una citt con il suo volto umano, e non come miniera d'opere d'arte" scriveva l'archeologo. Nel volume anche un contributo di Paola Pesaresi, che ricostruisce l' organizzazione di cantiere e la metodologia di restauro messa in campo a Ercolano, e un saggio di Andrew Wallace Hadrill che narra, invece, la straordinaria azione di divulgatore scientifico e per il grande pubblico realizzata da Maiuri.



news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news