LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LODI-Dietro alla cattedrale di Lodi riportata alla luce la necropoli
Francesco Gastaldi
Corriere della Sera-Milano, 11/08/2017

Decine di scheletri sono spuntati sotto piazza Mercato, nel cuore della citt, durante gli scavi per la posa delle tubature


Sotto i banchi del mercato, nel cuore di Lodi, sepolto un piccolo tesoro archeologico di cui nessuno ha mai sospettato lesistenza. Ossa, teschi, scheletri completi, sepolture raggruppate in unarea di venti metri per venti appena dietro labside della cattedrale in piazza Mercato e che sono saltate casualmente fuori a inizio luglio quando il Comune ha dato il via ai lavori per la posa delle tubature del teleriscaldamento in centro citt. Il primo ritrovamento risale al 6 luglio scorso: qualche pezzo di cinta muraria, un paio di fosse, ossa umane sparse e un teschio. Le indagini sono andate avanti nei giorni successivi e da circa un mese proseguono ininterrottamente. Gli archeologi Maria Rosaria Soria e Ivan Bonardi hanno circoscritto larea dei ritrovamenti isolandola da quella del teleriscaldamento e lavorano praticamente ogni giorno nel piccolo cantiere alle spalle del Duomo di Lodi. In un mese di scavi sono emerse sedici sepolture e nove scheletri completi, tutti compresi nellarea di piazza Mercato pi vicina alla cattedrale lodigiana.

Nei giorni successivi sono stati scoperti anche due livelli differenti di pavimentazione: la prima piuttosto superficiale (a non pi di venti centimetri da terra, sostengono i due archeologi della societ Ra.Ga. srl) sembra di epoca recente, databile fra il XVIII e il XIX secolo. La seconda a circa un metro di profondit costituita invece da un acciottolato che potrebbe risalire allepoca medievale. Di ieri poi lultimo ritrovamento, quello di una tomba completa, differente rispetto alle altre sepolture singole scoperte a inizio luglio. Allinterno un altro scheletro completo, probabilmente femminile. Let dei reperti ritrovati in un mese di scavi non tuttavia ancora certa: per larea delle inumazioni gli esperti indicano una datazione fra Trecento e Settecento. La nuova tomba sembra invece di epoca rinascimentale. Qui sotto ci sono parecchie testimonianze di epoche differenti sostengono Soria e Bonardi : stiamo documentando tutto per presentare una relazione dettagliata alla soprintendenza. Poi decideranno loro come procedere. La soprintendente ai beni archeologici Stefania De Francesco ha gi effettuato almeno tre sopralluoghi nellarea degli scavi. Ha disposto che gli scheletri rinvenuti siano trasferiti nei depositi milanesi della ditta comasca Ra.Ga. (Ricerca Archeologica Geofisica Applicata) per conto della soprintendenza che in futuro potrebbe disporre degli esami pi approfonditi, come il radiocarbonio, per stabilire let dei ritrovamenti. Sempre che vi siano i fondi per farlo.

Quello che pare certo, al momento, che la prima met di piazza Mercato, quella che confina con cattedrale e palazzo vescovile, nasconde nel sottosuolo un cimitero di salme inumate nellarea retrostante della chiesa, come duso comune fino allepoca napoleonica. Le fondamenta ritrovate invece apparterrebbero agli edifici che chiudevano la piazza. Nella ricostruzione delle cronache della citt e dellarchivio storico spiegano i due archeologi per non compaiono notizie di sepolture in quella zona e dunque ci troviamo di fronte a qualcosa di nuovo rispetto a ci che si presumeva in precedenza. In attesa che relazione degli esperti e gli esami stabiliscano quindi leffettiva importanza dellarea archeologica, gli scavi continueranno almeno fino a settembre, in tandem con la posa delle tubature del teleriscaldamento, che non mai stata bloccata ma il cui percorso stato leggermente deviato per evitare di disturbare il lavoro degli archeologi. La mini necropoli accanto al Duomo conferma che nelle viscere di una citt pur giovane la fondazione della Lodi nuova risale al 1158 ed acquis importanza in epoca rinascimentale con la Pace di Lodi nel 1454 c un tesoro che aspetta ancora di essere consegnato agli stessi abitanti e ai turisti. Le tombe accanto al Duomo potrebbero essere il secondo ritrovamento pi importante dopo quello della Lodi sotterranea, un sistema di cunicoli medievali e passaggi segreti scoperto quasi per caso circa dieci anni fa e che questanno ha ricevuto dal ministero delle Infrastrutture un finanziamento di 900mila euro con il quale si potrebbero svelare per la prima volta al pubblico i segreti nascosti nel ventre.



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news