LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quasi 3.000 euro per riscoprire gli Etruschi
12 agosto 2017 IL TIRRENO

La Regione Toscana ha deciso di finanziare gli studi e i progetti archeologici di Castelfiorentino


CASTELFIORENTINO. Il mistero degli antichi Etruschi a Castelfiorentino. Una vicenda che gli archeologi si sforzano di comprendere da quasi trentanni e che ogni volta accende nuovi interrogativi. Un insieme diversificato di reperti che testimoniano una intensa attivit insediativa, attivit artigianali e perfino necropoli. Una storia poco conosciuta dagli stessi abitanti di Castelfiorentino, su cui la Regione Toscana adesso ha deciso di investire con un finanziamento di 2.800 euro. A tanto ammonta il contributo concesso alla Pro Loco su un progetto promosso in collaborazione con il Comune e lAssociazione Archeologica della Valdelsa Fiorentina su Gli etruschi a Castelfiorentino, che contempla a settembre una tre giorni di studi, attivit espositive, visite sui luoghi di ritrovamento dei reperti: a partire da quello di Poggio Carlotta, individuato per la prima volta negli anni Ottanta nella zona collinare di Coiano, a due passi dalla via Francigena.

Mi ricordo benissimo quel giorno dellaprile 1986 - osserva Marco Chiarugi, membro dellAssociazione Archeologica della Valdelsa Fiorentina -, lo stesso in cui dettero notizia del disastro di Chernobyl. Stavo facendo una ricerca su un sito di epoca medioevale e notai un ciglione franato, da cui individuai una scodella ben conservata, che sembrava antica. La portai allUniversit di Siena, che conferm la datazione di epoca etrusca. Da quel primo ritrovamento, presero il via gli scavi che proseguirono fino al 1991, per poi interessare altre aree del territorio di Castelfiorentino.

Centinaia i reperti recuperati: tracce di abbandono di abitati, materiali riconducibili alla loro attivit quotidiana, come la tessitura, il gioco, la lavorazione delle ossa, la ceramica, soprattutto vasellame da cucina. Testimonianze legate alla citt dei vivi, dunque, ma non solo. Sono state rinvenute anche diversi reperti della citt dei morti: cippi, oggetti da corredo funerario, strutture sotterranee. Elementi che inducono a ipotizzare lesistenza di necropoli.

Una storia poco conosciuta - sottolinea il vicesindaco Claudia Centi - e che grazie a questo progetto siamo impegnati a divulgare e a valorizzare, anche per fini turistici. A settembre organizzeremo un programma articolato in tre giorni, dove ci sar occasione per gli studiosi di confrontarsi, ma anche la possibilit per la nostra comunit di conoscere questo capitolo meno noto di storia castellana, attraverso eventi espositivi, attivit didattiche per i bambini e percorsi di trekking. Riportare lattenzione su questo tema - prosegue Centi - pu rappresentare uno stimolo per i giovani
a riprendere gli studi sugli etruschi nel nostro territorio.

Un contributo, quello stanziato dalla Regione Toscana che stato concesso nellambito delle iniziative che si tengono per la Giornata degli Etruschi, che ricorre il 27 agosto.




news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news