LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SERAVEZZA - Cava Medicea, pratica ancora aperta
12 agosto 2017 IL TIRRENO

La procedura amministrativa relativa alla riattivazione di Cava Medicea - Inferiore e Superiore - sul Monte Costa ancora aperta e al vaglio degli uffici comunali. la specifica che giunge con nota stampa dal vicesindaco Valentina Salvatori, che interviene sulla vicenda dopo le considerazioni del Movimento 5 Stelle. L'amministrazione ha ben presente la procedura in corso - spiega Valentina Salvatori, che ha la delega all'urbanistica - ed consapevole della necessit di affrontare e risolvere i problemi di sicurezza del fronte connessi ad un elevato rischio frana sopra il Torrente Vezza, da un lato, e dei problemi altrettanto seri legati all'impatto che l'attivit estrattiva avrebbe sul territorio, dall'altro lato. In particolare - va ricordato - la cava si trova proprio sopra l'Area Medicea, Patrimonio Unesco. Abbiamo dato mandato all'ufficio urbanistica - prosegue Salvatori - di chiedere un approfondimento non solo sotto il profilo paesaggistico ma in generale sugli importanti valori in gioco, con l'intento di stimolare su questo una riflessione e un confronto con Regione e Provincia, che negli anni hanno effettuato diversi sopralluoghi e ben conoscono la situazione. I 5 Stelle avevano fatto presente che proprio in questa fase si rendeva necessario il coinvolgimento della popolazione, e non ad autorizzazioni rilasciate. Il piano di coltivazione prevede, se rilasciata l'autorizzazione, una durata di 16 anni per un totale di oltre 300 mila mc di materiale estratto nelle cave, oltre all'asportazione del ravaneto che incombe sul Mediceo. Il Piano regionale delle attivit estrattive del 1997 riconosce il Monte Costa come area estrattiva. In sede di elaborazione del nuovo Prae, tra 2003 e 2007, il Comune condivise con la Regione la scelta di escludere il Monte Costa dalle aree estrattive, ma la previsione non ebbe attuazione - ricorda Salvatori - a causa della mancata pianificazione da parte della Provincia. Solo di recente, per, l'area rientrata nel perimetro di area contigua del Parco. Secondo gli uffici comunali questo fatto, unitamente all'entrata in vigore del nuovo Piano per il Parco, comporta l'obbligo di acquisire l'autorizzazione paesaggistica, prima non prevista. Tale autorizzazione dovrebbe andare a ampliare il contenuto istruttorio della procedura in corso. (t.b.g.)




news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news