LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ORA LA REGIONE PROGETTA IL CONDONO PERMANENTE
GIUSEPPE GUIDA
12 agosto 2017 LA REPUBBLICA




IVERI ipocriti, scriveva Andr Gide, sono quelli che cessano di attuare i loro inganni, mentendo con sincerit. Sul piano inclinato e sdrucciolevole dell'urbanistica, dell'edilizia e dell'abusivismo edilizio, la Regione Campania, si sta esercitando da pi di dieci anni a lasciare il territorio privo di tutele, affidandolo ad un liberismo non pi criminogeno perch coperto dalle nuove normative cucite addosso alla speculazione edilizia.

Tuttavia non tutto si pu dire e confessare apertamente, e cos lo smontaggio delle regole avvenuto lentamente, pezzo dopo pezzo, tutela dopo tutela, vincolo dopo vincolo. Le motivazioni sono sempre le solite, vischiose e ambigue: abusivismo di necessit, rilancio dell'economia, "valorizzazione" dei paesaggi, un generico "sviluppo". Tutte accezioni a vacante, gusci vuoti che, di fatto, stanno riportando l'intera regione a modelli che non temono il confronto con il famigerato "sacco" di Napoli, con l'urbanizzazione della costa domitia, con la saga degli ecomostri realizzati tra gli anni '50 e '80 (alcuni dei quali, quelli pi sfortunati, poi abbattuti).

Uno dei nemici della Regione Campania, da anni ormai, quindi la fastidiosa pianificazione urbanistica che, pur nascendo come un "patto" per il futuro che le comunit locali si danno, soprattutto per garantire le parti pi deboli (fisiche e sociali) di un territorio, viene oramai considerata come un inutile impiccio di cui meglio liberarsi quanto prima.

A questo proposito, la Legge regionale 19 del 22 giugno di quest'anno ("Misure di semplificazione e linee guida di supporto ai Comuni in materia di governo del territorio), che stabilisce "misure alternative alle demolizioni di immobili abusivi (!), come recita candidamente l'articolo 2, far scuola, e non a caso stata impugnata dal governo, con disappunto del presidente De Luca. La legge utilizza una tecnica molto spesso appannaggio dei legislatori regionali. A questo proposito, su Repubblica dell'8 agosto, Tomaso Montanari ha scritto: L'altra faccia dell'abusivismo speculativo che sfigura l'Italia lo stravolgimento della legislazione del territorio, non di rado tesa a sanare preventivamente gli abusi, anzi a trasformare l'abuso in legge, sostituendo alla pianificazione pubblica l'iniziativa dei costruttori . Insomma, quello che sta avvenendo (in molte parti d'Italia, a dire il vero: Montanari faceva l'esempio dell'Emilia Romagna) una sorta di transustanziazione dell'abuso, dello sfregio al paesaggio, dell'alterazione dell'equilibrio urbanistico, in qualcosa di legale: un condono permanente, continuativo, soprattutto duraturo, i cui segni resteranno per sempre su un territorio che si vuole a vocazione turistica, enogastronomica, paesaggistica.

Proprio la pianificazione paesaggistica l'altro bersaglio della Regione. Riposta l'idea di fare, come prevederebbe la legge, il piano paesaggistico regionale, il mese scorso stato approvato in commissione un disegno di legge che annuncia la modifica e quindi l'alterazione definitiva del Piano urbanistico territoriale della costiera sorrentino-amalfitana (Put). Un manipolo di consiglieri regionali, capeggiati dall'onorevole Alfonso Longobardi, ritiene il territorio peninsulare eccessivamente "ingessato" e bisognoso quindi di un trattamento particolare che prevede, appunto, la lenta demolizione dei vincoli del Put. Qui l'ipocrisia duplice. Non solo non si riconosce a quel piano paesaggistico l'aver in buona parte salvato le coste che, ricordiamolo, sono tra i pochi territori della nazione ancora appetibili e nettamente remunerativi anche in tempi di crisi; ma non si tiene conto delle decine di leggi e modifiche di norme che consentono gi oggi ampie e spropositate manomissioni a quei territori, come il Piano Casa, o la Legge regionale 19/2001 che consente da quasi vent'anni di sbancare uliveti e limoneti trasformandoli in box interrati.

Messi tutti insieme, questi (ed altri) provvedimenti, hanno smontato la pianificazione urbanistica e la tutela del paesaggio nella Regione, trasformandola in materia priva di rilievo e campo di successo per gli avvocati che riescono a trovare appigli comodi a qualsiasi problematica. L'interesse collettivo, per, da tutt'altra parte.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news