LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Troppo vicino all'abbazia l'iperCadoro sotto esame
di Matteo Marcon
LA NUOVA VENEZIA 13 agosto 2017


MOGLIANO - Il nuovo piano di recupero dell'area Cadoro non piace nemmeno alla parrocchia. Tra le otto osservazioni al piano di recupero presentato dallo studio Berro e approvato dalla giunta Arena il 15 giugno scorso, spunta anche il severo ammonimento del parroco don Samuele Facci. Al prelato della chiesa Santa Maria Assunta, dove sorge anche l'antico complesso abbaziale, non passata certo inosservata la mastodontica presenza del nuovo supermarket proprio a due passi dal cuore religioso e storico della citt. Don Samuele Facci, nell'esprimere le proprie riserve al piano di recupero, considera inadeguate le soluzioni progettuali che dovrebbero mitigare l'impatto del nuovo "capannone". Si parla di una superficie di 2. 500 metri quadrati, un volume di 18 mila metri cubi, con altezza media di 4 metri. Un mega supermercato, dunque, spunter proprio tra la casa del campanaro (altro edificio considerato tra i pi antichi della citt) e il campo santo, spezzando il naturale continuum urbanistico. I progettisti dello studio Made Associati, incaricati da Cadoro hanno cercato di intervenire inserendo due diversi elementi: una fascia verde (6 mila metri quadrati complessivi) e un muretto divisorio. Secondo il don, per, non abbastanza: Per garantire la necessaria mitigazione visuale ed acustica tra il complesso benedettino e la futura piastra commerciale si richiede vengano utilizzati opportuni criteri progettuali non garantiti dal solo parco pubblico interposto tra i due edifici.Inoltre, giudicando l'insediamento commerciale fuori scala rispetto al centro storico e di grande impatto visivo, Don Samuele auspica l'uso di materiali e finiture rispettose del contesto. Nelle controdeduzioni il Comune di Mogliano sembra gi intenzionato a passare la patata bollente direttamente alla Soprintendenza: Il piano rispettoso delle indicazioni del Prg si legge nei documenti gi approvati in giunta La soprintendenza garante degli aspetti estetici, della qualit dei materiali, nonch delle relazioni tra il nuovo intervento e gli edifici di valore monumentale presenti nell'area. Le parole del parroco moglianese, e gran parte delle altre osservazioni fatte pervenire agli uffici, lasciano sorgere spontanea una domanda: in quale centro storico degno di tale nome si costruiscono maxi supermercati a due passi dai monumenti pi importanti? Secondo gli studiosi proprio nell'area del chiostro e dell'attuale duomo di Mogliano, intitolato a Santa Maria Assunta, ben prima dell'anno mille, sorgeva una piccola pieve. Uno scrigno di storia, per la comunit locale, che si conservato intatto per oltre mille anni e che solo la Soprintendenza, ormai, potr difendere.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news