LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Addio a Carlo Del Bravo, longhiano disobbediente
Laura Lombardi
http://www.ilgiornaledellarte.com/

Firenze. A 82 anni, dopo una lunga malattia che ne aveva minato il fisico ma non la mente, scompare Carlo Del Bravo, ordinario di storia dellarte moderna dellUniversit di Firenze, i cui studi, sullarte, dal Rinascimento al Novecento, si sono distinti per il taglio originale, profondo e per molti aspetti pionieristico nel panorama della storia dellarte e della critica contemporanea. Allievo di Roberto Longhi, del quale aveva saputo rinnovare e attualizzare il metodo, Del Bravo aveva disubbidito a Longhi nel coltivare interessi per larte dellOttocento accademico ma anche per maestri del Naturalismo o dellImpressionismo internazionale ancora ignorati dalla critica negli anni Settanta ma che sarebbero poi divenuti protagonisti di istituzioni come il Muse dOrsay, o di mostre alla moda molti anni dopo (i pittori dei Paesi scandinavi o russi, ad esempio). La sua formazione era tuttavia legata al Rinascimento, e i suoi studi da Brunelleschi a Tribolo, offrono snodi fondamentali per intendere la cultura dei periodi in cui sono calati, come pure quelli sul Seicento, non solo fiorentino (gli amati Vignali, Cecco Bravo ecc.) ma anche romano, con gli studi su Bernini, Caravaggio e i pittori caravaggeschi a lume di notte. Persona schiva, altera con gli estranei, affettuosa anche se esigentissima con i propri studenti, Del Bravo si sempre mantenuto il pi possibile fuori dai riti accademici, dedicandosi alla scrittura (ricordiamo alcune raccolte di saggi come Le risposte dellarte, Sansoni 1985, Bellezza e pensiero, Le Lettere 1997 ), alla rivista Artista (Le Lettere), da lui fondata nel 1989 con Anna Maria Petrioli Tofani e Carlo Sisi, accolta da Marc Fumaroli come una delle pi notevoli nel panorama critico odierno, e soprattutto linsegnamento universitario. Il metodo Del Bravo era distinto e riconoscibile per la preziosa unione e equilibrio tra lettura iconografica e iconologica (anche qui superando il metodo longhiano), ma senza scivolare nei tranelli di certa ermeneutica e con una grande passione per la lettura delle fonti antiche. Platone, Aristotele, Epicuro, Plotino, santAgostino divenivano pilastri fondanti per intendere non solo larte dal Rinascimento al contemporaneo ma per discernere il significato di comportamenti umani che proprio attraverso larte erano espressi. In questottica, che, platonicamente, poneva lamore per la bellezza della forma come trampolino per ulteriore ascesi, era svolto anche lesercizio delle attribuzioni, che lo vedeva proporre in ordine sparso, disorientante ma per questo ancor pi efficace per locchio e per la lettura critica, artisti di secoli diversi. Da Francesco di Valdambrino a David Hockney, da Simone del Tintore a Hippolyte Flandrin, da Duquesnoy a Eckersberg, da Rosso Fiorentino a Duane Michals, animato da una risoluta tensione verso una lettura libera da condizionamenti ideologici, adducendo sempre il monito di Aldous Huxley contro i rischi del puritanesimo nellarte. Legato a Villa I Tatti, sede fiorentina della Universit di Harvard, Del Bravo era stato visiting professor a Princeton, ma aveva sempre preferito il dialogo stretto e quotidiano con gli allievi (tra cui Carlo Sisi, Ettore Spalletti, Antonio Natali, Giancarlo Gentilini, Andrea Muzzi, Beatrice Paolozzi Strozzi, Isabella Lapi Ballerini, Lorenzo Gnocchi, Barbara Cinelli, Giovanna De Lorenzi, Francesca Petrucci, Carlo Falciani e chi scrive, ma anche Sandro Lombardi negli anni dei Magazzini Criminali), le meditazioni sulla bellezza nella sua campagna chiantigiana di Valle, presso San Donato, cui alternava viaggi allestero per le mostre degli artisti pi amati. Importante anche il suo impegno per la Galleria degli Uffizi e per Palazzo Pitti, membro della Commissione per la valutazione e le nuove acquisizioni della Galleria d'Arte Moderna, all'interno della quale ha promosso lacquisto di disegni di Pietro Benvenuti, del Paesaggio a Grizzana di Giorgio Morandi, o della stele marmorea di Lorenzo Bartolini.
di Laura Lombardi, edizione online, 14 agosto 2017

http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2017/8/128091.html


news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news