LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

USA-La Guerra civile dei monumenti la rabbia dellAmerica Dimenticata
VITTORIO ZUCCONI
Repubblica, 18 agosto 2017

C una strategia, dietro la follia. Il Trump disperato, vanesio, solo e furioso di questi tempi sa di non avere nulla da perdere e qualche cosa da guadagnare cavalcando quei destrieri di bronzo che ricordano allAmerica la Guerra civile e coltivano, pur coperti ormai dallo sterco della storia e dei piccioni, il sogno di un ritorno ai tempi della Grande America. Quando le vittime, neri e stranieri, potevano essere impunemente impiccati e linciati, costruendo monumenti ai loro carnefici.


GLI SPETTRI INQUIETI della Guerra civile americana tornano a cavalcare nel rancore di una storia infinita e mai risolta. Disarcionati dai loro cavalli di bronzo, strappati con le gru ai piedestalli della venerazione da ultime ore di Atlanta che brucia in Via col Vento, gli eroi della Confederazione e della secessione schiavista galoppano, frustati da un Donald Trump che sta rischiando la presidenza e la dignit civile dellAmerica sulla difesa dellorgoglio sudista.
cos foolish, sciocco, e cos sad, triste, lacerare la storia e la cultura della nostra nazione per rimuovere le nostre belle statue e i nostri monumenti, twitta a raffica e a puntate il presidente nel mattino di ieri dal suo golf club nel New Jersey, ben lontano dal cratere aperto dal ritorno del KKK e dei neonazi, ancora furente, esasperato dalle critiche. un leone in gabbia, lo descrivono i suoi inquieti domatori alla Casa Bianca, per le reazioni alla scomposta conferenza stampa dopo la marcia di Charlottsville e il plauso della Alt-right, della destra pi idrofoba.
Scoppia la Guerra civile dei monumenti e se i cavalli, i generali e i cannoni di bronzo disseminati a migliaia fra il Maryland e il Golfo del Messico 500 monumenti, 1.500 fra placche e bassorilievi commemorativi non uccidono nessuno, gli umori e rancori che quegli eroi immobili riesumano agitano il fondo limaccioso della coscienza nazionale mai sedimentata. Nella sua frustrazione di presidente che non ha mantenuto in sette mesi nessuna delle promesse fatte da candidato, nellimpotenza di un capo di governo paralizzato dalla propria impulsiva incoerenza e da un Parlamento che lo sta incistando, Trump cerca di uscire dalla gabbia facendo appello alle pulsioni pi torbide del proprio elettorato, al nocciolo pi tossico dellAmerica Dimenticata. Quella che vede in ebrei, neri, immigrati e nei media falsi la causa della propria marginalizzazione.
Trump, figlio del privilegio bianco, rampollo ereditario di palazzinari di Queens e del New Jersey, quanto di pi lontano si possa immaginare, per storia, educazione nei college della Ivy League e per formazione personale, dai good ole boys, dai bravi ragazzi bianchi del Sud che coltivano il sogno della rivincita contro lAmerica nera. I boia chi molla, spesso veterani e reduci, che sfogano la propria passione politicamente scorretta nel culto dei generalissimi Confederati, il sommo Robert E Lee, Thomas Stonewall Jackson, P.G.T. Beauregard, il generale che inflisse agli Yankee, agli odiati nordisti, la sanguinosa batosta nella battaglia di Manassas, oggi sobborgo della capitale Washington. Ma nella sua nuova Strategia del Sud per mantenere intatto almeno il nucleo pi arcigno del proprio vacillante consenso sceso al 35%, Trump, il sempre grande venditore, ha intuito che in quei monumenti, odiosi per quello che celebrano, c quello che rimane di una parte della identit sudista.
Tutti gli Stati pi poveri e arretrati degli Usa sono nel Sud, lArkansas, il Mississippi, il Delta della Louisiana, lAlabama, il Kentucky, dove massima la concentrazione di revanscismo antinordista e ancora facile avvistare lungo le strade cartelli che ineggiano alla caccia ai coons, ai procioni, slang per i neri, ed essere sorpassati da pickup con la bandiera di SantAndrea, il vessilo dei ribelli e la rastrelliera per il fucile nel lunotto. Quei guerrieri a cavallo, quei generali sui piedestalli, che ora Trump difende come oggetti storici e innocenti ornamenti di piazze e guardini, paragonando i padri fondatori degli Stati Uniti, Washington e Jefferson, con i secessionisti che gli Stati Uniti avrebbero voluto disunire, sono spesso tutto quello che resta, insieme con la cristianit pi esaltata, per definire lidentit dei bianchi emarginati nel Sud. Infatti, dalle voci di condanna che si alzano, seppur non altissime, da senatori repubblicani come Lindsey Graham della South Caroline, John Mc-Cain, lontano a battersi contro il cancro al cervello, Jeff Flake dellArizona, dagli editoriali indignati e dalla diserzione di tutti i maggiori capitani dindustria, manca la voce del Concilio delle Chiese evangeliche, per ora silenziose.
Si dice che la Casa Bianca, il circolo dei collaboratori pi stretti, fra i quali americani ebrei in posizioni importanti, e lo stesso genero Jared Kushner, siano sconvolti da questo giustificazionismo del capo di fronte a cortei che intonavano slogan nazisti come Terra e Sangue e gridavano che ebrei e negri non prenderanno il nostro posto. Ma sconvolgimento e indignazione o sbigottimento, come quello del capo gabinetto John Kelly mentre ascoltava Trump sbroccare, non hanno portato a dimissioni. Sindaci di citt, come Baltimora, rimuovono in fretta, a volte in piena notte, i monumenti, prima che i violenti clown della destra neonazi e klanista, come li ha chiamati il Rasputin della Casa Bianca, Steve Bannon, organizzino marce e scatenino la reazione dei resistenti raccolti nellAntifa, lombrello degli antifascisti.



news

22-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news