LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fisco, arriva il social bonus per il recupero degli immobili pubblici
di ANTONELLA DONATI
13 agosto 2017 la repubblica

Da inizio agosto in vigore il credito di impoosta al 65% per le donazioni effettuate a soggetti del terzo settore impegnati nel riutilizzo di beni inutilizzati o confiscati alla criminalit organizzata


Al via un nuovo bonus per chi decide di finanziarie i soggetti del Terzo settore impegnati nel recupero degli immobili pubblici e di quelli confiscati alla criminalit organizzata. Il social bonus previsto dal Codice per il Terzo settore, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 agosto scorso, sar pari al 65% delle donazioni effettuate. Con la riforma del settore scatta anche pi trasparenza per l'uso dei fondi del 5 per mille con gli enti obbligati, da ora in poi, a indicare in dettaglio la destinazione dei fondi dei quali sono stati beneficiari.

Al via un nuovo bonus fiscale. Il Codice introduce dunque un nuovo credito d'imposta denominato social bonus che sar riconosciuto a chi decide di effettuare delle donazioni in denaro in favore degli enti del Terzo settore che hanno presentato al Ministero del lavoro e delle politiche sociali un progetto per sostenere il recupero degli immobili pubblici inutilizzati e dei beni, anche immobili, confiscati alla criminalit organizzata a loro assegnati. I progetti dovranno prevedere ovviamente solo l'utilizzo dei beni per scopi sociali, comprese eventuali attivit sanitarie. Il social bonus pari al 65% dell'importo delle donazioni se effettuate da soggetti Irpef, e al 50% dell'importo donato in caso di societ. Si potr utilizzare esclusivamente nella forma del credito d'imposta, in tre rate annuali di pari importo. Ai destinatari dei finanziamenti richiesta la massima trasparenza: dovranno, infatti, pubblicare sul proprio sito, in una pagina dedicata e facilmente individuabile,tutte le informazioni relative allo stato di conservazione del bene e agli interventi di ristrutturazione o riqualificazione in atto. Le stesse informazioni dovranno essere inserite in un apposito portale, gestito dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

I fondi del 5 per mille. Per quanto riguarda il 5 per mille, il Decreto di modifica, che fa sempre parte della riforma del Terzo settore, conferma la platea dei soggetti beneficiari per i quali ora prevista anche l'iscrizione in uno speciale Registro che sar istituto presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Potranno iscriversi, e quindi ottenere i finanziamenti a valere sull'Irpef, Ong, associazioni di promozione sociale e associazioni e fondazioni di diritto privato che operano nei settori della beneficienza. Confermate poi le altre possibili scelte per la finalizzazione del finanziamento, ossia: ricerca scientifica e universit, ricerca sanitaria, sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche, riconosciute dal Comitato olimpico nazionale italiano, che svolgono una rilevante attivit di interesse sociale.
Resta anche ferma la destinazione della quota del cinque per mille dell'Irpef a favore del finanziamento delle attivit di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici. A breve arriveranno, poi, altre novit per quel che riguarda le scelte non effettuate. Destinare il 5 per mille, infatti, non obbligatorio, ma fino ad oggi in caso di scelte non effettuate i fondi sono stati assegnati in proporzione al totale delle scelte offerte. In futuro, invece, questa ripartizione sar rivista e saranno anche ridotti i tempi per gli accreditamenti ai singoli enti.

La destinazione dei fondi. Per chi riceve questi finanziamenti scattano invece fin da subito nuovi obblighi di trasparenza. I beneficiari del riparto del contributo, infatti, hanno ora l'obbligo di redigere un apposito rendiconto, accompagnato da una relazione illustrativa, dal quale dovranno risultare in modo chiaro, trasparente e dettagliato la destinazione e l'utilizzo delle somme percepite. Lo stesso resoconto dovr essere pubblicato sul sito web dei beneficiari, per cui sar possibile verificare
come effettivamente sono stati utilizzati i fondi percepiti sulla base delle indicazioni espresse in sede di dichiarazione dei redditi. Per gli enti che non dovessero rispettare l'obbligo di trasparenza scatter una sanzione pecuniaria pari al 25 per cento del contributo percepito.



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news