LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna, Riccomini boccia le barriere illuminate di Strada Maggiore
di CATERINA GIUSBERTI
17 agosto 2017 LA REPUBBLICA



Fioche luci violacee sui basoli, gialle sotto il portico. Lo storico dellarte: "A che servono? Nessuno lo sa"


Quando sono spuntate a fine maggio, dopo quasi tre anni di attesa, hanno scatenato le ire di urbanisti, progettisti e architetti. Poi per mesi sono rimaste sepolte tra i new jersey bianchi e rossi da cantiere, di plastica. Ora alle "barriere di protezione" del portico dei Servi hanno anche acceso le luci, come da progetto, innescando una nuova ondata di critiche. Sotto ogni barriera di ferro, illuminata dai led, un fioco bagliore che oscilla tra il viola e il celeste. Passandoci accanto, di notte, si ha limpressione di una nevicata fuori stagione, se non di una lieve infarinatura.

Immediata lindignazione degli urbanisti che gi a fine maggio avevano inscenato una protesta contro lintervento: una ballerina incatenata ai portici con un filo rosso, come in un abbraccio, in un simbolico gesto di protezione. "A cosa servono quelle luci? Non capisco - sbotta dalla sua casa di Loiano lo storico dellarte Eugenio Riccomini -. Gi quelle barriere che spuntano dal marciapiede non avevano senso, sembrano le maniglie di una valigia. Ora con le luci ne hanno ancora di meno. Che dire, immagino sia per le auto, perch non ci vadano a sbattere. Ma per evitarlo cera un modo molto pi semplice: non costruirle affatto, visto che non si capisce davvero a cosa servano. Se le hanno messe l per proteggere il portico, non ce n mai stato bisogno. E come pista ciclabile pericolosa perch troppo stretta".

Dello stesso parere il collega Roberto Maci. "Dopo la nostra protesta hanno allineato le barriere allincrocio con piazza Aldrovandi, alle colonne del portico - spiega -. Ma il risultato finale cambia poco. Sono brutti blocchi orizzontali che contrastano vistosamente con la verticalit del portico, adesso pure illuminati con una luce al led. Che dire? Si capisce come mai ci hanno messo tanto a farsi approvare questo progetto dalla Soprintendenza: un ibrido, come piazza Aldrovandi che non una strada e nemmeno una piazza. Tra laltro, se si viene dalle Due Torri il cartello indica alle biciclette di passare allesterno: non ha senso".

La storia della "non-ciclabile" dei Servi piuttosto lunga. Finanziato tramite i fondi del cantiere Crealis, il progetto fu fermato una prima volta dalla Soprintendenza nel 2015. Poi rimase tutto bloccato per anni finch,
a febbraio, il Comune ruppe il silenzio annunciando lok della Soprintendenza in un comunicato dal titolo: "Strada Maggiore ecco le nuove protezioni per la pista ciclabile". Il cantiere fin il 25 maggio, ma da quel momento lamministrazione ha corretto il tiro, spiegando che non si tratta di una ciclabile (non avendone le misure regolamentari), ma di una "barriera di protezione per il portico". Ora anche illuminata a led.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news