LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - I ruderi dei Molini di Sotto rischiano di crollare sulla gente
di Filippo De Gaspari
18 agosto 2017 LA NUOVA VENEZIA

MIRANO - Casca dentro o casca fora? . I miranesi scommettono sui Mulini di Sotto, ma c' poco da scherzare. Lo storico edificio, ridotto ai soli muri perimetrali, incombe sul bacino del Muson e su via Barche e i cittadini si chiedono se non vi siano rischi per le persone. Di due tipi: il primo, pi evidente, riguarda la facciata sud dell'ex opificio che potrebbe collassare su via Barche, nell'area dell'ex pesa pubblica. Dove le auto continuano a essere parcheggiate, le persone a transitare e il mercato settimanale a essere svolto regolarmente. L'altro ordine di rischio riguarda il bacino, che gi soffre di problemi di deposito di fanghi e terreno, accumulati per il mancato scavo negli anni. Un eventuale crollo potrebbe creare problemi al defluire del Muson, in particolare nel salto d'acqua sotto i Molini, con problemi idraulici per l'intera zona e la piazza. E i miranesi si chiedono: Ma non si pu fare proprio nulla? Aspettiamo il dramma? . A riaprire il dibattito tra la gente stato (e per una volta non il contrario) il Consiglio comunale di fine luglio. Ma del destino della storica struttura si era parlato solo pochi anni fa, dopo alcune foto aree pubblicate in un reportage della Nuova Venezia, che mostravano il degrado dell'area ripreso dall'alto: un rudere avvolto nell'incuria e apparentemente pronto a cedere da un momento all'altro. Proprio a seguito di quegli articoli erano pervenute al Comune alcune relazioni tecniche allarmanti. Una, datata 28 marzo 2014 e firmata dall'ingegner Piero Mazza, affermava che: Si nota solo la muratura perimetrale, non inframezzata da elementi di controventamento. Il fabbricato non assolutamente in condizioni di sicurezza: se la parte verso il bacino o il bosco potrebbe sbandare, la parete a sud potrebbe crollare invadendo la carreggiata. Pochi giorni dopo il Comune chiedeva al proprietario, Massimo Rongaudio, di presentare una perizia statica entro 10 giorni. Cosa che il privato ha subito ordinato, con esiti pi rassicuranti: I paramenti murari non evidenziano stati fessurativi, sconnessioni o deformazioni che possano indicare l'esistenza di condizioni di pericolosit per persone o cose, afferma la relazione del professionista. Questo oltre tre anni fa. Ma adesso? Il degrado ravvisabile da chiunque, la Soprintendenza ha dato via libera al progetto, perch non si interviene e la struttura rimane in stato di abbandono senza alcuna messa in sicurezza? N si pensa a bonificare l'area da piante e topi? , chiede Maria Giovanna Boldrin, firmataria insieme a Lega e civica di centro di un'interrogazione. L'intervento un'iniziativa privata, ribadisce il vicesindaco Giuseppe Salviato, che il Comune ha accompagnato chiedendo la pulizia e la messa in opera di interventi di rinforzo. C' la disponibilit del proprietario a farlo, lui a dover garantire che non vi siano rischi per l'incolumit pubblica.



news

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

Archivio news