LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'IDENTIT OFFESA DAL VANDALISMO
Cesare De Seta
20 AGOSTO 2017, LA REPUBBLICA


LA FONTANA dei Tritoni, commissionata da papa Clemente XI Albani, fu progettata da Carlo Bizzaccheri e posta in un sito prestigioso: ha base ottagonale e raffigura due tritoni dalle braccia muscolose che sorreggono sopra le teste una conchiglia da cui sgorga l'acqua. ispirata alla Fontana del Tritone di Gian Lorenzo Bernini: qualche notte fa stata oggetto di un atto vandalico. Litri d'olio per motori sono stati versati nella vasca ottagonale. l'ultimo ma non il solo che offende un'opera d'arte della capitale. Basti ricordare i danni gravi alla Barcaccia di Bernini, restaurati dopo anni di delicato lavoro. O il bagno che venerd sera due turisti si sono concessi nella fontana del Moro di piazza Navona.

A Napoli negli stessi giorni la vittima stata la Fontana di Monteoliveto, prospiciente palazzo Gravina e la chiesa di Sant'Anna dei Lombardi. La fontana dedicata a Carlo II, la cui statua in cima: i lavori della fontana iniziarono nel 1668 dai marmorari Mori e Sanbarberio con la supervisione dell'architetto Donato Antonio Cafaro; nel 1671 il Mori mor e a lui subentrarono Dionisio Lazzari e Giovanni Mozzetti. I lavori per realizzare la statua in bronzo vennero affidati a Giovanni Maiorino e Giovanni D'Auria, su disegno di Cosimo Fanzago. I due non terminarono la scultura, ultimata nel 1673 da Francesco D'Angelo. Nel corso dei decenni questo splendido gruppo scultoreo stato danneggiato pi volte e sono stati eseguiti restauri lunghi e costosi. Ma a ferragosto la vasca divenuta una pattumiera con scritte oscene: uno scempio motivato solo da una bruta stupidit.

La fontana monumentale della Reggia di Caserta si conclude con lo splendido gruppo scultoreo che illustra il mito di Diana e Atteone: la dea presa dal caldo indusse le sue ancelle a spogliarsi e a bagnarsi in uno specchio d'acqua. Atteone, che era a caccia nella selva, sbirci lo spettacolo: Diana furibonda lo trasform in cervo e i suoi cani lo dilaniarono. Una storia drammatica narrata con la grazia della qualit scultorea. In quello stesso specchio d'acqua, dove sgorgano le acque che provengono dall'Acquedotto Carolino progettato da Luigi Vanvitelli, una turista ha ritenuto gradevole bagnarsi. Quasi fosse una piscina di un hotel a cinque stelle. Nel 2013 la fontana venne sottoposta a un delicato e lungo restauro a causa dell'incuria in cui versava. Ma nessuno ha fermato la donna accaldata.

Questi episodi cos diversi ci dicono che quella della tutela del patrimonio artistico un flatus vocis: manca il controllo necessario perch arredi urbani e gruppi scultorei vengano tutelati.

Il caso pi clamoroso fu quello del folle che diede una martellata alla Piet di Michelangelo in San Pietro, ma gli episodi di vandalismo non si contano. Sarebbe necessario che si riflettesse seriamente sul significato che hanno questi gesti. Essi non riguardano solo sculture disseminate nelle nostre citt, ma anche dipinti o decorazioni che sono in luoghi tutelati, come musei e monumenti. A parte il folle che deturpa il Cristo morto tra le braccia di Maria, questi gesti sono il segno di una vocazione vandalica che affonda le radici nell'incultura del cittadino medio italiano. Al quale s'insegna in modo miserevole la storia dell'arte nelle scuole, e pertanto non riconosce nel patrimonio storico-artistico una parte essenziale della propria identit. Questi gesti sono una sorta di Damnatio memoriae di una collettivit che non si riconosce pi nelle memorie sacre della propria civilt. Si racconta che quando a Firenze veniva disposta in una chiesa un'opera d'arte commissionata a un grande pittore come Giotto, il popolo seguiva in processione l'opera. Ma i nostri amministratori sono presi da altro: non si occupano del degrado della Fontana di Monteoliveto, ma progettano nella stessa Napoli O' Cuorno, un'istallazione di 80 metri sulla Rotonda Diaz, dopo la piramide. Persino con il consenso di insospettabili intellettuali che considerano O' Cuorno un "attrattore turistico": ma non sarebbe meglio destinare tali risorse al controllo di quelli che davvero sono parte essenziale della civilt di una citt? Sono domande che ci si pone da decenni e che dovrebbero sollecitare lo spirito civico non solo degli amministratori locali, ma del ministero di Beni Culturali che soprintende al patrimonio artistico di cui massimo responsabile.




news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news